26 Febbraio 2019

Venezuela, 23 febbraio – Il giorno in cui non sono passati

Così, la giornata del 23 febbraio è arrivata ed è anche finita. Questo doveva essere il giorno stabilito come D-day dagli Stati Uniti e dai loro burattini locali, quando gli “aiuti umanitari” avrebbero dovuto entrare nel paese contro la volontà del malvagio Maduro. Qualcosa che, come ammesso anche dal corrispondente della BBC, aveva poco a che fare con gli aiuti e molto invece con la messa in discussione dell’autorità del presidente Maduro.

Nella sua follia, Guaidó (“cane bianco” come lo chiamano i venezuelani) si era rivolto alle forze armate venezuelane, assegnandosi la carica di “comandante in capo”! Quale sarà la prossima carica? Papa? Vincitore del premio Nobel?

Gli eventi sono iniziati venerdì 22 con il concerto organizzato dal magnate della Virgin, Branson, al ponte di Tienditas al confine tra Venezuela e Colombia. Sì, questo è il ponte che Marco Rubio sosteneva essere stato bloccato dal “regime di Maduro”, anche se il ponte non era mai stato effettivamente inaugurato o aperto al traffico. I media, naturalmente, hanno ripetuto questa menzogna fino alla nausea, con la sola CBC (la TV pubblica canadese, ndt) che si preoccupava di pubblicare una ritrattazione. Il “Live Aid” di Branson avrebbe dovuto attrarre mezzo milione di persone, ma alla fine l’affluenza è stata piuttosto misera, con 20.000 spettatori al massimo.

Artisti che non hanno mai mosso nemmeno un dito per i poveri o a favore di coloro che sono stati oggetto di violazioni dei diritti umani nei loro paesi si sono messi assieme per aiutare i poveri venezuelani. Secondo Guaidó infatti centinaia di migliaia di loro rischiano di morire di fame se gli aiuti non arrivano, paracadutati naturalmente dall’esercito americano.

Già venerdì, c’è stato un incidente fatale, che il circo mediatico del mondo si è immediatamente attaccato. In uno scontro armato a Kumarakapay, nello stato di Bolivar, sono stati uccisi uno o forse due Pemón, una popolazione indigena. I mezzi di comunicazione capitalistici hanno subito titolato: “Due morti mentre Maduro apre il fuoco sul convoglio di aiuti”, o parole in tal senso. Una bugia totale. La CBC in Canada ha persino parlato di carri armati coinvolti nell’incidente! Ciò che è realmente accaduto non è ancora del tutto chiaro, ma quello che sappiamo è che alcuni abitanti Pemón della città citata (distante 80 km dal confine con il Brasile) hanno tentato di fermare un convoglio di autobus (non di carri armati) dalla Guardia Nazionale mentre si recavano al confine. Nella situazione di stallo, due di loro sono stati uccisi dal fuoco della Guardia nazionale (secondo l’opposizione).

Più tardi, Guaidó ha affermato che un camion di aiuti aveva varcato il confine dal Brasile. Questa si è rivelata un’altra bugia grossolana.

Guaidó e le sue guardie del corpo, riuniti tutti a Cúcuta (non Cucutá, come lo chiamano i giornalisti stranieri), desideravano disperatamente mostrare qualche successo in una situazione che non andava secondo i piani.

Il raduno a Cúcuta era impressionante. Insieme a Guaidò, c’erano il presidente cileno Piñera (e ammiratore del generale Pinochet), il segretario generale dell’Osa Almagro, Elliot Abrams, condannato per spergiuro e noto per mettere in discussione i diritti umani, il boss mafioso cubano di Miami, Marco Rúbio … Tutti lì per aumentare la pressione e forse, per farsi pubblicità nel momento della caduta di un dittatore. Erano delusi, e non solo per gli “artisti” che aveva portato Branson.

