17 Novembre 2017

Verso il 17 novembre – Siamo studenti, non schiavi!

Sempre più studenti sono contro l’alternanza perchè la vivono sulla propria pelle. Dobbiamo parlare nelle scuole con gli altri studenti perchè dall’opposizione si passi all’azione. Dobbiamo riunirci nei collettivi, fare assemblee, diffondere volantini.
Dobbiamo organizzarci e coordinarci, da qui al 17 Novembre, la prossima data di mobilitazione studentesca, perché diventi una nuova giornata di lotta contro l’alternanza, con cortei ancora più partecipati e con le idee più chiare.

NO ALL’ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO!
Per una scuola pubblica, GRATUITA, laica, di massa e di qualità!
Per un lavoro a TUTTI i disoccupati!
Riduzione dell’orario di lavoro a PARITA’ di salario!
Studenti e lavoratori UNITI nella lotta!

Scarica il volantino in formato .pdf

 

Articoli correlati

Varese: dopo gli attentati a Parigi è vietato il dissenso

Lo scorso lunedì 16 novembre, a pochi giorni dagli attentati in Francia, sei studentesse dell’Itc Daverio di Varese si sono rifiutate di osservare il minuto di silenzio proposto in tutta

Statale di Milano: contro il numero chiuso!

Pubblichiamo il volantino che i Compagni del Collettivo Pantera hanno distribuito all’Università Statale di Milano contro la decisione del Senato Accademico di approvare le linee guida per introdurre il numero programmato, anticamera per il numero chiuso, ai corsi di laurea di Studi Umanistici.

Bologna si mobilita: chiediamo servizi, ci danno repressione

“Adesso basta!” Questo è stato il grido che molti studenti dell’ateneo di Bologna hanno lanciato in questi giorni, in risposta all’ennesimo tentativo da parte delle istituzioni accademiche di militarizzare la zona universitaria.

Il governo attacca la scuola, rispondiamo compatti

Il 12 marzo Renzi annunciava in pompa magna la riforma della scuola.  Ora titoli come “Assumeremo i precari” o “Investiremo maggiormente nella scuola” si susseguono sui giornali nel vano tentativo

Saldi estivi: raddoppia la tassa del Conservatorio!

Il Conservatorio G. Verdi di Milano ha deciso di raddoppiare la prima rata della tassa d’iscrizione, passando da 600 euro a 1200 euro. Tutto questo senza nemmeno spiegare le ragioni di questo spropositato aumento.

No al numero chiuso – Per un’università aperta a tutti, gratuità e di qualità

Il testo del volantino che stiamo distribuendo davanti a tutte le università in Italia.