19 Luglio 2018

Amazon, si sciopera in tutta Europa… E in Italia?

Il 17 luglio c’è stato lo sciopero europeo di Amazon nel giorno del Prime day, Spagna, Germania, Polonia si sono fermate.

In Spagna lo sciopero è stato di 72 ore, l’adesione è stata dell’80%. Ciò ha scatenato la reazione della multinazionale, che ha assoldato dei crumiri ed ha chiesto alla Polizia di caricare i picchetti dei lavoratori in sciopero. Tre lavoratori sono stati fermati e uno è stato ferito.

In Italia NO. Perchè? Perchè a maggio è stato firmato un accordo definito “storico” dai sindacati che in verità di storico ha ben poco per i lavoratori. Nel reticente articolo pubblicato su Rassegna.it il giorno prima dello sciopero europeo non si dice che lo sciopero toccava vari paesi europei contemporaneamnete, eppure dovrebbe trattarsi di una buona notizia visto che spesso ci dicono che queste cose sarebbe bello farle ma non si riesce a causa della globalizzazione. Nell’articolo poi si elogia l’accordo italiano scrivendo che “è stato approvato a larga maggioranza”, ma si dimentica di dire che ha votato solo un terzo dei lavoratori.

Come se ciò non bastasse l’ispettorato del lavoro poco tempo fa ha accertato che Amazon tra luglio e dicembre 2017 (nel periodo degli scioperi in Italia) ha abusato dei contratti a termine e ora deve porre rimedio, ma il nostro sindacato dov’era quando tutto ciò accadeva?
Per la cronaca è utile ricordare che Jeff Bezos, il patron di Amazon ha un patrimonio da 75,6 miliardi ed è considerato oggi l’uomo più ricco del mondo.
Qui puoi leggere l’articolo di questo numero di Rivoluzione sull’accordo Amazon, serve una vera battaglia contro un apparato sindacale che dire inutile è ancora troppo poco, sostienici al congresso Cgil.

Articoli correlati

Solidarietà ai lavoratori Si.Cobas

Esprimiamo la massima solidarietà e partecipazione al movimento di lotta dei lavoratori nella difesa dei loro diritti e della propria organizzazione, che in questo momento manifestano sotto al carcere di Modena chiedendo il rilascio immediato di Aldo Milani.

TAS spa: anche in telelavoro scioperare si può!

Venerdì 3 luglio le RSU di TAS spa hanno proclamato due ore di sciopero per sollecitare la proprietà e la dirigenza a venire incontro, anche in termini economici, alle giuste esigenze dei lavoratori.

Modena – I lavoratori Italpizza non solo soli!

Un appello di delegati e lavoratori a sostegno della lotta di Italpizza

Almaviva: la resa dei conti tra azienda e lavoratori è solo rimandata

Dopo oltre due mesi e mezzo di lotta la vertenza Almaviva si chiude con un accordo firmato dall’azienda con il governo e i sindacati. Quello firmato all’alba del 31 maggio non è una vittoria per i lavoratori, è un accordo che non risolve del tutto e strutturalmente la crisi del settore

IMA (Bologna) – L’emergenza non sia a carico dei lavoratori!

Il COVID 19 allontana i clienti stranieri dall’Italia mentre all’estero i lavoratori italiani in trasferta spesso sono visti con diffidenza e rischiano di finire in quarantena. È la situazione tipica delle aziende del packaging bolognese.

Tutta la FIOM deve fare come a Sulmona!

Dopo anni di ammortizzatori sociali per buona parte dei circa 630 lavoratori, lo stabilimento Sistemi Sospensioni di Sulmona, dopo piani di rilancio ed annunci di investimenti, con la prospettiva di destinare la propria produzione al 60% per Sevel ed al 40% a vetture FCA.