3 Novembre 2018

Trieste, 3 novembre – Per un antifascismo di classe e internazionalista

Pubblichiamo il volantino che distribuiremo oggi 3 novembre alla manifestazione contro Casapound, a Trieste.

Il 3 novembre i fascisti di CasaPound sfileranno per le vie di Trieste per ricordare quella che loro definiscono la “vittoria” italiana della Grande Guerra. Questo corteo nazionale basato su una vera e propria contraffazione storica mira alla crescita sul territorio dell’organizzazione neofascista.

Anche per i paesi vincitori, la “Grande Guerra” è ben lontana dall’essere stata un occasione di gloria. La verità è che non fu altro che una carneficina imperialista e di rapina, in cui le classi abbienti e padronali di ogni paese tentarono di conquistare e spartirsi mercati e ricchezze col sangue dei lavoratori spediti al massacro. I nazionalismi che hanno fomentato la Grande Guerra, gli odi etnici ed infine il fascismo, non sono frutto del caso: sono stati espressione degli interessi economici della borghesia. In ogni paese, l’amor patrio è stato il modo in cui i padroni hanno mandato gli sfruttati a morire per tentare di aumentare i propri profitti. A prescindere dalla bandiera sventolata, a vincere sono stati i finanzieri guerrafondai; a prescindere dalla lingua parlata, a perdere sono stati le lavoratrici ed i lavoratori sacrificati sugli altari del profitto.

Questa divisione di classe va tenuta a mente anche quando si analizza il fascismo: non è possibile dimenticare che il fascismo è nato nel capitalismo. È nato come una soluzione illusoria alle contraddizioni al suo interno; il suo fine in realtà è quello di impedire a tutti gli sfruttati e gli oppressi di alzare la testa, ecco perché finisce per porsi al servizio del capitale. L’unico modo per costruire una società libera dal fascismo è combattere le condizioni che lo generano; l’unico modo per costruire una società libera da razzismo, oppressione e violenza è lottare contro il capitalismo.

Ecco perché il 3 novembre scenderemo in piazza nella mobilitazione convocata dall’assemblea Trieste Antifascista – Antirazzista. Lo faremo però insistendo sui punti secondo noi necessari per rendere la lotta al fascismo efficace:

– ci vuole una chiara prospettiva di classe che spieghi perché idee fasciste e reazionarie abbiano ora un certo seguito e che consideri la lotta antifascista come aspetto di una lotta più ampia, la lotta di classe. Il fascismo non compare “dall’esterno” di una società minacciandone i valori, è espressione di contraddizioni nella società divisa in classi;

– si deve sottolineare che le attuali istituzioni politiche non hanno alcun interesse a combattere il fascismo. Nonostante le disposizioni costituzionali queste manifestazioni non vengono mai vietate; e della legittimazione politica di CasaPound e di altri gruppi ultrareazionari si sono resi responsabili tutti gli attuali partiti. Il Partito democratico in questo ha avuto un ruolo centrale non solo nello sdoganamento dei gruppi neofascisti (concessioni di sedi, patrocini, partecipazioni a convention pubbliche) ma ha contribuito a creare con anni di politiche antisociali, antisindacali e discriminatorie un terreno fertile per la propaganda di odio che trova la sua linfa nell’insicurezza sociale. Con il partito del Decreto Minniti-Orlando, dei lager in Libia e degli accordi col Governo turco non abbiamo né avremo mai nulla da spartire;

– è necessaria allo stesso tempo una chiara opposizione internazionalista alle anche celebrazioni istituzionali della “vittoria” italiana, menzogna nazionalista anche quando a riempirsene la bocca è Mattarella. L’unica vittoria per gli oppressi e gli sfruttati, di ogni lingua e cultura, è quella che porta al rovesciamento di chi li sfrutta – sotto qualsivoglia bandiera! La Rivoluzione russa, l’ammutinamento di Cattaro e l’ammutinamento della flotta tedesca che nei fatti diede avvio alla Rivoluzione tedesca del 1918 dimostrano che i massacri voluti dai capitalisti si fermano solo con il protagonismo e la lotta dei lavoratori e delle lavoratrici per una società senza più guerre e padroni.

Articoli correlati

Per non dimenticare: quando erano gli italiani ad emigrare

“Gli immigrati si prendono il lavoro e le case, mentre gli italiani non hanno nulla! Il governo dovrebbe pensare prima agli italiani.” Quante volte sentiamo queste frasi, sbandierate da televisione e stampa, soprattutto da quella più bieca, e dai demagoghi di destra? Quelli che diffondono queste idee però non spiegano che, immigrati o no, il governo non aiuterà gli italiani, e che l’innalzamento dell’età pensionabile e i tagli al welfare non avvengono per colpa degli immigrati. La disoccupazione e la povertà non sono un prodotto dell’immigrazione; la verità è che la borghesia italiana ha per anni “importato” nel paese la forza lavoro a buon mercato per trarne vantaggio, allo stesso modo in cui, in passato, la esportava, creando grande fonte di reddito per lo Stato italiano.

Pavia: Le intimidazioni fasciste non ci fermeranno!

Tutta Italia ha parlato della intimidazione fascista avvenuta a Pavia due notti prima delle elezioni, quando qualcuno ha attaccato alle porte di casa di una quindicina di persone degli adesivi minacciosi con scritto «Qui ci abita un antifascista» e il simbolo della Rete Antifascista sbarrato.

Pavia: i fascisti aggrediscono ma i compagni si difendono

A Pavia nella notte tra venerdì 14 e sabato 15 luglio, il capo provinciale di CasaPound, Lorenzo Cafarchio, ha prima insultato e poi attaccato con un pugno il responsabile di Sinistra Classe Rivoluzione a Pavia, il nostro compagno Mauro Vanetti.

Unione Europea – Turchia: l’accordo della vergogna

Il 19 marzo è stato firmato l’accordo sui rifugiati tra Turchia ed Unione Europea che, nelle speranze della borghesia europea, dovrebbe avere l’effetto di ridurre l’afflusso dei migranti, appaltando di fatti la gestione dei rifugiati e richiedenti asilo all’autoritario stato turco.

Milano, 1 dicembre – Manifestazione contro i CPR: il nostro volantino

No ai lager per gli immigrati! I Cpr (Centri di permanenza per il rimpatrio) sono prigioni in cui gli immigrati sono detenuti senza aver commesso reati. A Milano il governo

Modena – L’antifascismo non si processa!

Oggi, 22 settembre, il tribunale di Modena ha condannato i nostri compagni Matteo Parlati (operaio, delegato Fiom-Cgil in Ferrari) e Matteo Pirazzoli (studente universitario), assieme a due attivisti del centro sociale “Guernica”.