Venerdì hanno annunciato una “defezione” di alto profilo, quella di “Pollo” (il pollo) Carvajal: un ex alto ufficiale militare e dei servizi segreti. I piccoli dettagli che l’intervista del New York Times non ha rivelato sono in primo luogo che aveva già aderito ai ranghi dell’opposizione nell’agosto 2017, quindi questa non è stata davvero una defezione, e in secondo luogo, è stato accusato dalla DEA e dal Tesoro Usa di tutti i tipi di crimini (narcotraffico, collaborazione con le FARC, agente di Hezbollah) e che questa potrebbe essere la sua motivazione ora per accusare i funzionari del governo venezuelano degli stessi reati.

La verità è che l’elemento chiave in questo tentativo di golpe, una frattura nelle Forze Armate, non si è materializzata, e Guaidó (nonostante le sue delusioni di grandezza), non è un presidente, ma piuttosto un deputato dell’opposizione (come anche la CNN e la BBC lo hanno cominciato a chiamare in questi giorni).

Guaidó era così disperato di essere coinvolto nell’azione che ha attraversato il confine, illegalmente, e ha partecipato al festival di Branson, dove è stato accolto come un eroe. Forse il presidente colombiano Duque era un po’ preoccupato che Guaidó, vedendo la folla, decidesse di proclamarsi presidente … della Colombia! Il problema del “presidente in carica” di Trump sarà ora che il confine è stato chiuso e che quindi è diventato un “presidente in esilio”, o forse quello era il suo modo elegante di abbandonare una trama che non andava secondo i piani.

Il tentativo di portare gli “aiuti” al di là del confine non ha avuto successo, con la delusione di tutti i dignitari riuniti. Al mattino, due guardie nazionali venezuelane si sono impossessati di due veicoli corazzati e li hanno sbattuti contro le recinzioni a uno dei valichi di confine. Hanno ferito una donna, ufficiale di polizia, e un giornalista cileno. Sono usciti fuori dai veicoli e si sono diretti di corsa verso il confine colombiano, dove sono stati accolti dai politici dell’opposizione venezuelana.

Uno dei politici era stato rilasciato dalla prigione come parte dei tentativi del governo di Maduro di rappacificarsi con l’opposizione, nonostante fosse stato accusato di violenti disordini. Questo dice tutto ciò che si deve sapere sui tentativi di ammorbidire l’opposizione. Alla fine, delle tre guardie nazionali che hanno disertato una lavorava in cucina e altre due avevano incarichi amministrativi. Difficilmente un colpo di stato militare in piena regola, quindi.

Più tardi nel corso della giornata, abbiamo visto Guaidó posare eroicamente per le telecamere a lato di un camion articolato che trasportava pacchi USAID. ma mentre il convoglio di camion si avvicinava al valico di confine Guaidò si è dileguato senza fare rumore, lasciando ai suoi seguaci il lavoro eroico di attraversare i blocchi di polizia. Ci hanno provato, ma sono stati sufficienti un lancio di lacrimogeni e una scarica di proiettili di gomma per disperdere la folla.

Oltre alla Guardia Nazionale, a protezione del confine sono arrivati centinaia di civili ​​da diverse parti del paese, compreso un contingente della Corrente Rivoluzionaria di Bolivar Zamora da Apure con le loro Brigate di Difesa Popolare “Hugo Chavez”.

Frustrati dalla mancanza di progressi e dall’impossibilità di sfondare le linee di polizia, i sostenitori dell’opposizione hanno appiccato il fuoco a uno dei camion degli aiuti. Sembra che gli aiuti non fossero poi così preziosi! Certo, ora stanno cercando di incolpare le guardie di frontiera venezuelane per l’incendio del camion. Riprese aeree mostrano come le guardie si trovavano a una certa distanza dal camion e le immagini ravvicinate mostrano i sostenitori dell’opposizione venezuelana mentre lo danno alle fiamme. Ma non ci possiamo certo aspettare un’informazione corretta di questo incidente.

