21 Marzo 2022 Tendenza Marxista (Ucraina)

Ucraina – Il governo Zelensky usa l’invasione per giustificare la repressione politica

Il governo di Zelensky continua a usare in maniera cinica l’invasione russa per giustificare la repressione degli oppositori politici. Le attività politiche di undici organizzazioni sono state vietate durante tutto il periodo del conflitto armato. Mentre alcune di queste organizzazioni sono ridicole e ci sono militanti di questi gruppi che hanno atteggiamenti favorevoli all’invasione russa, non esiste alcuna prova di una loro collaborazione.

Mentre alcuni dei membri di queste organizzazioni ha effettivamente applaudito l’invasione russa, la maggior parte è solo contraria al governo e non ha intrapreso alcuna azione di sostegno all’invasione. Tra questi c’è l’Opposizione di sinistra, il partito che è l’erede del Partito Comunista d’Ucraina (PCU), che ha avuto le sue attività limitate dalle leggi di decomunistizzazione del 2015. Vale la pena notare come il loro partito gemello, il Partito Comunista della Federazione Russa, che ha appoggiato vergognosamente l’invasione di Putin e ha gettato ulteriore benzina al loro allontanamento dai lavoratori ucraini contrari all’invasione russa, non ha reso le cose più facili per il PCU.

Anche i principali partiti di opposizione borghesi (Blocco dell’Opposizione), che hanno storicamente sostenuto legami economici più stretti con la Russia, non hanno dimostrato di aver cooperato con l’invasione. La “Piattaforma di Opposizione – Per la Vita” (POPL), che ha 43 deputati nella Rada, è tra i partiti messi al bando con l’accusa di “collaborare con l’aggressore”. Infatti, la POPL aveva espulso uno dei suoi deputati che aveva sostenuto l’invasione russa, dopo aver pubblicato una dichiarazione in cui si chiedeva la fine dell’aggressione russa e invitava i suoi membri ad unirsi alla Difesa Territoriale. Questo partito è arrivato secondo alle ultime elezioni parlamentari del 2019, con 1,9 milioni di voti (13%). Il voto combinato dei tre partiti in parlamento messi al bando è di 2,7 milioni (18%).

Altri partiti senza rappresentanza parlamentare sembrano essere stati messi al bando perché il loro nome contiene la parola “socialista” o “sinistra”, o perché la loro circoscrizione è tra quelle a maggioranza russofona. Va detto: questo non ha niente a che fare con gli interessi della difesa nazionale, ma con gli interessi del partito di Zelensky che potrebbe detenere il monopolio del potere dopo un potenziale cessate il fuoco.

Sono stati segnalati anche numerosi arresti di attivisti della sinistra e dell’opposizione. Per esempio, Yuriy Tkachev del giornale Timer di Odessa è stato arrestato in casa propria dai servizi segreti (SBU). Tkachev si era dedicato a resoconti abbastanza neutrali sul conflitto, tra cui informare i residenti dei danni causati dal bombardamento russo e dagli attacchi aerei. Tuttavia, è stato accusato di maneggiare esplosivi e armi. Tkachev è stato fondamentale nella divulgazione pubblica del massacro di Odessa del 2 maggio 2014.

Ogni giorno vengono riportati arresti di vari attivisti. Dobbiamo opporci a queste azioni ciniche del governo Zelensky che arresta e minaccia l’opposizione senza alcuna prova di reati commessi. Senza dubbio chi è al potere sa che usare le accuse di collaborazionismo come tattica diffamatoria può aiutare a demoralizzare ulteriormente il potenziale sentimento di opposizione futura quando le cose torneranno alla situazione antecedente di dominio dell’oligarchia. Questo è il motivo per cui così tante organizzazioni diverse sono state messe nello stesso sacco con questa legge.

Oltre a decidere di bandire undici partiti, Zelensky ha anche usato i poteri della legge marziale per accorpare tutte le stazioni televisive del paese in un’unica emittente sotto il controllo del governo. Questo gli ha opportunamente permesso di cancellare una stazione televisiva legata a Poroshenko, che aveva criticato la posizione di Zelensky sulla rinuncia all’adesione alla NATO. Questo è stato probabilmente un tentativo cinico di Poroshenko di ottenere un vantaggio politico. Ma in ogni caso, resta il fatto che il governo ha ormai impedito la trasmissione di qualsiasi opinione critica, comprese quelle che non possono in alcun modo essere accusate di favorire l’invasione russa.

Articoli correlati

Ucraina

La guerra in Ucraina: realtà e finzione

La principale peculiarità dell’attuale guerra in Ucraina è che si trova completamente eclissata da una guerra mediatica senza precedenti. Di conseguenza, gli animi si sono parecchio surriscaldati, ma è stata fatta ben poca luce sui fatti. In effetti, il suo principale obiettivo non è informare, ma nascondere la situazione reale. E bisogna ammettere che ha avuto un notevole successo.

Russia

La Russia “barbarica” e l’Occidente “civilizzato”

La libertà di parola, e per estensione, la libertà di stampa, è sempre considerata come una delle pietre miliari della democrazia. È ciò che si dice che separa i fieri cittadini del mondo occidentale da tutte le altre nazioni meno fortunate. Si suppone che sia la linea rossa che distingue la civiltà dalla barbarie. Soprattutto, nel momento attuale della storia mondiale, si dice che distingua noi popoli del mondo occidentale civili, democratici e amanti della libertà dalla barbarie russa dispotica.

Ucraina

2 maggio 2014, il massacro di Odessa – Noi non dimentichiamo!

Il 2 maggio 2014 , otto anni fa, gruppi paramilitari fascisti e nazisti assaltarono la Casa dei Sindacati di Odessa, in Ucraina, dandole fuoco. Nell’incendio e sotto i colpi di bastone e di arma da fuoco, perirono 42 giovani e lavoratori, militanti di organizzazioni comuniste e antifasciste.

Ucraina

La guerra in Ucraina: una posizione internazionalista di classe – La dichiarazione della TMI

La prima vittima della guerra è la verità. Questo è vero anche per ciò che riguarda ‘intervento militare russo in Ucraina. I marxisti devono essere in grado di aprirsi un varco nella nebbia delle menzogne e della propaganda di guerra e analizzare le vere ragioni dietro il conflitto, cosa lo ha causato e i veri interessi che stanno dietro le spiegazioni e le giustificazioni delle diverse parti coinvolte. Soprattutto, dobbiamo farlo dal punto di vista degli interessi della classe operaia internazionale.

Ucraina

L’imperialismo occidentale esprime pessimismo rispetto all’Ucraina

Sono passati più di 100 giorni dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina, e non si intravede la fine della guerra. Le dichiarazioni entusiastiche dell’Occidente dopo il ritiro della Russia dalle aree occupate intorno a Kiev, Sumy, Chernihiv e Kharkiv si sono trasformate in valutazioni più pessimistiche. Le forze russe, grazie a un’artiglieria superiore, stanno avanzando nel Donbass, lentamente, ma implacabilmente.

Ucraina

Dichiarazione sul riconoscimento della DPR e LPR da parte di Putin

Dopo la drammatica svolta degli eventi, con il riconoscimento da parte del presidente russo Vladimir Putin delle repubbliche secessioniste in Ucraina orientale, seguito dall’invio di forze militari russe, pubblichiamo una dichiarazione dei compagni russi della TMI, elaborata insieme ai marxisti in Ucraina e nel Donbass, in opposizione a questo conflitto interimperialista.