Trieste – No al divieto dei simboli partigiani il Primo maggio!

Il divieto di esporre simboli partigiani il 1° Maggio a Trieste è l’ultimo e forse definitivo tassello di un percorso di “sterilizzazione” della Resistenza e della sua memoria in atto da anni nel nostro Pease e nella nostra città.
Non siamo stupiti, quindi, che questa giunta ricorra all’uso di decreti per seppellire la storia della nostra città sotto un muro di propaganda. Lo spirito che pervade questo provvedimento è quello che da anni permea le celebrazioni del 10 Febbraio che, lungi dallo stimolare un dibattito costruttivo sulla storia di Trieste e Litorale hanno rappresentato il viatico legale per consegnare onorificenze a fascisti e collaborazionisti e fare dell’anticomunismo e del razzismo antislavo religione civile.


L’attacco continuo non muta le nostre posizioni critiche nei confronti del socialismo jugoslavo, che provengono però da uno studio attento e critico della storia del movimento operaio internazionale e non certo da un pregiudizio politico com’è il caso della cricca che abita il Municipio.


La storia, tuttavia, non può essere cancellata per decreto. Può essere offuscata, vilipesa, deformata, ma il ricordo vivo dei crimini fascisti e il grande slancio rivoluzionario che caratterizzarono la Resistenza sono dati di fatto che, pur nelle difficoltà imposte dalla “storia di regime”, noi continueremo a studiare, analizzare, difendere e soprattutto ad attualizzare affinché l’esempio di coraggio di chi combattè il fascismo attorno ad una prospettiva di abbattimento del capitalismo continui ad ispirare i giovani che oggi cercano una teoria, un’idea, un immaginario all’altezza della lotta contro questa crisi che genera solo miseria e guerra in ogni angolo del pianeta.


Trieste fu liberata il 1° maggio 1945 dai partigiani sloveni, croati,  serbi e italiani inquadrati nell’Esercito Popolare della Jugoslavia. Operai e contadini che risalirono il Litorale per liberare altri operai e contadini dal giogo del fascismo, del nazismo e della politica imperialista del capitalismo italiano nei Balcani. Chi si sentì minacciato ieri dalla Resistenza è chi si sente minacciato oggi dal suo ricordo autentico: i fascisti, i padroni, i loro servi.


Viva la Resistenza partigiana!
Viva la Stella Rossa!
Viva la lotta per il Comunismo, per la libertà e la giustizia!
Smrt fasizmu, svoboda narodu/Morte al fascismo, liberta al popolo!

Articoli correlati

Storia e Memoria

1916-2016 – L’insurrezione di Pasqua a Dublino

Quest’anno ricorre il centenario dell’insurrezione di Pasqua del 1916. Un episodio poco conosciuto in Italia: la storia la scrivono i vincitori, e le ribellioni degli oppressi sono i primi avvenimenti ad essere occultati o se proprio necessario, vilipesi e calunniati.

Storia e Memoria

Strage del 2 agosto 1980 – Mano fascista, regia della P2 e dello stato borghese!

Nel quarantesimo anniversario della strage alla stazione di Bologna, quando il 2 agosto 1980 l’esplosione di una bomba posta nella sala d’aspetto di fronte al primo binario fece 85 morti e 200 feriti, nuovi documenti, acquisiti agli atti dell’inchiesta tutt’ora in corso sembrano gettare luce sui possibili mandanti di questa immonda barbarie.

Storia e Memoria

A 98 anni dalla rivoluzione d’Ottobre

In occasione del 98° anniversario della rivoluzione d’Ottobre, pubblichiamo alcune pagine del libro di Victor Serge, “L’anno primo della rivoluzione russa” pubblicato nel 1930.

Storia e Memoria

La rivoluzione non è un putsch

La redazione di InfoAut, nella sua rubrica “Storia di classe”, ha ricordato la rivoluzione d’Ottobre con un breve articolo, perlopiù cronachistico, nel quale si assicura che Stalin fu la guida dell’insurrezione in qualità di membro del comitato a cinque eletto dal Comitato Centrale (CC) del partito bolscevico al fine di organizzare la presa del potere. Trotskij non è nemmeno nominato.

Storia e Memoria

1969 – Studenti e operai nell’Autunno caldo

Il ’68 è l’anno degli studenti. Il ‘69, l’anno dell’unità degli studenti con la classe operaia. Un’alleanza che, come vedremo, non seguì vie lineari. Tra l’autunno del ’67 e la primavera del ’68 tutte le università italiane e centinaia di licei e istituti vengono occupati dagli studenti. La risposta delle classi dominanti è un’ondata repressiva senza precedenti. Migliaia sono i provvedimenti disciplinari, le imputazioni giudiziarie, le manganellate della polizia.

Storia e Memoria

Gli accordi di luglio 1992 – Quando abolirono la Scala Mobile

Il 31 luglio 1992 i vertici di CGIL, CISL e UIL, il governo Amato e Confindustria firmano i primi famigerati accordi sulla moderazione salariale e aboliscono la Scala Mobile dei salari. L’anno seguente, il 23 luglio 1993, un altro accordo altrettanto peggiorativo fa da apripista agli attacchi dei decenni successivi. Se oggi i lavoratori italiani sono tra quelli coi salari più bassi, la precarietà più diffusa ed il sistema pensionistico peggiore dell’Europa occidentale, quello è stato il punto di partenza.