24 Maggio 2017

Varese: solidarietà ai lavoratori de La Quiete in Lotta!

Da gennaio Varese vede una vertenza sindacale svilupparsi in pieno centro: a seguito del fallimento del Gruppo S. Alessandro, che gestiva la clinica privata “La Quiete” di Varese, i lavoratori della casa di cura sono in assemblea permanente e gestiscono autonomamente la struttura, offrendo prestazioni gratuite o a prezzi calmierati. Questo è un chiaro segnale non solo della volontà dei lavoratori di tutelare il loro posto di lavoro ma anche di mantenere un servizio che, a causa della privatizzazione della sanità fortemente voluta dalle giunte lombarde (e dai governi nazionali) è a rischio per le convenienze economiche di un imprenditore. La loro lotta per il diritto al lavoro non può essere scissa dalla lotta che tutti noi dovremmo fare per difendere il nostro diritto alla sanità.

L’obiettivo dei lavoratori della clinica, sotto sfratto esecutivo dall’inizio di gennaio, è sempre stato quello di evitare di abbandonare la struttura prima dell’asta, che era fissata per il 29 marzo, in cui si sarebbe dovuto trovare un nuovo compratore per la struttura. All’asta non si era presentato nessun compratore, ma nei giorni successivi ci sono state due proposte di acquisto. Nonostante questo il giudice che sta seguendo il processo ha rifiutato le offerte. Così il 28 aprile l’ufficiale giudiziario si è presentato alla clinica con polizia e digos per dare corso allo sfratto dopo l’ingiunzione del tribunale di Varese, a seguito del mancato pagamento degli affitti, ma non è stato possibile trasferire tutti i pazienti poiché quattro ricoverati erano in attesa di accertamenti specialistici e non potevano essere spostati.

La chiusura definitiva é stata rimandata così al 12 maggio. L’11 maggio, un giorno prima della chiusura, uno dei due compratori ha presentato una proposta di acquisto più dettagliata offendo 7 milioni e mezzo, 30 mila euro per gli affitti dell’immobile e il pagamento dei salari ancora da versare (una cifra poco al di sotto della base d’asta che era di 8 milioni). La proposta, però, é stata rifiutata dal giudice fallimentare per motivi sconosciuti. Così il 12 maggio i lavoratori si sono fatti trovare in presidio davanti alla clinica. All’arrivo dell’ufficiale giudiziario i lavoratori si sono riuniti in assemblea, e dopo qualche ora di stallo l’ufficiale ha rimandato la chiusura definitiva al 30 maggio, formalmente per permettere di preservare i macchinari presenti.

La chiusura di un polo che fornisce servizi sanitari in città è inaccettabile: stiamo parlando di risorse, macchinari e personale che potrebbero costituire un importante valore per la comunità se fossero messi al servizio di tutti e non utilizzati per far fare profitto a qualche padrone. Ci schieriamo al fianco della lotta dei lavoratori de La Quiete e parteciperemo ad ogni iniziativa da loro organizzata. Il giudice deve dare spiegazioni per il rifiuto delle offerte fino ad ora pervenute e, se entro la fine del mese non ne perverranno altre da potenziali compratori, la clinica dovrà essere inserita nel polo sanitario regionale. In ciascuno dei due casi il piano non deve in alcun modo comprendere tagli al personale. É inaccettabile che per il fallimento (o la speculazione) di un padrone i lavoratori perdano il posto di lavoro.

Sinistra Classe Rivoluzione Varese

Collettivo Varese Rossa

Articoli correlati

Dichiarazione di voto contraria sull’elezione della Segretaria FP CGIL

L’8 Giugno l’Assemblea Generale della FP CGIL ha eletto la nuova Segretaria Serena Sorrentino su proposta dei Centri Regolatori, dopo 6 anni di Segreteria Dettori.

Sull’accordo Castelfrigo e il giudizio del Si Cobas in merito

Nelle scorse settimane la ditta Castelfrigo di Castelnuovo Rangone è stata protagonista di una lotta molto dura messa in campo dai 130 “facchini” delle cooperative che vi lavorano. Per la prima volta lavoratori di etnie diverse e che non si erano mai nemmeno parlati tra loro, con uno sciopero di oltre 10 giorni ed un picchetto molto duro, hanno vinto assieme una battaglia importante. La vertenza ha assunto un significato ancora maggiore se si pensa che nei primi 3 giorni di sciopero anche i lavoratori diretti sono stati davanti ai cancelli mentre durante l’ultima giornata anche i facchini delle aziende limitrofe, iscritti al Si Cobas, sono scesi in sciopero di solidarietà.

Castelfrigo – Lezioni di tre mesi di lotta

E’ notizia di queste ore che finalmente la Cgil, dopo l’ennesima provocazione del padrone di Castelfrigo ha deciso di fare quello che noi da mesi abbiamo suggerito e scritto, ovvero alzare il livello dello scontro e bloccare le merci. Questo ennesimo episodio di arroganza padronale, la scelta conseguente della Cgil e la velleità degli accordi regionali e delle “commissioni antimafia” confermano in pieno quanto sostenuto nell’articolo che stiamo pubblicando e che è stato scritto non più tardi di dieci giorni fa.

Volantino: Solidarietà ai delegati Fiom Fonderia di Torbole

Nelle scorse settimane sono apparsi nella Fonderia di Torbole volantini firmati Forza nuova, inneggianti a una nuova rivoluzione “contro i sindacati nemici della patria e dei lavoratori”, i delegati sono stati minacciati con ripetute telefonate anonime alle loro famiglie e le loro auto danneggiate e deturpate da scritte oscene.

Rivogliamo tutto quello che ci hanno tolto – Intervento di Silvia Chili

Riportiamo l’intervento della compagna Silvia Chili, RSU FP-CGIL dell’Ospedale S. Orsola Malpighi di Bologna all’assemblea del 1 Luglio 2015 organizzata da Cgil-Cisl-Uil dal titolo “CONTRATTO SUBITO” Cari compagni, care compagne,

Le nuove frontiere del conflitto: la logistica

Negli ultimi anni si sono sviluppate lotte molto forti e radicali tra i lavoratori impiegati nel settore della logistica. Spesso protagonisti di queste lotte sono stati i facchini organizzati nel