4 Dicembre 2017

Trieste – Solidarietà con la lotta dei lavoratori Redox!

Trieste, zona industriale. In fondo ad una lunga strada che corre tra capannoni dismessi, fabbriche chiuse e realtà produttive sempre più incerte (Flextronic), sventola la bandiera rossa dell’USB.
E’ il presidio permanente che i lavoratori della Redox Group Srl hanno messo in piedi da lunedì 27 novembre a difesa del proprio lavoro e dei propri diritti.

La vertenza riguarda una decina di lavoratori, operai specializzati, a cui la Redox (manutenzione di gru-carri ponte in appalto per Wartsila) ha voluto dare il benservito proponendo un affitto d’azienda che in parole povere significa il passaggio ad una nuova ditta (la V.A.Crane Italia) con i nuovi contratti, senza tutele, con meno soldi in busta paga e con la cessione del TFR.
Un ricatto inaccettabile a cui va sommato il fatto che i lavoratori da 3 mesi non ricevono lo stipendio.
Quello che abbiamo davanti è un esempio esplicativo di ingordigia padronale ai suoi più alti livelli. V.A.Crane Italia, la nuova azienda che si è insediata nello stabilimento, è nei fatti la filiale italiana di V.A.Crane Srl, società con sede a Londra a cui fanno capo due soci: un investitore di Singapore e, guardacaso, il proprietario di Redox Group srl.
Dopo anni di laute commesse da parte di Fincantieri e Wartsila (che avevano portato ad impiegare nel 2009-2010 circa 60 lavoratori in azienda), giocate come sempre grazie al ribasso del prezzo del lavoro e sulla pelle dei lavoratori, ora la proprietà fa il gioco delle 3 carte con un unico intento: riguadagnare gli appalti milionari pagando gli operai ancora meno.
In Redox, particolarmente nel cantiere di Marghera dove lavoravano in appalto per Fincantieri, gli straordinari erano all’ordine del giorno, in condizioni di lavoro particolarmente dure e pericolose.

Davanti al ricatto gli operai hanno deciso di rispondere con una mobilitazione ad oltranza. Non solo le richieste avanzate sono inaccettabili, ma la stessa prospettiva di lavorare per V.A.Crane, prestanome del vecchio padrone, è assolutamente incerta e priva di prospettive reali. Mentre al primo piano gli operai danno vita al picchetto permanente, al piano sopra i 4 impiegati della Redox, accettando il passaggio a V.A.Crane, sono in turno a lavorare. Con un piccolo problema: la V.A. Crane non solo non ha operai, ma non ha nemmeno committenti.
Nella vicenda Redox si aggrovigliano quindi le più classiche vicende che colpiscono molte aziende in crisi (reale o presunta) nel nostro paese, con i più torbidi (ed impuniti) giochi di finanza e speculazione che rivelano un’unica, antica verità: le leggi di questo sistema sono scritte apposta attorno agli interessi economici dei padroni, dei banchieri e degli speculatori.
Sinistra Classe Rivoluzione Trieste ribadisce la propria totale solidarietà alla lotta dei lavoratori Redox. Solidarietà politica ma anche materiale, vista la necessità per i lavoratori di tener duro in una vertenza che si preannuncia lunga.
Una solidarietà però che deve andare oltre ai cancelli della Redox e provare a coinvolgere i lavoratori delle aziende limitrofe, in primis la Flextronic e la Wartsila.
La difesa del lavoro, del salario e dei diritti degli operai Redox è la difesa della dignità di tutti i lavoratori e lavoratrici dell’industria triestina.

Articoli correlati

IMA (Bologna) – L’emergenza non sia a carico dei lavoratori!

Il COVID 19 allontana i clienti stranieri dall’Italia mentre all’estero i lavoratori italiani in trasferta spesso sono visti con diffidenza e rischiano di finire in quarantena. È la situazione tipica delle aziende del packaging bolognese.

Amazon, si sciopera in tutta Europa… E in Italia?

Il 17 luglio c’è stato lo sciopero europeo di Amazon nel giorno del Prime day, Spagna, Germania, Polonia si sono fermate.

Castelfrigo: le cariche e le intimidazioni non fermano la lotta

Alla Castelfrigo è ripreso lo sciopero ad oltranza con presidio, dopo che l’azienda ha interrotto in maniera unilaterale le trattative.

Almaviva: la resa dei conti tra azienda e lavoratori è solo rimandata

Dopo oltre due mesi e mezzo di lotta la vertenza Almaviva si chiude con un accordo firmato dall’azienda con il governo e i sindacati. Quello firmato all’alba del 31 maggio non è una vittoria per i lavoratori, è un accordo che non risolve del tutto e strutturalmente la crisi del settore

La lotta alla Castelfrigo: il buono, il brutto e il cattivo

La fine di questa orgogliosa lotta contro l’inferno del settore carni e delle (false) cooperative, portata avanti coraggiosamente da lavoratori doppiamente sfruttati, in quanto prevalentemente immigrati, non è ancora arrivata. Ma deve esserci una svolta immediata. L’immensa esperienza accumulata alla Castelfrigo non può andare dispersa!

Monfalcone – Non chiamatela fatalità, chiamatela strage!

Un altra vittima del profitto, un altro operaio morto sul lavoro.
Questa mattina ai cantieri di Monfalcone un giovanissimo operaio di 19 anni è rimasto schiacciato da un blocco di cemento di 700 kg. Immediato lo sciopero di tutte le maestranze del cantiere.