27 Aprile 2018

ULTIM’ORA DAL PAKISTAN – Tutti i nostri compagni sono stati liberati!

Tutti i nostri compagni sono stati liberati! Bilawal Baloch, Raja Umar and Mohammed Gulbaz sono al sicuro con i compagni della sezione pakistana della Tmi.
Il merito è tutto della meravigliosa campagna di solidarietà che condotta in Pakistan e a livello internazionale!

Viva la Tendenza marxista internazionale!

#Pya #Rwf #Ptm #ReleaseOurComrades

Articoli correlati

Studente marxista ucciso in Belucistan (Pakistan)!

Ieri, 31 ottobre a Turbat in Belucistan, la casa del compagno Zareef Rind è stata attaccata da uomini armati non identificati. Suo fratello minore Hasil Rind Baloch, 18 anni, –

Pakistan – La conferenza di fondazione della Progressive Youth Alliance

La Progressive Youth Alliance (Alleanza della gioventù progressista – PYA) terrà la propria assemblea di fondazione, Sabato 5 Dicembre a Lahore, in Pakistan. Costituirà un immenso passo avanti verso la rinascita della politica studentesca di sinistra, che ha subito un forte declino negli ultimi trent’anni.

PAKISTAN: ALTRI TRE COMPAGNI RILASCIATI!

Dopo la liberazione, avvenuta ieri, di tre dei nove compagni sequestrati, altri TRE militanti della TMI, Aftab Ashraf, Karim Parhar e Zain ul Abidin sono stati rilasciati oggi!

Solidarietà con la lotta dei lavoratori delle Aerolinee pakistane (Pia)!

Lo sciopero dei lavoratori (Pakistan International Airlines) PIA è entrato nel suo settimo giorno. Dopo l’uccisione di tre operai da parte delle forze di sicurezza a Karachi martedì scorso, quando la protesta pacifica dei lavoratori contro la privatizzazione è stata brutalmente attaccata, l’intensità dello sciopero ha raggiunto il culmine.

Pakistan – Il Pashtun Tahafuz Movement, la repressione e il ruolo dei marxisti

Dall’inizio di febbraio un nuovo movimento di massa sta mettendo in discussione alla radice lo status quo in Pakistan. La protesta è stata innescata dall’esecuzione sommaria di un giovane pashtun, Naqeeb ullah Mehsud, avvenuta a Karachi lo scorso 19 gennaio.

Kashmir: una valle in rivolta

Il Kashmir occupato dall’India è in rivolta dal’8 luglio, il giorno dell’omicidio di Burhani Wani, un comandante del gruppo Hizbul Mujahideen, da parte delle truppe indiane. L’omicidio ha scatenato un movimento di protesta di massa in tutta la valle del Kashmir. Lo stato indiano ha risposto in maniera brutale, imponendo un coprifuoco draconiano, uccidendo più di 80 persone e ferendone migliaia. Pubblichiamo un commento sulla situazione attuale di Yasir Irshad, un marxista della TMI nel Kashmir occupato dal Pakistan.