25 Marzo 2020

Trieste, chiude la Ferriera – Lottiamo per il lavoro e l’ambiente!

Con la definitiva chiusura dell’area a caldo entro il mese di aprile, l’imprenditore cremasco Arvedi ha messo una parola fine alla lunga storia della Ferriera di Trieste. Da simbolo del progresso e dell’industrializzazione a sinonimo di inquinamento e malattie respiratorie, la Ferriera oggi è diventata l’emblema della crisi mondiale che sta colpendo un territorio già fortemente deindustrializzato come quello di Trieste.
Ciò che stupisce di questa chiusura è che essa sia stata rivendicata come una vittoria da parte di quasi tutti i soggetti coinvolti nello spegnimento dell’altoforno. Un coro di unanime soddisfazione in cui istituzioni, politica e sindacati hanno intonato ognuno una parte nella partitura scritta dal cavalier Arvedi, unico vero vincitore di questa partita.

Ma a sancire definitivamente la volontà di dismissione della Ferriera da parte del gruppo Arvedi sono state le organizzazioni sindacali, in un’inedita unità che ha visto Cisl, Uil e Usb contrapposte alla sola Fiom, critica nei confronti dell’accordo sindacale posto al voto.
Sotto le pressioni dell’azienda e spaventati dall’esito negativo del referendum 277 lavoratori (il 58%) hanno votato Sì all’accordo, costringendo la Fiom (che pure da sola ha raccolto il No di 192 lavoratori) a capitolare e sottoscrivere l’accordo pur mantenendo una posizione critica.

Ciò che ha messo sul piede di guerra i metalmeccanici della Cgil è la mancanza di una vera strategia a lungo termine per il riassorbimento della manodopera. L’accordo prevede infatti la chiusura dell’area a caldo e il suo smantellamento per poi procedere alla cessione dei terreni al sistema portuale. Con questa operazione Arvedi prende due piccioni con una fava: si sbarazza di una vecchia fabbrica in un momento di contrazione del mercato europeo dell’acciaio e riesce a vendere ad alto prezzo i terreni bonificati (con soldi pubblici). Le garanzie date dal padrone sono veramente scarse e molte di esse (riassorbimento della manodopera in aziende nel pordenonese, accordo con Fincantieri) si sono rivelate essere pura propaganda per incassare l’assenso dei lavoratori.
 La sola area a freddo (sulla quale non sono ancora partiti gli investimenti promessi) e la rotazione per 2 anni dei lavoratori in Cassa integrazione su lavori di logistica e bonifica non possono garantire una sicurezza occupazionale per tutti.

Articoli correlati

Trasferimenti a Cassino, per i lavoratori Fca non c’è mai pace

Non c’è pace per i lavoratori Fiat dello stabilimento G.B.Vico di Pomigliano d’Arco. Fca in autunno ha annunciato l’esigenza di trasferire temporaneamente 550 lavoratori dello stabilimento di Pomigliano a quello di Cassino per esigenze produttive.

No alle espulsioni dalla Fiom e dalla Cgil

Abbiamo appreso che nell’ultimo Comitato Centrale della Fiom-Cgil tenutosi il 7e 8 Gennaio scorsi è stato comunicato che oltre una decina di nostri compagni RSA Fiom di diversi stabilimenti del gruppo FCA sono stati chiamati in causa da un interpello redatto dai segretari generali della Fiom Molise e Basilicata e rivolto al Collegio Statutario Nazionale della Cgil.

Fiom – Un errore non proclamare lo sciopero a luglio

Martedì 21 giugno si è riunito il Comitato centrale della Fiom-Cgil. All’ordine del giorno, la discussione su come proseguire la mobilitazione per il rinnovo del contratto nazionale dei metalmeccanici. Pubblichiamo l’intervento di Paolo Brini

Ilva: la verità sull’accordo

Il 13 settembre i lavoratori dell’Ilva hanno approvato l’ipotesi di accordo sottoscritta lo scorso 6 settembre: un esito più che prevedibile dopo anni di incertezza estenuante, sotto una propaganda martellante. Ma sono veramente tutti salvi?

La lotta alla Carpigiana: unità Fiom e Si Cobas

La vertenza alla cooperativa Carpigiana service se da un lato rappresenta uno dei tanti esempi dell’ingiustizia che sta alla base del mondo del facchinaggio cooperativo, è anche un precedente importante di fronte unico di lotta tra Fiom e Si Cobas.

Il problema non è il “populismo” ma la crisi di una linea sindacale

A Bologna tra il 2008 e il 2016 si sono persi 7mila posti di lavoro metalmeccanici – da 53mila a 47mila – di cui 6mila operai e mille gli impiegati.