15 luglio 2016

Volantino: Solidarietà ai delegati Fiom Fonderia di Torbole

Nelle scorse settimane sono apparsi nella Fonderia di Torbole volantini firmati Forza nuova, inneggianti a una nuova rivoluzione “contro i sindacati nemici della patria e dei lavoratori”, i delegati sono stati minacciati con ripetute telefonate anonime alle loro famiglie e le loro auto danneggiate e deturpate da scritte oscene.

Come in un passato neppure tanto lontano i fascisti tentano di carpire l’insofferenza dei lavoratori per le cattive condizioni di lavoro e dirigere questa insofferenza contro i lavoratori sindacalizzati.

Di fronte al tentativo di alcuni fascisti di speculare sulle difficoltà delle vertenze sindacali, serve l’unità dei lavoratori, una unità autentica, aldilà delle sigle sindacali, basata sul fatto che i lavoratori hanno intressi comuni perché tutti dipendono da un salario.

Non sfugge a nessuno che aggredire i rappresentanti sindacali democraticamente eletti dai lavoratori ha il solo scopo di intimidire non solo i delegati, ma tutti i lavoratori, ad esclusivo vantaggio dei padroni.

L’aggressione verbale e fisica, peraltro fatta di nascosto, anonima, rappresenta il tipico atteggiamento  vigliacco di chi vuole dividere i lavoratori, facendo il gioco dei padroni.

Respingiamo e condanniamo l’aggressione vigliacca e di chiaro stampo fascista contro i delegati Fiom della Fonderia di Torbole.

Esprimiamo la nostra solidarietà ai delegati e facciamo appello a tutti i lavoratori e a tutte le strutture sindacali affinchè si schierino nettamente contro tali attacchi e si uniscano per promuovere una vigorosa riscossa operaia per la nostra dignità e i nostri sacrosanti diritti e ricaccino nella spazzatura della storia quei pochi elementi isolati, ma fastidiosi, che ancora si chiamano fascisti.

Paolo Brini (CC Fiom)

Orlando Maviglia (Rsu-Minarelli Fiom Bologna)

Roberta Serego (Rsu-Minarelli Fiom Bologna)

Daniele Prampolini (Dir.Fiom Modena)

Piero Ficerà (Dir.Fiom Modena)

Giuseppe Violante (Rsu-Maserati, Fiom Modena)

Luca Paltrinieri (Dir. Fiom Modena)

Davide Bacchelli (Rsu Ima, Dir Fiom Bologna)

Gianplacido Ottaviano (Rsu Bonfiglioli, Dir. Fiom Bologna)

Gian Pietro Montanari (Rsu-Cesab, Dir. Fiom Bologna)

Gianluca Sita (Rsu-Ima, Dir Fiom Bologna)

Domenico Minadeo (Dir.Fiom Bologna)

Massimo Pieri (Dir. Fiom Bologna)

Luca Ibattici (Rsu-Spal, Dir Fiom Reggio Emilia)

Davide Ledda (Rsu-Cft, Dir. Fiom Parma)

Diego Sabelli (Dir Fiom Roma)

Domenico Loffredo (Fca Pomigliano Dir. Fiom Napoli)

Vincenzo Chianese (Rsu-Ergom, Dir. Fiom Napoli)

Marco Mussini (Dir. Fiom Reggio Emilia)

Giorgio Giorgini (Dir.Fiom Ancona)

Mario Iavazzi (Direttivo nazionale Cgil)

Paolo Grassi (Dir. Naz Nidil)

Diana Terzi (Dir. Nazionale Flc)

Angelo Raimondi (Rsa-Esselunga, Dir. Filcams Lombardia)

Giannantonio Currò (Dir. Flc Genova)

Nensi Castro (Rsu-Cna CD Cgil Reggio Emilia)

Antonio Forlano (Rsu-Ups, Dir Lombardia Filt)

Laura Parozzi (Rsu-Ups Milano Filt Cgil)

Cinzia Crespi (Rsu-Ups Milano Filt Cgil)

Barbara Lietti (Rsu-Ospedale Sacco, Dir FP-CGIL Milano)

Luca Pezza (Rsu-Michelin Filctem Milano)

Antonio Esposito (Rsu-Almaviva, Slc-Cgil)

Alessio Sammartino (Dir. Filcams Roma)

Simona Leri (Rsa-Coop Filcams Modena)

Massimo Carletti (Dir. Fisac Lazio)

Davide Tognoni (Dir. FP-Cgil Reggio Emilia)

Ilic Vezzosi (Dir. Cgil Reggio Emilia)

Daniele Chiavelli (Dir. Flc Mantova)

Scarica il volantino in PDF

Articoli correlati

L’Italia, oggi. Un paese di emigrati.

Il fenomeno dell’immigrazione è uno dei temi più discussi negli ultimi anni. Di fronte ai drammi di questi mesi e alle campagne xenofobe che vengono portate avanti, abbiamo sentito più

Modena – L’antifascismo non si processa!

Oggi, 22 settembre, il tribunale di Modena ha condannato i nostri compagni Matteo Parlati (operaio, delegato Fiom-Cgil in Ferrari) e Matteo Pirazzoli (studente universitario), assieme a due attivisti del centro sociale “Guernica”.

Sull’accordo Castelfrigo e il giudizio del Si Cobas in merito

Nelle scorse settimane la ditta Castelfrigo di Castelnuovo Rangone è stata protagonista di una lotta molto dura messa in campo dai 130 “facchini” delle cooperative che vi lavorano. Per la prima volta lavoratori di etnie diverse e che non si erano mai nemmeno parlati tra loro, con uno sciopero di oltre 10 giorni ed un picchetto molto duro, hanno vinto assieme una battaglia importante. La vertenza ha assunto un significato ancora maggiore se si pensa che nei primi 3 giorni di sciopero anche i lavoratori diretti sono stati davanti ai cancelli mentre durante l’ultima giornata anche i facchini delle aziende limitrofe, iscritti al Si Cobas, sono scesi in sciopero di solidarietà.

Alitalia: i lavoratori respingono il ricatto padronale

Il 24 aprile si è chiuso il referendum imposto ai lavoratori Alitalia sulla vergognosa pre-intesa firmato il 14 aprile da sindacati, governo e azienda. Il risultato è stato netto, su 11.673 lavoratori aventi diritto hanno votato in 10.184, quasi il 90%. Di questi il 67% ha bocciato la pre-intesa.

Ius soli – La cittadinanza spetta a tutti

Il decreto sullo ius soli non supera l’esistenza di persone di serie A e di serie B in base alla loro provenienza e non abbatte quegli steccati tra persone che, nonostante siano nate in luoghi diversi, continuano a subire la stessa oppressione e lo stesso sfruttamento.

25‭ ‬aprile‭ ‬-‭ ‬L’antifascismo è lotta di classe‭!

Anche quest’anno,‭ ‬come accade da tempo,‭ ‬il‭ ‬25‭ ‬Aprile le istituzioni,‭ ‬il partito democratico e quel poco che rimane della sinistra riformista tireranno fuori tutto l’armamentario della retorica sull’unità nazionale e sul tricolore.‭ La realtà delle cose è molto diversa da come la descrivono questi politici al servizio del grande capitale: l’antifascismo non solo non ha perso il suo valore ma oggi più che mai ha senso