Università di Bologna – “Restate a casa”… sì ma solo quella che decide Er.Go!

Ieri mattina a Bologna, Er.Go. (l’organismo responsabile per gli alloggi studenteschi in Emilia Romagna) ha invitato “accoratamente” gli studenti residenti nelle sue strutture a tornare nella propria residenza lasciando libera la stanza dai propri effetti personali.

Quindi, secondo Er.Go. centinaia di studenti provenienti da tutta Italia dovrebbero allontanarsi da Bologna nel pieno di un’emergenza sanitaria per raggiungere i propri paesi di origine. Questo è problematico su vari livelli. Innanzitutto da un punto di vista logistico: la soppressione di molti voli, treni e autobus ha determinato un’impennata nei prezzi rendendo il viaggio più complesso e costoso, se non impossibile per gli stranieri. In secondo luogo da un punto di vista sanitario: uno spostamento di questo genere mette certamente a rischio chi lo compie, essendo costretto a entrare in contatto con molte persone. Inoltre espone a rischi anche i familiari degli studenti che rientrano aumentando la possibilità di propagazione del virus.

Se Er.Go. ritiene che gli studentati siano luoghi di assembramento affollati è perché tutti i tagli al servizio effettuati negli ultimi anni hanno costretto gli studenti ad ammassarsi in stanze con sempre più inquilini. I responsabili di questa situazione critica (che lo sarebbe anche senza un’emergenza sanitaria) sono sicuramente Er.go. ed il comune di Bologna che non ha imposto nessuna regolamentazione sulla creazione di B&B togliendo importanti risorse abitative per gli studenti che vedono i prezzi degli affitti crescere di anno in anno costringendoli a intasare le richieste negli studentati. Immediatamente sono scattate le proteste di varie associazioni che hanno giustamente ritenuto inaccettabile questa richiesta.

Grazie a queste proteste si è arrivati poco dopo a un ritiro della proposta fatta. Questo a dimostrazione che soltanto sotto la pressione di studenti e lavoratori si può arrivare ad applicare misure che siano razionali.

Per far fronte a questa situazione noi rivendichiamo: la sospensione della contribuzione studentesca riferita al pagamento della terza rata e la totale gratuità dei servizi per tutti i beneficiari; l’erogazione gratuita di un pasto per gli studenti che alloggiano nella residenza; che si garantiscano le disposizioni sanitarie nelle residenze approntando tutte le misure necessarie.
Consapevoli che l’emergenza negli studentati non è circoscritta a questo momento specifico chiediamo un piano generale di costruzione di studentati che vengano assegnati gratuitamente a tutti i fuori sede, per un reale diritto allo studio.

Non saranno gli studenti a pagare l’emergenza per le responsabilità di Er.Go. e del comune!

Articoli correlati

Studenti

Università di Trento: proibito andare al bagno!

Nella facoltà di lettere dell’università di Trento non è più possibile accedere liberamente ai bagni. Recentemente l’amministrazione, dietro sollecitazione della lista studentesca di estrema destra “Atreju”’, ha limitato la fruizione del

Studenti

Alternanza scuola-lavoro – Dalle favole alla realtà

La maschera di ipocrisia che copriva il vero volto dell’alternanza scuola-lavoro, alla luce degli eventi e delle dichiarazioni delle ultime settimane, è definitivamente caduta. I recenti scandali hanno nuovamente messo in luce tutto ciò che di marcio si nasconde dietro le false promesse che la classe dominante ha propinato agli studenti e ai lavoratori sin dall’approvazione della Buona Scuola

Studenti

Scuola – Non dobbiamo pagare noi il prezzo del vostro fallimento!

Oggi il nuovo dpcm sentenzia il 100% di didattica a distanza per tutte le scuole superiori. Nelle zone rosse saranno chiuse anche le seconde e terze medie.
Facciamo appello a tutti per partecipare alla assemblea nazionale del 7 novembre per discutere e organizzarci insieme!

Studenti

Bologna si mobilita: chiediamo servizi, ci danno repressione

“Adesso basta!” Questo è stato il grido che molti studenti dell’ateneo di Bologna hanno lanciato in questi giorni, in risposta all’ennesimo tentativo da parte delle istituzioni accademiche di militarizzare la zona universitaria.

Studenti

Roma – La Sapienza ai tempi del Covid

Ai tempi dell’emergenza sanitaria covid-19 le prime strutture ad essere state chiuse sono state scuole e università. Prendiamo ad esempio La Sapienza di Roma, che con i suoi 113.500 studenti complessivi, 3.300 docenti e 2.000 funzionari, tecnici e bibliotecari, oltre a 1.800 amministrativi nelle strutture ospedaliere (al 2019), è il più grande campus d’Europa.

Giovani

Coronavirus? Studenti, arrangiatevi o sette in condotta!

I decreti sulla scuola e le prassi adottate dai diversi istituti rispecchiano le misure contraddittorie adottate per gli altri ambiti della società. La disposizione ministeriale era di attivare forme di didattica online, definite un’opportunità di innovazione. Ma questo si è concretizzato in un’imposizione dall’alto a studenti e famiglie, oltre che ai docenti.