In totale lungo tutta la giornata di sabato 23 febbraio, una dozzina di soldati della Guardia nazionale venezuelana hanno attraversato il confine. Il ministro degli Esteri colombiano parla di 60 soldati espatriati, ma l’annuncio deve essere preso con le pinze.

Il bilancio principale della giornata si può ritrovare in un sottotitolo della CNN in lingua spagnola: “la entrega no se logró” (“la consegna è fallita”). Infatti, nella loro conferenza stampa mattutina, la banda dei golpisti riunita aveva già dei dubbi a riguardo e aveva annunciato un ulteriore incontro per il lunedì successivo in cui avrebbero imposto più sanzioni.

Nel frattempo, a Caracas, si è svolta una grande marcia chavista per respingere l’intervento imperialista.

Questa è stata una manifestazione dalla dimensioni importanti, che dimostra come la minaccia dell’imperialismo stia provocando una controreazione in cui, anche molti che sono disillusi o critici nei confronti di Maduro, stanno serrando le fila contro l’aggressione USA (si guardi questo servizio del canale statunitense PBS per farsi un’idea, in inglese). Al comizio conclusivo, Maduro ha annunciato che avrebbe rotto tutte le relazioni diplomatiche con la Colombia.

Il corrispondente del NY Times al confine ha riassunto la giornata con queste parole: “Si ha la sensazione che lo slancio sul ponte stia svanendo. La sensazione positiva del concerto di ieri è finita e il ponte assomiglia più a una conferenza stampa di leader regionali frustrati”.

Frustrati è la parola chiave.

Oggi l’imperialismo non ha raggiunto i suoi obiettivi, e ciò rappresenta una vittoria per noi.

 

24 febbraio 2019

Articoli correlati

No al golpe! No alla guerra! Giù le mani dal Venezuela!

La Tendenza Marxista Internazionale respinge il tentativo in atto dell’imperialismo statunitense di portare avanti un colpo di stato in Venezuela. Quello a cui stiamo assistendo è il tentativo spudorato di una coalizione di diversi paesi, guidata da Trump, di destituire il governo venezuelano del presidente Maduro.

La controrivoluzione alza la testa – Stop al golpe in Venezuela!

L’autoproclamato “Presidente ad interim” del Venezuela Juan Guaidò sta tentando di attuare un colpo di stato militare, “Operazione Libertà”, come ha denominato la “fase finale” del suo tentativo di rimuovere Maduro. È stato raggiunto da Leopoldo Lopez, che è stato liberato dagli arresti domiciliari da un gruppo di poliziotti e militari stamattina. È una mossa del tipo “o la va o la spacca”, come alcuni hanno descritto.

Gli Stati Uniti stringono il cappio attorno al Venezuela: il colpo di stato può vincere?

Gli sforzi di Washington per rovesciare il governo venezuelano, un tentativo di golpe imperialista, procedono rapidamente. Tuttavia, finora, il tentativo di colpo di stato non è riuscito a ottenere alcun sostegno dalle forze armate e l’ultima protesta dell’opposizione nelle piazze è stata un fallimento. Quali sono le prospettive per questa aggressione imperialista e come può essere combattuta efficacemente?

Venezuela: Come sconfiggere il colpo di Stato imperialista?

Ancora una volta l’opposizione in Venezuela tenta la strada del colpo di Stato per scrivere definitivamente la parola fine sulla rivoluzione venezuelana. Il 23 gennaio il leader della Mesa de Unidad Democratica Juan Guaidò si è autoproclamato presidente della Repubblica al posto di Nicolas Maduro.

Guaidò si autoproclama Presidente della Repubblica. È iniziato il colpo di stato

Come abbiamo denunciato in Venezuela è in corso un colpo di stato promosso dall’imperialismo e dai suoi lacchè del cartello di Lima, messo in campo dai burattini dell’opposizione. Oggi 23