22 Marzo 2022 Tendenza Marxista (Ucraina)

Tesi sulla guerra in Ucraina (Tendenza marxista, Ucraina)

Le seguenti brevi tesi sono state prodotte dai sostenitori della TMI in Ucraina, tradotte in italiano, trattano le origini della guerra in corso, e l’effetto reazionario che ha avuto sul paese.

Per una soluzione internazionalista della guerra in Ucraina, e di tutte le guerre! Per la rivoluzione socialista!

Leggi la dichiarazione originale qui.

 

1. La guerra in Ucraina è una conseguenza del conflitto tra banditi imperialisti.

Da un lato, abbiamo il potente imperialismo di Washington, che occupa una posizione dominante nell’arena internazionale dalla fine della guerra fredda. Dall’altra c’è l’imperialismo del Cremlino, che ha ereditato la maggior parte delle sue forze naturali, produttive e militari dall’ex URSS. È un imperialismo potente di per sé, ma non è un leader mondiale.

Quali sono gli elementi del conflitto?

Negli ultimi anni, gli interessi degli Stati Uniti e della NATO si sono sempre più spostati verso i confini della Russia. Di conseguenza, gli interessi regionali del Cremlino sono minacciati dall’imperialismo occidentale che circonda la Russia. L’ultima goccia è stata il fatto che le autorità post-Maidan a Kiev hanno ripetutamente sollevato la questione dell’adesione dell’Ucraina alla NATO e all’UE. Pertanto, Putin ha deciso di rafforzare la posizione precaria dell’imperialismo russo scatenando una guerra imperialista in Ucraina.

2. Perché Washington non invia truppe in Ucraina?

Anche per il paese imperialista più potente del mondo, le risorse per una guerra sono limitate. L’imperialismo statunitense è stato recentemente sconfitto in Afghanistan, e la crisi economica globale ha semplicemente esposto il tallone d’Achille di Washington. Pertanto, non hanno altra scelta che continuare a imporre sanzioni e aspettare le azioni dell’imperialismo del Cremlino.

3. L’Ucraina è divenuta vittima di questo conflitto.

La guerra alimenta sempre più lo sciovinismo nazionale ucraino verso il popolo russo. Queste idee reazionarie non offrono alcuna via d’uscita alle masse ucraine nella lotta contro l’imperialismo russo. Facciamo appello alla solidarietà mondiale delle masse oppresse. Né la NATO, né l’UE, né gli Stati Uniti ci aiuteranno, perché hanno già dimostrato che i loro interessi primari sono quelli di realizzare profitti per i loro capitalisti. Solo l’unità internazionale dei lavoratori ci aiuterà nella lotta contro l’imperialismo e la nostra stessa borghesia.

Il nazionalismo ucraino protegge gli interessi di coloro che hanno  abbandonato rapidamente il popolo ucraino nei giorni precedenti il 24 febbraio: i burocrati, gli oligarchi e altri parassiti della società ucraina. Noi diciamo: no al nazionalismo ucraino, ma piuttosto sosteniamo l’unità e la fraternità mondiale dei proletari.

Solo in una lotta comune con la classe operaia russa possiamo sconfiggere l’imperialismo della cricca del Cremlino. Quindi sottolineiamo ancora una volta che lo sciovinismo gretto non è una via d’uscita da questa situazione e disorienta semplicemente la classe operaia nella lotta contro l’imperialismo in tutte le sue varianti.

Articoli correlati

Ucraina

Dichiarazione sul riconoscimento della DPR e LPR da parte di Putin

Dopo la drammatica svolta degli eventi, con il riconoscimento da parte del presidente russo Vladimir Putin delle repubbliche secessioniste in Ucraina orientale, seguito dall’invio di forze militari russe, pubblichiamo una dichiarazione dei compagni russi della TMI, elaborata insieme ai marxisti in Ucraina e nel Donbass, in opposizione a questo conflitto interimperialista.

Ucraina

Ucraina – Cento milioni di libri russi andranno al macero

Oleksandra Koval, direttrice dell’Istituto del Libro ucraino (parte del Ministero della Cultura ucraino), ha dichiarato che inizierà la procedura per il ritiro di oltre 100 milioni di libri cosiddetti “di propaganda” dalle biblioteche pubbliche in Ucraina. Secondo il Ministro della Cultura e delle Politiche dell’Informazione, Oleksandr Tkachenko, i libri – tra cui le opere di scrittori e poeti di fama mondiale come Dostoevskij e Pushkin – potrebbero essere inviati ai centri di riciclaggio della carta.

Ucraina

Russia: il Komsomol espelle chi si oppone alla guerra in Ucraina

Abbiamo ricevuto un breve rapporto sulla battaglia politica che si svolge nell’organizzazione moscovita del Komsomol (l’organizzazione giovanile del Partito Comunista della Federazione Russa) sulla questione della guerra in Ucraina. Come risultato della loro opposizione alla linea ufficiale e sciovinista della direzione del partito, i sostenitori della Tendenza Marxista e altri iscritti sono stati espulsi.

Ucraina

Putin alza la posta con il riconoscimento delle repubbliche del Donbass e l’invio delle truppe

Il presidente russo Vladimir Putin ha riconosciuto l’indipendenza delle Repubbliche Popolari di Donetsk e Luhansk (DPR e LPR) nell’Ucraina sud-orientale e ha inviato truppe russe di “peacekeeping” in entrambi i territori. Ciò rappresenta una  escalation significativa del conflitto tra la Russia e l’imperialismo occidentale. Quali interessi si nascondono dietro il conflitto, e quale dovrebbe essere la posizione del movimento operaio a livello internazionale?

Ucraina

La guerra in Ucraina – Un’analisi marxista

A otto mesi dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina, la guerra si prolunga e si estende. Nessuna soluzione è in vista mentre aumentano le distruzioni, le morti, la miseria anche ben oltre

Ucraina

Ucraina e Germania: contro il militarismo, il riarmo e l’aggressione imperialista!

La classe capitalista tedesca e il suo governo stanno cogliendo l’occasione della guerra d’aggressione della Russia contro l’Ucraina per favorire il loro programma militarista e imperialista. I marxisti tedeschi di Der Funke smascherano la nauseante ipocrisia e la sete di guerra della classe dominante del loro Paese e fanno appello a combattere la piaga della guerra con la solidarietà internazionale. La classe dominante tedesca, potenza dominante dell’Ue e braccio destro a disposizione dell’imperialismo Usa per mezzo della Nato, ha giocato un ruolo centrale nella preparazione e nell’escalation di questo conflitto di lunga data in Ucraina.