Volantino: Solidarietà ai delegati Fiom Fonderia di Torbole

Nelle scorse settimane sono apparsi nella Fonderia di Torbole volantini firmati Forza nuova, inneggianti a una nuova rivoluzione “contro i sindacati nemici della patria e dei lavoratori”, i delegati sono stati minacciati con ripetute telefonate anonime alle loro famiglie e le loro auto danneggiate e deturpate da scritte oscene.

Come in un passato neppure tanto lontano i fascisti tentano di carpire l’insofferenza dei lavoratori per le cattive condizioni di lavoro e dirigere questa insofferenza contro i lavoratori sindacalizzati.

Di fronte al tentativo di alcuni fascisti di speculare sulle difficoltà delle vertenze sindacali, serve l’unità dei lavoratori, una unità autentica, aldilà delle sigle sindacali, basata sul fatto che i lavoratori hanno intressi comuni perché tutti dipendono da un salario.

Non sfugge a nessuno che aggredire i rappresentanti sindacali democraticamente eletti dai lavoratori ha il solo scopo di intimidire non solo i delegati, ma tutti i lavoratori, ad esclusivo vantaggio dei padroni.

L’aggressione verbale e fisica, peraltro fatta di nascosto, anonima, rappresenta il tipico atteggiamento  vigliacco di chi vuole dividere i lavoratori, facendo il gioco dei padroni.

Respingiamo e condanniamo l’aggressione vigliacca e di chiaro stampo fascista contro i delegati Fiom della Fonderia di Torbole.

Esprimiamo la nostra solidarietà ai delegati e facciamo appello a tutti i lavoratori e a tutte le strutture sindacali affinchè si schierino nettamente contro tali attacchi e si uniscano per promuovere una vigorosa riscossa operaia per la nostra dignità e i nostri sacrosanti diritti e ricaccino nella spazzatura della storia quei pochi elementi isolati, ma fastidiosi, che ancora si chiamano fascisti.

Paolo Brini (CC Fiom)

Orlando Maviglia (Rsu-Minarelli Fiom Bologna)

Roberta Serego (Rsu-Minarelli Fiom Bologna)

Daniele Prampolini (Dir.Fiom Modena)

Piero Ficerà (Dir.Fiom Modena)

Giuseppe Violante (Rsu-Maserati, Fiom Modena)

Luca Paltrinieri (Dir. Fiom Modena)

Davide Bacchelli (Rsu Ima, Dir Fiom Bologna)

Gianplacido Ottaviano (Rsu Bonfiglioli, Dir. Fiom Bologna)

Gian Pietro Montanari (Rsu-Cesab, Dir. Fiom Bologna)

Gianluca Sita (Rsu-Ima, Dir Fiom Bologna)

Domenico Minadeo (Dir.Fiom Bologna)

Massimo Pieri (Dir. Fiom Bologna)

Luca Ibattici (Rsu-Spal, Dir Fiom Reggio Emilia)

Davide Ledda (Rsu-Cft, Dir. Fiom Parma)

Diego Sabelli (Dir Fiom Roma)

Domenico Loffredo (Fca Pomigliano Dir. Fiom Napoli)

Vincenzo Chianese (Rsu-Ergom, Dir. Fiom Napoli)

Marco Mussini (Dir. Fiom Reggio Emilia)

Giorgio Giorgini (Dir.Fiom Ancona)

Mario Iavazzi (Direttivo nazionale Cgil)

Paolo Grassi (Dir. Naz Nidil)

Diana Terzi (Dir. Nazionale Flc)

Angelo Raimondi (Rsa-Esselunga, Dir. Filcams Lombardia)

Giannantonio Currò (Dir. Flc Genova)

Nensi Castro (Rsu-Cna CD Cgil Reggio Emilia)

Antonio Forlano (Rsu-Ups, Dir Lombardia Filt)

Laura Parozzi (Rsu-Ups Milano Filt Cgil)

