15 Luglio 2016

Volantino: Solidarietà ai delegati Fiom Fonderia di Torbole

Nelle scorse settimane sono apparsi nella Fonderia di Torbole volantini firmati Forza nuova, inneggianti a una nuova rivoluzione “contro i sindacati nemici della patria e dei lavoratori”, i delegati sono stati minacciati con ripetute telefonate anonime alle loro famiglie e le loro auto danneggiate e deturpate da scritte oscene.

Come in un passato neppure tanto lontano i fascisti tentano di carpire l’insofferenza dei lavoratori per le cattive condizioni di lavoro e dirigere questa insofferenza contro i lavoratori sindacalizzati.

Di fronte al tentativo di alcuni fascisti di speculare sulle difficoltà delle vertenze sindacali, serve l’unità dei lavoratori, una unità autentica, aldilà delle sigle sindacali, basata sul fatto che i lavoratori hanno intressi comuni perché tutti dipendono da un salario.

Non sfugge a nessuno che aggredire i rappresentanti sindacali democraticamente eletti dai lavoratori ha il solo scopo di intimidire non solo i delegati, ma tutti i lavoratori, ad esclusivo vantaggio dei padroni.

L’aggressione verbale e fisica, peraltro fatta di nascosto, anonima, rappresenta il tipico atteggiamento  vigliacco di chi vuole dividere i lavoratori, facendo il gioco dei padroni.

Respingiamo e condanniamo l’aggressione vigliacca e di chiaro stampo fascista contro i delegati Fiom della Fonderia di Torbole.

Esprimiamo la nostra solidarietà ai delegati e facciamo appello a tutti i lavoratori e a tutte le strutture sindacali affinchè si schierino nettamente contro tali attacchi e si uniscano per promuovere una vigorosa riscossa operaia per la nostra dignità e i nostri sacrosanti diritti e ricaccino nella spazzatura della storia quei pochi elementi isolati, ma fastidiosi, che ancora si chiamano fascisti.

Paolo Brini (CC Fiom)

Orlando Maviglia (Rsu-Minarelli Fiom Bologna)

Roberta Serego (Rsu-Minarelli Fiom Bologna)

Daniele Prampolini (Dir.Fiom Modena)

Piero Ficerà (Dir.Fiom Modena)

Giuseppe Violante (Rsu-Maserati, Fiom Modena)

Luca Paltrinieri (Dir. Fiom Modena)

Davide Bacchelli (Rsu Ima, Dir Fiom Bologna)

Gianplacido Ottaviano (Rsu Bonfiglioli, Dir. Fiom Bologna)

Gian Pietro Montanari (Rsu-Cesab, Dir. Fiom Bologna)

Gianluca Sita (Rsu-Ima, Dir Fiom Bologna)

Domenico Minadeo (Dir.Fiom Bologna)

Massimo Pieri (Dir. Fiom Bologna)

Luca Ibattici (Rsu-Spal, Dir Fiom Reggio Emilia)

Davide Ledda (Rsu-Cft, Dir. Fiom Parma)

Diego Sabelli (Dir Fiom Roma)

Domenico Loffredo (Fca Pomigliano Dir. Fiom Napoli)

Vincenzo Chianese (Rsu-Ergom, Dir. Fiom Napoli)

Marco Mussini (Dir. Fiom Reggio Emilia)

Giorgio Giorgini (Dir.Fiom Ancona)

Mario Iavazzi (Direttivo nazionale Cgil)

Paolo Grassi (Dir. Naz Nidil)

Diana Terzi (Dir. Nazionale Flc)

Angelo Raimondi (Rsa-Esselunga, Dir. Filcams Lombardia)

Giannantonio Currò (Dir. Flc Genova)

Nensi Castro (Rsu-Cna CD Cgil Reggio Emilia)

Antonio Forlano (Rsu-Ups, Dir Lombardia Filt)

Laura Parozzi (Rsu-Ups Milano Filt Cgil)

Cinzia Crespi (Rsu-Ups Milano Filt Cgil)

Barbara Lietti (Rsu-Ospedale Sacco, Dir FP-CGIL Milano)

Luca Pezza (Rsu-Michelin Filctem Milano)

Antonio Esposito (Rsu-Almaviva, Slc-Cgil)

Alessio Sammartino (Dir. Filcams Roma)

Simona Leri (Rsa-Coop Filcams Modena)

Massimo Carletti (Dir. Fisac Lazio)

Davide Tognoni (Dir. FP-Cgil Reggio Emilia)

Ilic Vezzosi (Dir. Cgil Reggio Emilia)

Daniele Chiavelli (Dir. Flc Mantova)

Scarica il volantino in PDF

Articoli correlati

Milano, Stazione centrale: la maschera ipocrita del Partito democratico

Dopo la retata delle “forze dell’ordine” davanti alla stazione centrale di Milano con incredibile spiegamento di mezzi e uomini si è scatenato il dibattito. Mentre quello stesso pomeriggio sul piazzale della stazione Matteo Salvini improvvisava un comizio e incitava alla pulizia etnica, il sindaco Sala lamentava di non essere stato avvertito dalla Questura e si gloriava di essere il primo cittadino della “città dell’accoglienza”.

Le nuove frontiere del conflitto: la logistica

Negli ultimi anni si sono sviluppate lotte molto forti e radicali tra i lavoratori impiegati nel settore della logistica. Spesso protagonisti di queste lotte sono stati i facchini organizzati nel

CCNL Confcommercio: un nuovo tipo di tradimento

Il 24 ottobre 2016 Confcommercio, Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil hanno siglato un accordo integrativo al CCNL firmato il 30 marzo 2015. Questo contratto, già criticabile per le ulteriori perdite di diritti (demansionamento, flessibilità oraria) prevedeva un aumento lordo di 85 euro, spalmati su 3 anni in 5 rate. Le ultime due tranche erano previste per novembre 2016 ed agosto 2017. Erano, appunto, perchè questo accordo stabilisce che vengano congelate a causa dell’incertezza economica e la crisi dei consumi.

L’Italia, oggi. Un paese di emigrati.

Il fenomeno dell’immigrazione è uno dei temi più discussi negli ultimi anni. Di fronte ai drammi di questi mesi e alle campagne xenofobe che vengono portate avanti, abbiamo sentito più

Sanità privata: 5000 giorni senza rinnovo del contratto

Sono 13 anni che il contratto nazionale della sanità privata è fermo. Circa 300mila lavoratori del settore hanno gli stipendi bloccati al 2007, quasi 5000 giorni. Anni in cui la crisi economica e un’inflazione complessiva superiore al 15% hanno eroso i bilanci familiari.

Il 25 APRILE
 nelle lotte di ieri e di domani

È questo il vero contenuto del 25 aprile e, per quanti sforzi facciano, è impossibile cancellare dalla coscienza popolare il significato della festa della Liberazione: il ricordo di chi ieri lottò contro il fascismo, il nazismo e contro la borghesia che li aveva messi al potere è da sempre un incoraggiamento per chi lotta oggi contro questo sistema.