1 Febbraio 2020

Whirlpool Napoli: fermiamo la chiusura con una lotta generalizzata!

Nell’incontro tenuto il 29 gennaio con governo e sindacati la Whirlpool ha stabilito che il 31 ottobre andrà via da Napoli. L’amministratore delegato ha ribadito che il sito napoletano non è economicamente sostenibile.

L’annuncio del ritiro della procedura di cessione di ramo d’azienda, avvenuta a fine ottobre scorso, com’era prevedibile non ha prodotto nessun passo in avanti!

Lo scorrere del tempo ha reso ancora più grave la situazione rispetto a qualche mese fa. A marzo scadranno gli ammortizzatori sociali per i lavoratori mentre è sparita anche la proposta caldeggiata dalla multinazionale di cedere il sito napoletano a PRS, la società fasulla che avrebbe dovuto portare a Napoli la produzione di container refrigeranti.

Il massimo che si è riuscito ad ottenere dall’incontro è di far slittare di qualche mese la chiusura, ipotizzata dall’azienda per il 31 marzo.

In questi pochi mesi l’obiettivo che si pone il governo è quello coinvolgere Invitalia per trovare dei compratori per il sito (entro luglio), non per forza tra i produttori di elettrodomestici. Un percorso sempre più simile a quello di altre fabbriche, come il caso della Blutec, dove i soldi di Invitalia (21 milioni di euro) sono spariti in una vergognosa truffa!

Il governo dopo mesi e mesi di temporeggiamento e minacce che si sono rivelate solo buffonate ha quindi accettato l’uscita di scena della Whirlpool e la probabile chiusura del sito. Prima Di Maio e poi Patuanelli avevano rivendicato il lavoro del governo per salvaguardare i posti di lavoro e la produzione: i risultati sono sotto gli occhi di tutti!

Il ministro dello sviluppo economico ha dichiarato: “Se un’azienda decide di non continuare la produzione per insostenibilità economica non esistono strumenti normativi coercitivi che possano impedirle di chiudere un’attività”. È la bancarotta definitiva per la forza che si candidava ad essere il perno del cambiamento in questo Paese.

Il punto non è se esistono o meno gli strumenti ma la mancanza di volontà politica di portare lo scontro con la multinazionale fino in fondo, per salvaguardare il sito produttivo e tutti i posti di lavoro. Cosa che l’attuale governo non ha nessuna intenzione di fare.

L’unica strada per evitare la chiusura è la nazionalizzazione del sito partenopeo e la produzione sotto il controllo operaio. Non c’è più tempo per le prese in giro a danno dei lavoratori.

Le immagini degli operai che hanno contestato i vertici sindacali dopo l’incontro ben dimostrano l’esasperazione e la rabbia che si respira. Serve, come viene chiesto dai lavoratori napoletani, una mobilitazione ad oltranza, che deve riguardare tutti i siti e non solo quello partenopeo.

“Nelle prossime settimane – scrive la Fiom in un comunicato – arriveremo ad una grande manifestazione nazionale per dire che la vertenza della Whirlpool di Napoli è emblematica di un problema più generale che riguarda il sistema industriale di tutto il Paese. Le multinazionali non possono prendere i nostri marchi e poi stracciare gli accordi siglati con il Governo e le organizzazioni sindacali, consegnandoci alla desertificazione industriale”.

Per fare questo non basterà il pacchetto delle 16 ore di sciopero proclamato dai sindacati ma una mobilitazione davvero generalizzata che blocchi la produzione dell’intero gruppo e trasformi questa vertenza in una battaglia campale su cui mobilitare l’insieme della classe operaia con l’obiettivo di mettere fine allo strapotere dei padroni.

Articoli correlati

Nella battaglia contro il virus non siamo tutti sulla stessa barca

Se c’è una cosa che l’emergenza sanitaria sta dimostrando è che al governo e ai padroni della salute dei lavoratori interessa ben poco, bisogna fermare l’epidemia, ma nello stesso tempo garantire la continuità produttiva. “Giù le mani dalle aziende!”, come dice Bauli, presidente di Confindustria Verona.

MODENA – Gli operai non sono “carne da macello”, e nemmeno criminali!

Anche a Modena, come nel resto d’Italia, nelle fabbriche e nei magazzini cresce la rabbia operaia contro la mancanza di sicurezza sui luoghi di lavoro. In questo contesto, è gravissimo che all’Emiliana Serbatoi di Campogalliano, durante uno sciopero per rivendicare condizioni minime di sicurezza, la polizia sia intervenuta in anti-sommossa, portando in Questura il coordinatore provinciale del Si-Cobas, Enrico Semprini, ed altri sette lavoratori di quell’azienda.

Varese – Clinica La Quiete chiusa, lavoratori per strada!

Dopo oltre quattro mesi di lotta lo scorso 30 maggio la clinica La Quiete di Varese è stata definitivamente chiusa, tramite apposizione di sigilli da parte dell’ufficiale giudiziario.

Almaviva – Vincere si può!

Il volantino che distribuiremo oggi in piazza a Roma in occasione dello sciopero dei lavoratori Almaviva.

Dopo Pasqua, un test e si torna in fabbrica! La fame di profitto dei padroni a Bologna

La regione Emilia Romagna ha deciso di avviare una strategia di campionamento della popolazione a cui sottoporre il test sierologico in modo tale da permettere la graduale riapertura delle attività economiche. L’impazienza dei padroni per una celere riapertura è palese.

Accordo Amazon – La lotta non è in saldo!

Dopo il primo grande ciclo di lotte messo in atto dai lavoratori Amazon del sito di Piacenza, che li aveva visti scioperare anche durante il Black Friday (il giorno dei grandi sconti) e a Natale, il 22 maggio è stato siglato un accordo tra i sindacati confederali e l’azienda.