Cinzia Crespi (Rsu-Ups Milano Filt Cgil)

Barbara Lietti (Rsu-Ospedale Sacco, Dir FP-CGIL Milano)

Luca Pezza (Rsu-Michelin Filctem Milano)

Antonio Esposito (Rsu-Almaviva, Slc-Cgil)

Alessio Sammartino (Dir. Filcams Roma)

Simona Leri (Rsa-Coop Filcams Modena)

Massimo Carletti (Dir. Fisac Lazio)

Davide Tognoni (Dir. FP-Cgil Reggio Emilia)

Ilic Vezzosi (Dir. Cgil Reggio Emilia)

Daniele Chiavelli (Dir. Flc Mantova)

Scarica il volantino in PDF

Articoli correlati

Antifascismo e Antirazzismo

Modena – La destra all’attacco della Settimana della salute mentale

Lo scorso 8 febbraio il consigliere della regione Emilia Romagna Tommaso Foti (Fratelli d’Italia-AN) ha presentato un’interrogazione nella quale, “nel pieno rispetto della libertà di opinione”, chiedeva all’AUSL di Modena “ assicurazioni in merito alla terzietà, e quindi all’obiettività” con cui viene annualmente organizzato il “Màt – Settimana della Salute Mentale” dal Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze Patologiche.

Antifascismo e Antirazzismo

Trieste – Lettera aperta: Rispondere alle intimidazioni fasciste e al razzismo antisloveno con un programma di massima unità della classe lavoratrice

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera aperta, rivolta ai vertici sindacali, in primo luogo della Cgil, affinchè prendano una posizione chiara sulla restituzione del Narodni Dom, incendiato 100 anni fa

Lotte e Sindacato

Lavorare da casa: i rischi di una nuova catena

Dire “Smartworking” suona bene e indubbiamente il lavoro da casa è stato in larga misura visto positivamente da chi ha avuto in passato l’opportunità di accedervi. Tuttavia con la pandemia la situazione è stata stravolta

Antifascismo e Antirazzismo

Modena – L’antifascismo non si processa!

Oggi, 22 settembre, il tribunale di Modena ha condannato i nostri compagni Matteo Parlati (operaio, delegato Fiom-Cgil in Ferrari) e Matteo Pirazzoli (studente universitario), assieme a due attivisti del centro sociale “Guernica”.

Antifascismo e Antirazzismo

25 APRILE – Non “arruoleremo” i partigiani nella NATO!

Il governo Draghi ed in particolare il PD intensificano la propaganda col parallelismo tra la Resistenza antifascista del 1943-1945 e quella contro l’invasione russa guidata dallo stato maggiore dell’esercito ucraino. Peraltro, creare un clima di unità nazionale – rafforzato dall’adesione della destra di Fratelli d’Italia al bellicismo governativo – servirà ad imporre meglio i prossimi attacchi allo stato sociale ed ai diritti dei lavoratori. Opporsi a questa propaganda è necessario: giù le mani dalla Resistenza!

Storia e Memoria

Per non dimenticare: quando erano gli italiani ad emigrare

“Gli immigrati si prendono il lavoro e le case, mentre gli italiani non hanno nulla! Il governo dovrebbe pensare prima agli italiani.” Quante volte sentiamo queste frasi, sbandierate da televisione e stampa, soprattutto da quella più bieca, e dai demagoghi di destra? Quelli che diffondono queste idee però non spiegano che, immigrati o no, il governo non aiuterà gli italiani, e che l’innalzamento dell’età pensionabile e i tagli al welfare non avvengono per colpa degli immigrati. La disoccupazione e la povertà non sono un prodotto dell’immigrazione; la verità è che la borghesia italiana ha per anni “importato” nel paese la forza lavoro a buon mercato per trarne vantaggio, allo stesso modo in cui, in passato, la esportava, creando grande fonte di reddito per lo Stato italiano.