21 Giugno 2017

Torino, i Cinque stelle si fanno “partito dell’ordine”

È ormai da diversi anni che a Torino si verificano episodi di violenza indiscriminata da parte delle forze “dell’ordine”. Dopo i fatti di piazza San Carlo nel corso della finale di Champions -che sono costati la vita ad una ragazza- la giunta Appendino ha emesso una ordinanza proibizionista che vieta “la vendita per asporto di bevande alcoliche e superalcoliche” dalle 20 alle 6 di mattina. L’intenzione di scrollarsi di dosso ogni responsabilità riguardo a piazza San Carlo è manifesta, e si sposa col tentativo della giunta di accreditarsi come “partito dell’ordine”. Così come è evidente la criminalizzazione spudorata dei venditori ambulanti di alcolici, trasformati in capri espiatori, e dei giovani e dei lavoratori che vogliono rilassarsi e bere qualcosa all’aperto nella stagione torrida, senza potersi permettere i costosi locali frequentati dalla Torino bene tanto cara alla sindaca.

Questa misura ipocrita e reazionaria ha riscontrato una forte e immediata opposizione da parte della popolazione, che ha dato vita a proteste spontanee contro i controlli in molte zone della città. Ma il salto di qualità, che traccia irrevocabilmente la deriva securitaria del M5stelle, è stato fatto la sera del 20 giugno, quando diverse autoblindo hanno trasportato decine di poliziotti in assetto antisommossa nella piccola piazza di Santa Giulia, frequentata perlopiù da studenti e lavoratori che si riuniscono per socializzare dopo lo studio e il lavoro. L’arrogante provocazione della polizia ha lasciato esterrefatti i presenti e ha spinto molti a chiedere l’allontanamento della polizia, anche con cori derisori, “celerino portaci da bere!”. La risposta è stata una violenta carica che ha travolto tutto e tutti, anche anziani e bambini, pericolosi black-bloc. Tavolini rovesciati, bottiglie frantumate, sedie rotte, il caos: ecco il modo migliore per evitare il ripetersi di episodi come quelli di piazza San Carlo!

Una militarizzazione prepotente del territorio, la criminalizzazione di studenti e lavoratori: il tutto a difesa del “decoro”. Minniti comanda, i pentastellati… rispondono all’appello della campanella securitaria!

Le prime impressioni a caldo sono di sbalordimento e incredulità per quello che è accaduto, non si era mai vista una cosa del genere. Siamo stanchi di vivere in una società che reprime ogni aspetto della nostra vita sociale. Nella Torino del 38,1% di giovani disoccupati, dei quasi 3000 provvedimenti di sfratto autorizzati solo nel 2015, l’unica risposta ai problemi sociali è stato il manganello del celerino. Quanto potrà reggere questa storia? Non per molto, il tallone repressivo non ha mai avuto un grande successo a Torino e la resistenza di massa (non ultimo il movimento NO-Tav) a queste provocazioni lo attesta. Il disagio sociale prima o poi esploderà anche qui, e non ci sarà scudo, ordinanza o fascio in divisa che lo potrà evitare. Noi tifiamo rivolta, non solo contro questa inutile ordinanza della neo-sindaca sceriffo, ma soprattutto contro questo sistema di palazzinari e banchieri che vivono e si arricchiscono sulle nostre spalle – vedi i 13 nuovi centri commerciali che la giunta ha autorizzato a costruire, alla faccia dell’opposizione alla cementificazione!

Articoli correlati

Marino si è finalmente dimesso. E ora ?

Il sindaco di Roma Ignazio Marino si è dimesso. Dopo una lunga crisi politica culminata in uno scandalo relativo all’uso improprio della carta di credito intestata al Comune di Roma la sua esperienza da Sindaco sembra finita.

Repressione a Bologna – Uniamo i lavoratori italiani e immigrati nella lotta!

È l’alba del venti ottobre quando circa 25 camionette e oltre 250 tra poliziotti e carabinieri occupano via Fioravanti. Si apprestano a compiere una delle azioni di repressione peggiore che si possano ricordare negli ultimi anni in città.

Adesione alla manifestazione del 16 giugno a Roma, “Basta disuguaglianze”

SCR aderirà alla manifestazione del 16 giugno a Roma e scenderà in piazza a fianco dei compagni dell’Usb e delle altre realtà politiche e sociali che vorranno essere presenti, ma soprattutto scenderemo in piazza a fianco dei nostri fratelli e compagni immigrati, che rappresentano il settore più sfruttato ed oppresso della classe sociale a cui apparteniamo.

Si riparte dai metalmeccanici

Mercoledì 20 aprile scendono in piazza i lavoratori metalmeccanici per uno sciopero di 4 ore. Le trattative sul rinnovo del contratto si sono interrotte, l’arroganza del padronato è totale. Da questo sciopero si può ripartire, a precise condizioni. La lotta deve essere di lunga durata e organizzata; deve dotarsi di un programma che non lasci spazio a compromessi al ribasso e che metta in discussione il sistema capitalista.
La Francia indica la strada, anche per noi è arrivato il tempo di mordere e di riprenderci quello che ci è stato tolto!

I fantastici numeri di Expo

• 1,3 miliardi (inizialmente 1,6) di euro investiti da Expo Spa, azienda compartecipata di enti pubblici, che organizza l’evento; • 900 milioni che comuni, province e regioni investiranno in infrastrutture

Unioni civili – Traditi da tutti, conquistiamo i diritti con la lotta!

La battaglia in senato è stata campale, il risultato è senza appello. Di tutte le persone e partiti in cui il movimento Lgbt aveva riposto le sue speranze per una legge almeno progressiva, tutti hanno tradito.