15 Giugno 2018

XVIII Congresso della Cgil – Sostieni il documento “Riconquistiamo tutto”!

Con il direttivo nazionale del 7 giugno è iniziato ufficialmente il diciottesimo congresso della Cgil.
Al congresso si confronteranno due documenti, quello della segretaria Susanna Camusso “Il lavoro È” e quello dell’opposizione Il sindacato è un’altra cosa “Riconquistiamo tutto!”.
Come iscritti alla Cgil riteniamo che l’operato del nostro sindacato in questi anni, nella crisi economica più dura di sempre, l’operato del gruppo dirigente della CGIL sia stato fallimentare. Mentre il peso della crisi economica è ricaduto tutto sulle spalle dei lavoratori, dalle controriforme sulle pensioni, la demolizione dello statuto dei lavoratori, l’aumento della precarizzazione e stipendi sempre al palo, la CGIL non ha saputo o voluto mettere in campo risposte adeguate a questo sfacelo. Per questo motivo abbiamo presentato un documento alternativo e per lo stesso motivo l’abbiamo intitolato Riconquistiamo tutto!

Mario Iavazzi

Quello di cui abbiamo bisogno è di un programma e una piattaforma adeguati alle reali necessità dei lavoratori, dei disoccupati e dei pensionati (tre quarti dei pensionati vivono con meno di 750 euro al mese). Un programma con cui il nostro sindacato sappia realmente affrontare la situazione che stiamo vivendo, che abbia il coraggio di far pagare la crisi a chi l’ha creata, banchieri e Confindustria. Dobbiamo avere il coraggio di rivendicare salari adeguati, stabilizzazione dei contratti, contrasto ai tagli sociali e alle privatizzazioni.
Questo vale per la difesa del nostro salario, dei nostri diritti e ancor più contro le ristrutturazioni, le chiusure delle aziende, a partire dall’Ilva, che può diventare un simbolo di questa battaglia, fin tutte le aziende toccate dalla crisi. I padroni chiudono le aziende? E allora che si nazionalizzino! Ci vogliono i soldi? Prendiamoci le banche, oggi strozzini legalizzati, ma al servizio dei lavoratori e dei disoccupati strumento per investimenti di utilità sociale.
È chiaro che tutto ciò non cade dal cielo, come non arriverà dal governo Lega-Movimento cinque stelle che fino ad ora al di là dei proclami si è dimostrato sensibile solo alle esigenze padronali come era facile prevedere.

Per difendere i nostri interessi è costringere i padroni là dove sono più sensibili, il portafoglio, c’è solo uno strumento che abbiamo a disposizione, la lotta. Il problema è che in questi anni i vertici sindacali degli scioperi e delle mobilitazioni ne hanno fatto un uso improprio. Scioperi organizzati dall’alto, senza obbiettivi chiari e rivendicazioni adeguate, convocati con così largo anticipo da permettere ai padroni di organizzarsi per renderli inutili.

Il documento alternativo mette al centro della discussione, la riduzione dell’orario di lavoro a parità di salario, la redistribuzione del lavoro che c’è, la lotta per salari dignitosi, il contrasto alla precarizzazione del lavoro, l’opposizione dura ai licenziamenti, ai tagli allo stato sociale, agli ammortizzatori, alle privatizzazioni, alle leggi contro l’immigrazione, utili solo per dividere i lavoratori e tenere diritti e salari di tutti sempre più miseri. Tutto questo è alla nostra portata, la Cgil è il più grande sindacato del paese, non solo ha milioni di iscritti ma molti altri milioni di lavoratori, soprattutto giovani, sarebbero anche disposti a sostenerla e lottare se solo ci fosse un gruppo dirigente deciso e disposto a rompere con le politiche dei sacrifici che ci sono stati imposti in questi anni in particolare dal Partito democratico che per questo motivo è stato giustamente punito alle elezioni.

Per fare tutto ciò ci serve però un sindacato realmente democratico dove siano i lavoratori a poter decidere quali rivendicazioni portare avanti, come organizzare le mobilitazioni, poter decidere i propri delegati che devono rispondere solo ai lavoratori che li hanno eletti. Un sindacato dove essere funzionari sindacali significhi essere al servizio dei lavoratori.
La delusione verso la Cgil da parte dei lavoratori, per quello che non ha fatto in questi anni, è tanta. Chi sostiene il documento “Riconquistiamo tutto!” si candida ad intercettarla e convogliarla sappia realmente contrastare la crisi e difendere gli interessi della classe lavoratrice. Perché i lavoratori hanno bisogno come dell’ossigeno di un sindacato, e questo sindacato deve essere dei lavoratori! Questo per noi è il punto di partenza.

I documenti congressuali

Il Regolamento

Articoli correlati

Direttivo nazionale Cgil: L’intervento di Mario Iavazzi

Ieri, 24 maggio, si è svolto il direttivo nazionale della Cgil. Pubblichiamo l’intervento di Mario Iavazzi, dirigente dell’area Il sindacato è un’altra cosa.  Il direttivo nazionale si è concluso con

Cgil – Sulle pensioni una sconfitta annunciata

Il mese di novembre ha visto l’epilogo del confronto tra Governo e sindacati sul tema delle pensioni e i relativi provvedimenti da inserire nella Legge di Bilancio 2018. L’esito è noto: Cisl e Uil condividono le scelte, la Cgil no.
Un vero e proprio fallimento se si pensa che tutta la strategia della Cgil si basava su due assi centrali: l’apertura di credito al governo Gentiloni, che dopo Renzi aveva ricominciato a “dialogare” con le organizzazioni sindacali, e l’unità sindacale con Cisl e Uil.

Sindacato e padroni, uniti per l’Europa?

Lo scorso 8 aprile, in vista della campagna elettorale, i sindacati Cgil, Cisl e Uil hanno sottoscritto un documento assieme a Confindustria intitolato “Appello per l’Europa”.Pure se non ha avuto grande risonanza mediatica, costituisce un atto politico rilevante da parte dei dirigenti della Cgil.

Sul modello contrattuale – Meno salario e subordinato agli interessi dei padroni

L’intervento del compagno Mario Iavazzi al Direttivo Nazionale Cgil di sabato 10 marzo contro l’ennesimo accordo disastroso firmato dalla Cgil in materia di modello contrattuale.

Tim: vincere è possibile!

Pubblichiamo il volantino che il Sindacato è un’altra cosa – Opposizione in Cgil diffonderà domani allo sciopero dei lavoratori Tim.

Sul dibattito ne “Il sindacato è un’altra cosa”

La divisione emersa nella riunione dell’11 aprile dell’esecutivo nazionale dell’area Il sindacato è un’altra cosa non è un fulmine a ciel sereno. È invece la dimostrazione che ci sono dei nodi di fondo nell’orientamento dell’area che non sono mai stati risolti, e che oggi vengono al pettine.