14 Ottobre 2022 Claudio Bellotti

Tra gli sconfitti anche un antifascismo di cartapesta

L’elezione di Ignazio La Russa a presidente del Senato con i voti decisivi di parlamentari dell’opposizione dimostra tutta la validità di questo articolo scritto a inizio ottobre.

Non c’è niente da fare. Quando ci si mettono di mezzo i capi del PD, le cose serie diventano infallibilmente una farsa.

L’antifascismo è una cosa seria e non è solo argomento da libri di storia, ma una volta impugnato dalle impavide mani di Letta e compagni si trasforma in una barzelletta.

Era partito l’ex sindaco di Bologna Merola: “Abbiamo il fascismo alle porte”, dichiarava nei giorni della caduta di Draghi, offrendo il petto in difesa di Letta: “Le cose sono molto chiare: o con il Partito democratico e i suoi alleati o con la Meloni e i suoi alleati. È una scelta di campo molto chiara (…) Non voglio rivedere i fascisti tornare al governo”.

La stampa progressista si è allineata, con Repubblica in prima fila a sfornare inchieste sui candidati impresentabili delle liste di destra, sulla formazione politica e sentimentale della Meloni nelle file della destra sociale, e via di seguito.

Tutto vero, intendiamoci: dalla coalizione di destra e in particolare da Fratelli d’Italia arriva un ben distinguibile profumo di cloaca. Per essere precisi, arriva il solito odore di demagogia bigotta e patriottica a confezionare le più brutali politiche filopadronali.

Il punto però è che questa denuncia, in bocca al PD, non solo non è efficace, ma diventa un vero e proprio boomerang.

Ad ogni legislatura il centro-sinistra si sdraia a tappetino davanti a Confindustria, si prosterna davanti alla NATO, fa il chierichetto per il Vaticano, sforna leggi antioperaie sulla precarietà, la scuola, le pensioni, l’immigrazione; poi per due mesi di campagna elettorale si sveglia al canto di “Bella Ciao” e cerca di convincerci che nelle urne si sceglierà tra Almirante e Berlinguer, tra fascismo e democrazia, tra la Luce e l’Oscurità.

Niente di nuovo: nel 1994 quando Berlusconi vinse, alleato alla Lega e all’allora Movimento Sociale, per un mese il quotidiano il Manifesto uscì con la prima pagina a lutto e il titolo “Allarmi son fascisti”… Dieci mesi dopo un movimento di scioperi gigantesco scavava la fossa al governo di destra. A dimostrazione che i piagnistei non servono, ma la lotta di classe sì.

Nel 2019 il cattivo di turno era diventato Salvini, in procinto di chiedere “i pieni poteri”. E giù lacrime sugli imminenti funerali della democrazia. Eravamo in pochi a sostenere che Salvini era uno sceriffo di cartone, cosa che si è poi rapidamente dimostrata, ridimensionando il “capitano” a caporale.

Oggi è il turno di Giorgia Meloni. E giù altre lacrime sul “governo più a destra della storia repubblicana”, su gli italiani che dimenticano, sul medioevo alle porte.

E quale sarebbe secondo questi signori “progressisti” la difesa contro il fascismo alle porte? Arruolarsi nella guerra, ubbidire all’UE, subire in silenzio sanzioni, inflazione e crisi, in nome della “democrazia”.

È ben meritata quindi la sconfitta anche di queste posizioni. E il vero antifascismo vivrà non nelle ipocrite lamentele dei salotti illuminati, ma come parte integrante delle lotte che si preparano per difendere i salari, il lavoro, i diritti della classe lavoratrice e dei giovani.

Articoli correlati

Antifascismo e Antirazzismo

Diciotti, Aquarius – Contro il razzismo di Salvini e l’ipocrisia del Pd. Unità di classe di tutti i lavoratori!

Il comportamento razzista e reazionario del ministro Salvini sulla vicenda della Diciotti si inquadra nella campagna condotta dal governo gialloverde che descrivevamo due mesi fa in questo articolo. Nella lotta contro il razzismo e la xenofobia non basta un’opera di controinformazione, pur giustissima. È necessario operare una netta separazione tra le bandiere del movimento antirazzista e quelle del partito democratico e dotarsi di un programma che punti all’unità di classe tra lavoratori italiani e immigrati

Antifascismo e Antirazzismo

25‭ ‬aprile‭ ‬-‭ ‬L’antifascismo è lotta di classe‭!

Anche quest’anno,‭ ‬come accade da tempo,‭ ‬il‭ ‬25‭ ‬Aprile le istituzioni,‭ ‬il partito democratico e quel poco che rimane della sinistra riformista tireranno fuori tutto l’armamentario della retorica sull’unità nazionale e sul tricolore.‭ La realtà delle cose è molto diversa da come la descrivono questi politici al servizio del grande capitale: l’antifascismo non solo non ha perso il suo valore ma oggi più che mai ha senso

Antifascismo e Antirazzismo

1977-2017: nelle lotte dei compagni Walter vive!

Il 30 settembre di 38 anni fa veniva assassinato a Roma Walter Rossi, giovane militante di Lotta continua, per mano dei fascisti. Ad oggi nessuno è stato condannato per quel vile omicidio.
Ricordiamo il compagno Walter riproponendo un articolo scritto, in sua memoria, nel 2007.

Antifascismo e Antirazzismo

Modena – Appello a tutti gli antifascisti: corteo il 25 aprile!

No al neofascismo! Per la libertà di manifestare!

Antifascismo e Antirazzismo

2 maggio 2014, il massacro di Odessa – Noi non dimentichiamo!

Il 2 maggio 2014 , otto anni fa, gruppi paramilitari fascisti e nazisti assaltarono la Casa dei Sindacati di Odessa, in Ucraina, dandole fuoco. Nell’incendio e sotto i colpi di bastone e di arma da fuoco, perirono 42 giovani e lavoratori, militanti di organizzazioni comuniste e antifasciste.

Politica generale

L’Italia, oggi. Un paese di emigrati.

Il fenomeno dell’immigrazione è uno dei temi più discussi negli ultimi anni. Di fronte ai drammi di questi mesi e alle campagne xenofobe che vengono portate avanti, abbiamo sentito più