Varese – Clinica La Quiete chiusa, lavoratori per strada!

Dopo oltre quattro mesi di lotta lo scorso 30 maggio la clinica La Quiete di Varese è stata definitivamente chiusa, tramite apposizione di sigilli da parte dell’ufficiale giudiziario. Nonostante la presenza di due offerte da parte di altrettanti compratori e la possibilità di integrare la struttura nel sistema sanitario regionale, il giudice ha fatto la scelta più ovvia come rappresentante dello stato borghese: una scelta contro gli interessi dei lavoratori. Oltre al danno (sessanta lavoratori che perdono il posto), la beffa: durante il presidio del 30 maggio, al quale abbiamo partecipato come Sinistra Classe Rivoluzione, il direttore si è rifiutato di firmare l’accordo coi sindacati che prevedeva il licenziamento col pagamento delle quattro mensilità arretrate e del TFR a partire dal 2014. Si è giustificato dicendo che delle tre componenti dell’azienda (clinica, centro diagnostico e servizi) lui poteva prendere una decisione solo riguardo ai lavoratori dei primi due. Per quanto riguarda i trenta lavoratori della Quiete servizi, formalmente ancora sotto contratto con l’azienda precedente ma nei fatti inquadrati nella nuova amministrazione, a prendere una decisione sarebbe dovuto essere il precedente proprietario, che però non era presente al presidio.

La CGIL non ha firmato l’accordo ma ha preferito evitare lo scontro con la proprietà e affidarsi ad una risoluzione in via giudiziaria della vertenza. Questo nonostante la rabbia dei lavoratori, che sarebbero stati anche disposti a occupare la struttura fino al raggiungimento di un accordo che tutelasse il diritto a mensilità arretrate e TFR di tutti i sessanta dipendenti. Un atteggiamento inqualificabile, quello dei dirigenti sindacali, perché una lotta con relativa occupazione della struttura avrebbe potuto supportare l’azione giudiziaria e raccogliere la solidarietà di studenti e lavoratori, e se messa in campo fin da subito, senza tentennamenti, forse avrebbe anche portato a una risoluzione diversa della vertenza.

Se l’azione dei dirigenti del sindacato è da criticare, ridicola è stata invece la passerella del consigliere comunale della Lega Nord Marco Pinti. Stiamo parlando dello stesso partito che in Provincia e Regione ha guidato per anni la distruzione della sanità e dell’istruzione pubblica, eppure i suoi esponenti hanno ancora il coraggio di presentarsi davanti a dei lavoratori che vengono licenziati. Assenti invece rappresentanti del PD e dei 5 stelle: quando si sviluppa una vertenza tra un padrone e i lavoratori, sanno perfettamente da che parte stare, cioè da parte dei padroni. Sinistra Classe Rivoluzione Varese è stato l’unico movimento politico organizzato che si è schierato apertamente dalla parte dei lavoratori e siamo convinti, oggi più di ieri, che si debba ripartire dal campo della lotta di classe per costruire un sindacato realmente combattivo e una rappresentanza politica dei diritti dei lavoratori.

Articoli correlati

Solidarietà ai facchini Bormioli!

Piena solidarietà ai facchini Bormioli di Fidenza (Pr) e agli attivisti della Rete Diritti in Casa, sgomberati dalla polizia e trattenuti un pomeriggio in questura per l’identificazione e l’avvio di un’indagine.

Poclain (Modena): gli operai alzano la testa!

Da oltre una settimana, alla Poclain di Gaggio in Piano, nella provincia di Modena, gli oltre cento lavoratori sono in lotta per il rinnovo del contratto aziendale, scaduto da tre anni nei quali è stato valido un ormai lunghissimo accordo ‘ponte’.

Monfalcone – Non chiamatela fatalità, chiamatela strage!

Un altra vittima del profitto, un altro operaio morto sul lavoro.
Questa mattina ai cantieri di Monfalcone un giovanissimo operaio di 19 anni è rimasto schiacciato da un blocco di cemento di 700 kg. Immediato lo sciopero di tutte le maestranze del cantiere.

Michelin: senza gerarchie? I miti della rivista “Internazionale”

I miti dell’organizzazione del lavoro delle multinazionali e la cruda realtà. Un nostro lettore ci scrive.

WHIRLPOOL – Lotta dura, accordo al ribasso

Governo, sindacati e azienda si uniscono in un coro entusiasta: l’accordo firmato il 2 luglio salvaguarda, a loro dire, i posti di lavoro, cancella la minaccia dei 2.060 esuberi e

Bologna – RCM: a pagare deve essere il padrone, non i lavoratori

Il volantino che distribuiremo oggi al presidio dei lavoratori Rcm, azienda a rischio di chiusura di Monteveglio (Bo).