Trieste, chiude la Ferriera – Lottiamo per il lavoro e l’ambiente!

Con la definitiva chiusura dell’area a caldo entro il mese di aprile, l’imprenditore cremasco Arvedi ha messo una parola fine alla lunga storia della Ferriera di Trieste. Da simbolo del progresso e dell’industrializzazione a sinonimo di inquinamento e malattie respiratorie, la Ferriera oggi è diventata l’emblema della crisi mondiale che sta colpendo un territorio già fortemente deindustrializzato come quello di Trieste.
Ciò che stupisce di questa chiusura è che essa sia stata rivendicata come una vittoria da parte di quasi tutti i soggetti coinvolti nello spegnimento dell’altoforno. Un coro di unanime soddisfazione in cui istituzioni, politica e sindacati hanno intonato ognuno una parte nella partitura scritta dal cavalier Arvedi, unico vero vincitore di questa partita.

Ma a sancire definitivamente la volontà di dismissione della Ferriera da parte del gruppo Arvedi sono state le organizzazioni sindacali, in un’inedita unità che ha visto Cisl, Uil e Usb contrapposte alla sola Fiom, critica nei confronti dell’accordo sindacale posto al voto.
Sotto le pressioni dell’azienda e spaventati dall’esito negativo del referendum 277 lavoratori (il 58%) hanno votato Sì all’accordo, costringendo la Fiom (che pure da sola ha raccolto il No di 192 lavoratori) a capitolare e sottoscrivere l’accordo pur mantenendo una posizione critica.

Ciò che ha messo sul piede di guerra i metalmeccanici della Cgil è la mancanza di una vera strategia a lungo termine per il riassorbimento della manodopera. L’accordo prevede infatti la chiusura dell’area a caldo e il suo smantellamento per poi procedere alla cessione dei terreni al sistema portuale. Con questa operazione Arvedi prende due piccioni con una fava: si sbarazza di una vecchia fabbrica in un momento di contrazione del mercato europeo dell’acciaio e riesce a vendere ad alto prezzo i terreni bonificati (con soldi pubblici). Le garanzie date dal padrone sono veramente scarse e molte di esse (riassorbimento della manodopera in aziende nel pordenonese, accordo con Fincantieri) si sono rivelate essere pura propaganda per incassare l’assenso dei lavoratori.
 La sola area a freddo (sulla quale non sono ancora partiti gli investimenti promessi) e la rotazione per 2 anni dei lavoratori in Cassa integrazione su lavori di logistica e bonifica non possono garantire una sicurezza occupazionale per tutti.

Articoli correlati

Metalmeccanici

A lavorare in fabbrica…si diventa matti!

Il 23 ottobre a Modena nell’ambito della “Settimana della Salute Mentale” organizzata dal Dipartimento di Salute Mentale dell’Asl di Modena, la Fiom locale e nazionale hanno organizzato in collaborazione con il DSM una assemblea pubblica dal titolo “A lavorare in fabbrica si diventa matti”.

Metalmeccanici

Navi militari, produzioni essenziali? Le ragioni dello sciopero Fiom a Riva Trigoso

Salutiamo calorosamente lo sciopero della Fiom di questa mattina allo stabilimento Fincantieri di Riva Trigoso. Le ragioni dei delegati Rsu-Rsl Fiom e di tutti quei lavoratori che non vogliono rientrare a lavorare nel cantiere sono sacrosante.

Metalmeccanici

Nazionalizzare l’Ilva!

Solo con un’Ilva nazionalizzata è possibile elaborare un vero piano di risanamento e rilancio, sotto il controllo dei lavoratori e dei comitati di cittadini in difesa della salute e dell’ambiente. Su questa strada la lotta dell’Ilva può essere la scintilla di una svolta che scuoterebbe la classe lavoratrice di tutto il paese.

Metalmeccanici

La lotta della Whirlpool è la lotta di tutti! – Un volantino

Pubblichiamo il testo del volantino che Sinistra classe rivoluzione ha distribuito oggi allo sciopero nazionale dei lavoratori Whirlpool, a Roma.

Sindacato

Fiom: sul contratto nazionale adottata una linea confusa e pericolosa

“Un negoziato per la realizzazione di un Contratto nazionale capace di coniugare il miglioramento della competitività delle imprese con il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro di tutte

Metalmeccanici

Il problema non è il “populismo” ma la crisi di una linea sindacale

A Bologna tra il 2008 e il 2016 si sono persi 7mila posti di lavoro metalmeccanici – da 53mila a 47mila – di cui 6mila operai e mille gli impiegati.