19 Novembre 2015

Varese: dopo gli attentati a Parigi è vietato il dissenso

Lo scorso lunedì 16 novembre, a pochi giorni dagli attentati in Francia, sei studentesse dell’Itc Daverio di Varese si sono rifiutate di osservare il minuto di silenzio proposto in tutta Italia per commemorare le vittime degli attentati terroristici di Parigi. Queste ragazzine sarebbero uscite pacificamente dall’aula spiegando che il cordoglio e le manifestazioni di dolore vengono organizzate, in Italia come in Francia, soltanto quando gli attentati avvengono nel cuore del mondo occidentale. Hanno indubbiamente ragione: non ci sono mai minuti di silenzio quando i morti sono a Beirut, a Damasco, in Nigeria. Una oggettiva diversità di trattamento per cui se i morti sono in casa nostra bisogna stracciarsi le vesti, mentre se sono a migliaia di chilometri bisogna guardare con la coda dell’occhio il TG e continuare a mangiare.

Quali sono state le reazioni a questa protesta pacifica delle ragazze? Subito qualcuno (non si capisce se qualche professore o chi altro, visto il velo di omertà posatosi su tutta la faccenda) ha presentato un esposto alla Digos, uno alla polizia locale e un altro ai carabinieri, che hanno iniziato ad indagare sulle famiglie delle sei ragazze di origine marocchina. In più, la questione è stata addirittura discussa in Prefettura, nel Comitato per l’Ordine Pubblico e la Sicurezza di martedì 17 novembre. Inoltre, subito Salvini e il gotha dei dirigenti della Lega Nord hanno richiesto l’immediata espulsione dal Paese per queste studentesse. Richieste tra l’altro riprese in un articolo della Prealpina, uno dei giornali più letti nel nord Italia, in cui si suggerisce neanche tanto velatamente che queste ragazze potrebbero essere fiancheggiatrici o addirittura membri dell’ISIS.

Una reazione agghiacciante di scuola e istituzioni borghesi che subito hanno schiacciato delle studentesse sotto una mole di accuse impressionante. Uno schiacciamento e una gogna mediatica subito rilanciata dagli sciacalli della lega e dai giornalisti al loro pronto servizio. È una reazione che non ci stupisce: in Francia come in Italia, per il Governo e i padroni questi attentati sono un’ottima scusa per rinsaldare l’unità nazionale contro il nemico esterno, per l’eliminazione di ogni dissenso alle politiche di austerità e securitarie e per nascondere le loro reali responsabilità nelle guerra e negli interventi imperialisti in tutto il mondo. Come sezione di Varese di Sinistra Classe Rivoluzione e come Collettivo Varese Rossa e Collettivo Scintilla Luino giudichiamo inaccettabile questa reazione delle istituzioni e diamo la piena solidarietà a queste ragazze: il loro diritto al dissenso, per giunta motivato da una solida argomentazione, deve essere difeso ad ogni costo.

Articoli correlati

Francia – Le condizioni per la vittoria del movimento di scioperi

Il discorso che il Primo Ministro Edouard Philippe ha tenuto il giorno 11 dicembre ha posto fine a più di diciotto mesi di “trattative” e “consultazioni” che il governo ha tenuto con i leader sindacali. Centinaia di ore di incontri hanno portato a questo risultato edificante: il governo ha annunciato esattamente il progetto di riforma che aveva proposto sin dall’inizio, come se le “trattative” e le “discussioni” non avessero mai avuto luogo.

Il PCF e le elezioni presidenziali francesi del 2017

Le elezioni presidenziali del 2017 sono al centro di una nuova e profonda crisi nel Partito comunista francese (PCF). Il segretario nazionale del partito, Pierre Laurent, ha rivolto un appello da diversi mesi per un “candidato comune” delle “forze vive della sinistra”, dicendosi rammaricato delle “divisioni”. In nome di questo approccio, la dirigenza del PCF si è rifiutata di coinvolgere il partito e i suoi attivisti nella campagna per Jean-Luc Mélenchon, che è stato il candidato del Fronte di sinistra nelle elezioni presidenziali del 2012.

Francia – É lotta di classe!

Lo spettro di un nuovo Maggio ’68 inizia ad aleggiare minaccioso sulla classe dominante francese. La riforma del lavoro del ministro El-Khomri, un Jobs Act renziano in salsa francese, ha innescato una mobilitazione di massa della gioventù e della classe lavoratrice.

Saldi estivi: raddoppia la tassa del Conservatorio!

Il Conservatorio G. Verdi di Milano ha deciso di raddoppiare la prima rata della tassa d’iscrizione, passando da 600 euro a 1200 euro. Tutto questo senza nemmeno spiegare le ragioni di questo spropositato aumento.

“Dio lo vuole” la crociata della preside del Selmi

“Deus vult!”(Dio lo vuole): queste sono state le parole di Luciana Contri, preside dell’istituto modenese “F. Selmi”, quando ha tentato di impedire che i rappresentanti dell’Arcigay, invitati dagli studenti, potessero

Statale di Milano: contro il numero chiuso!

Pubblichiamo il volantino che i Compagni del Collettivo Pantera hanno distribuito all’Università Statale di Milano contro la decisione del Senato Accademico di approvare le linee guida per introdurre il numero programmato, anticamera per il numero chiuso, ai corsi di laurea di Studi Umanistici.