15 Luglio 2016

Volantino: Solidarietà ai delegati Fiom Fonderia di Torbole

Nelle scorse settimane sono apparsi nella Fonderia di Torbole volantini firmati Forza nuova, inneggianti a una nuova rivoluzione “contro i sindacati nemici della patria e dei lavoratori”, i delegati sono stati minacciati con ripetute telefonate anonime alle loro famiglie e le loro auto danneggiate e deturpate da scritte oscene.

Come in un passato neppure tanto lontano i fascisti tentano di carpire l’insofferenza dei lavoratori per le cattive condizioni di lavoro e dirigere questa insofferenza contro i lavoratori sindacalizzati.

Di fronte al tentativo di alcuni fascisti di speculare sulle difficoltà delle vertenze sindacali, serve l’unità dei lavoratori, una unità autentica, aldilà delle sigle sindacali, basata sul fatto che i lavoratori hanno intressi comuni perché tutti dipendono da un salario.

Non sfugge a nessuno che aggredire i rappresentanti sindacali democraticamente eletti dai lavoratori ha il solo scopo di intimidire non solo i delegati, ma tutti i lavoratori, ad esclusivo vantaggio dei padroni.

L’aggressione verbale e fisica, peraltro fatta di nascosto, anonima, rappresenta il tipico atteggiamento  vigliacco di chi vuole dividere i lavoratori, facendo il gioco dei padroni.

Respingiamo e condanniamo l’aggressione vigliacca e di chiaro stampo fascista contro i delegati Fiom della Fonderia di Torbole.

Esprimiamo la nostra solidarietà ai delegati e facciamo appello a tutti i lavoratori e a tutte le strutture sindacali affinchè si schierino nettamente contro tali attacchi e si uniscano per promuovere una vigorosa riscossa operaia per la nostra dignità e i nostri sacrosanti diritti e ricaccino nella spazzatura della storia quei pochi elementi isolati, ma fastidiosi, che ancora si chiamano fascisti.

Paolo Brini (CC Fiom)

Orlando Maviglia (Rsu-Minarelli Fiom Bologna)

Roberta Serego (Rsu-Minarelli Fiom Bologna)

Daniele Prampolini (Dir.Fiom Modena)

Piero Ficerà (Dir.Fiom Modena)

Giuseppe Violante (Rsu-Maserati, Fiom Modena)

Luca Paltrinieri (Dir. Fiom Modena)

Davide Bacchelli (Rsu Ima, Dir Fiom Bologna)

Gianplacido Ottaviano (Rsu Bonfiglioli, Dir. Fiom Bologna)

Gian Pietro Montanari (Rsu-Cesab, Dir. Fiom Bologna)

Gianluca Sita (Rsu-Ima, Dir Fiom Bologna)

Domenico Minadeo (Dir.Fiom Bologna)

Massimo Pieri (Dir. Fiom Bologna)

Luca Ibattici (Rsu-Spal, Dir Fiom Reggio Emilia)

Davide Ledda (Rsu-Cft, Dir. Fiom Parma)

Diego Sabelli (Dir Fiom Roma)

Domenico Loffredo (Fca Pomigliano Dir. Fiom Napoli)

Vincenzo Chianese (Rsu-Ergom, Dir. Fiom Napoli)

Marco Mussini (Dir. Fiom Reggio Emilia)

Giorgio Giorgini (Dir.Fiom Ancona)

Mario Iavazzi (Direttivo nazionale Cgil)

Paolo Grassi (Dir. Naz Nidil)

Diana Terzi (Dir. Nazionale Flc)

Angelo Raimondi (Rsa-Esselunga, Dir. Filcams Lombardia)

Giannantonio Currò (Dir. Flc Genova)

Nensi Castro (Rsu-Cna CD Cgil Reggio Emilia)

Antonio Forlano (Rsu-Ups, Dir Lombardia Filt)

Laura Parozzi (Rsu-Ups Milano Filt Cgil)

Cinzia Crespi (Rsu-Ups Milano Filt Cgil)

Barbara Lietti (Rsu-Ospedale Sacco, Dir FP-CGIL Milano)

Luca Pezza (Rsu-Michelin Filctem Milano)

Antonio Esposito (Rsu-Almaviva, Slc-Cgil)

Alessio Sammartino (Dir. Filcams Roma)

Simona Leri (Rsa-Coop Filcams Modena)

Massimo Carletti (Dir. Fisac Lazio)

Davide Tognoni (Dir. FP-Cgil Reggio Emilia)

Ilic Vezzosi (Dir. Cgil Reggio Emilia)

Daniele Chiavelli (Dir. Flc Mantova)

Scarica il volantino in PDF

Articoli correlati

Modena – “Terra dei Padri” e Diego Fusaro: una love story

Ci risiamo. Il circolo pseudo-culturale “Terra dei Padri”, in realtà covo del neo-fascismo locale, compie un anno e chi invita alla sua festicciola di compleanno? Il direttore di “Eurasia” Claudio Mutti, neo-fascista attivo nelle trame “nere” della strategia della tensione degli anni ’70 in Italia, e Diego Fusaro, clown di sé stesso con la spudoratezza di dichiararsi allievo di Marx.

Ius soli – La cittadinanza spetta a tutti

Il decreto sullo ius soli non supera l’esistenza di persone di serie A e di serie B in base alla loro provenienza e non abbatte quegli steccati tra persone che, nonostante siano nate in luoghi diversi, continuano a subire la stessa oppressione e lo stesso sfruttamento.

Modena – Il nostro 14 gennaio antifascista

Il 14 gennaio aprirà a Modena la sede dell’associazione “Terra dei Padri”. In realtà, si tratta di un’associazione che farà da copertura all’insieme della piccola e frammentata estrema destra modenese di stampo neofascista.

Il 25 APRILE
 nelle lotte di ieri e di domani

È questo il vero contenuto del 25 aprile e, per quanti sforzi facciano, è impossibile cancellare dalla coscienza popolare il significato della festa della Liberazione: il ricordo di chi ieri lottò contro il fascismo, il nazismo e contro la borghesia che li aveva messi al potere è da sempre un incoraggiamento per chi lotta oggi contro questo sistema.

Pavia: Le intimidazioni fasciste non ci fermeranno!

Tutta Italia ha parlato della intimidazione fascista avvenuta a Pavia due notti prima delle elezioni, quando qualcuno ha attaccato alle porte di casa di una quindicina di persone degli adesivi minacciosi con scritto «Qui ci abita un antifascista» e il simbolo della Rete Antifascista sbarrato.

Modena – Si vietino i banchetti e ogni agibilità ai fascisti!

Nonostante le ennesime aggressioni fasciste di questi giorni ( ultima quella di ieri al segretario della Fiom-Cgil di Forlì) a #Modena lo scorso 9 dicembre è stato permesso al movimento “vitale e pulito” tanto caro a #Mentana e #Formigli ma soprattutto alla famiglia Spada di #CasaPound di fare un banchetto in centro così come a #Carpi è stato concesso al comitato di affari manghenello/aspersorio di #ForzaNuova di fare altrettanto.