3 Giugno 2020

ASSEMBLEA – “It aint a riot, it’s a revolution” in collegamento da Minneapolis

L’assassinio di George Floyd da parte della polizia di Minneapolis ha scatenato una furiosa ondata di proteste in tutti gli Stati Uniti. Trump ha attaccato e provocato il movimento, ma le forze repressive hanno perso il controllo in diverse città.
Nel centro del capitalismo mondiale, le fondamenta del sistema sono scosse dalla lotta di massa.

Venerdì 5 giugno ci collegheremo in diretta da Minneapolis con Erika Roedl, militante di Socialist Revolution – sezione statunitense della Tendenza Marxista Internazionale.

Erika ci darà una testimonianza diretta di quel che sta avvenendo, delle sfide davanti al movimento e di cosa stanno facendo i marxisti negli Usa.

Per partecipare all’assemblea, registrati su:
https://bit.ly/DirettaMinneapolis

Leggi anche:

 

Articoli correlati

Il fenomeno Sanders: cosa significa e dove sta andando?

Nonostante sia stata ampiamente pronosticata, la vittoria schiacciante di Bernie Sanders alle primarie del New Hampshire ha prodotto ondate di choc. Questo risultato ha prodotto smarrimento fra i commentatori. È successo qualcosa che non doveva succedere.

Donald Trump e i rifugiati

Donald Trump ultimamente è un uomo estremamente indaffarato. Mentre s’affanna con tutto sé stesso a “rendere di nuovo grande l’America” è costretto a lottare su numerosi fronti contro nemici oscuri che testardamente cercano di ostacolarlo e in tal modo impediscono all’America di tornare di nuovo grande.

Lo scontro Usa-Russia

Il conflitto tra Usa e Russia rappresenta una delle principali contraddizioni della politica mondiale. Nonostante durante la campagna elettorale del 2016 Donald Trump avesse dichiarato la sua intenzione di normalizzare i rapporti con la Russia, assistiamo oggi a una nuova escalation di sanzioni economiche e guerra diplomatica e propagandistica

Trump – Il fascismo arriva in America?

Con l’elezione di Donald Trump come Presidente degli Stati Uniti d’America, le grida di “fascismo!” riempiono di nuovo l’aria. Tuttavia, come vedremo, anche se Donald Trump è un rozzo intollerante, un uomo d’affari miliardario, non è un fascista.

Starbucks e l’ipocrisia della borghesia “anti-Trump”

L’amministratore delegato nonché Presidente del consiglio d’amministrazione di Starbucks, Howard Schultz, ha dichiarato che Starbucks si impegna ad assumere 10.000 rifugiati in 5 anni nei 75 Paesi con cui lavora, in risposta al blocco di Trump contro i Paesi “a maggioranza musulmana”.

USA – Il gigante inizia a muoversi

Da oltre due settimane 50mila lavoratori della General Motors sono in sciopero negli Stati Uniti. Questo articolo di John Peterson, della sezione statunitense della Tendenza marxista internazionale, spiega quale sia il retroscena di questo aumento della conflittualità negli Usa.