22 Marzo 2022 Tendenza Marxista (Ucraina)

Tesi sulla guerra in Ucraina (Tendenza marxista, Ucraina)

Le seguenti brevi tesi sono state prodotte dai sostenitori della TMI in Ucraina, tradotte in italiano, trattano le origini della guerra in corso, e l’effetto reazionario che ha avuto sul paese.

Per una soluzione internazionalista della guerra in Ucraina, e di tutte le guerre! Per la rivoluzione socialista!

Leggi la dichiarazione originale qui.

 

1. La guerra in Ucraina è una conseguenza del conflitto tra banditi imperialisti.

Da un lato, abbiamo il potente imperialismo di Washington, che occupa una posizione dominante nell’arena internazionale dalla fine della guerra fredda. Dall’altra c’è l’imperialismo del Cremlino, che ha ereditato la maggior parte delle sue forze naturali, produttive e militari dall’ex URSS. È un imperialismo potente di per sé, ma non è un leader mondiale.

Quali sono gli elementi del conflitto?

Negli ultimi anni, gli interessi degli Stati Uniti e della NATO si sono sempre più spostati verso i confini della Russia. Di conseguenza, gli interessi regionali del Cremlino sono minacciati dall’imperialismo occidentale che circonda la Russia. L’ultima goccia è stata il fatto che le autorità post-Maidan a Kiev hanno ripetutamente sollevato la questione dell’adesione dell’Ucraina alla NATO e all’UE. Pertanto, Putin ha deciso di rafforzare la posizione precaria dell’imperialismo russo scatenando una guerra imperialista in Ucraina.

2. Perché Washington non invia truppe in Ucraina?

Anche per il paese imperialista più potente del mondo, le risorse per una guerra sono limitate. L’imperialismo statunitense è stato recentemente sconfitto in Afghanistan, e la crisi economica globale ha semplicemente esposto il tallone d’Achille di Washington. Pertanto, non hanno altra scelta che continuare a imporre sanzioni e aspettare le azioni dell’imperialismo del Cremlino.

3. L’Ucraina è divenuta vittima di questo conflitto.

La guerra alimenta sempre più lo sciovinismo nazionale ucraino verso il popolo russo. Queste idee reazionarie non offrono alcuna via d’uscita alle masse ucraine nella lotta contro l’imperialismo russo. Facciamo appello alla solidarietà mondiale delle masse oppresse. Né la NATO, né l’UE, né gli Stati Uniti ci aiuteranno, perché hanno già dimostrato che i loro interessi primari sono quelli di realizzare profitti per i loro capitalisti. Solo l’unità internazionale dei lavoratori ci aiuterà nella lotta contro l’imperialismo e la nostra stessa borghesia.

Il nazionalismo ucraino protegge gli interessi di coloro che hanno  abbandonato rapidamente il popolo ucraino nei giorni precedenti il 24 febbraio: i burocrati, gli oligarchi e altri parassiti della società ucraina. Noi diciamo: no al nazionalismo ucraino, ma piuttosto sosteniamo l’unità e la fraternità mondiale dei proletari.

Solo in una lotta comune con la classe operaia russa possiamo sconfiggere l’imperialismo della cricca del Cremlino. Quindi sottolineiamo ancora una volta che lo sciovinismo gretto non è una via d’uscita da questa situazione e disorienta semplicemente la classe operaia nella lotta contro l’imperialismo in tutte le sue varianti.

Articoli correlati

Russia

La Russia “barbarica” e l’Occidente “civilizzato”

La libertà di parola, e per estensione, la libertà di stampa, è sempre considerata come una delle pietre miliari della democrazia. È ciò che si dice che separa i fieri cittadini del mondo occidentale da tutte le altre nazioni meno fortunate. Si suppone che sia la linea rossa che distingue la civiltà dalla barbarie. Soprattutto, nel momento attuale della storia mondiale, si dice che distingua noi popoli del mondo occidentale civili, democratici e amanti della libertà dalla barbarie russa dispotica.

Russia

Russia – Putin all’attacco delle pensioni

Lo scorso 14 giugno il primo ministro russo Dmitrij Medvedev comunicava al paese l’intenzione del suo governo di riformare il sistema pensionistico e di alzare l’Iva dal 18 al 20 per cento. La proposta prevede un innalzamento dell’età pensionabile da 60 a 65 anni per gli uomini e da 58 a 63 anni per le donne.

Russia

Censura, arresti e minacce: la battaglia di Putin contro i “traditori della nazione”

Abbiamo ricevuto questa corrispondenza sulla crescente repressione all’interno della Russia, mentre l'”operazione speciale” (cioè la guerra in Ucraina) si trascina. Anche la minima critica all’invasione viene silenziata, pena l’arresto e il carcere. Testate giornalistiche indipendenti e piattaforme di social media vengono chiuse, e chiunque esprima disapprovazione per la guerra viene etichettato come un “traditore della nazione”. Queste misure sono un segno della debolezza del presidente Vladimir Putin, non della sua forza, e faranno solo accumulare risentimento fra le masse.

Russia

Russia – Le masse in piazza

Grandi proteste sono scoppiate in Russia lo scorso 23 gennaio in risposta all’arresto dell’oppositore Alexei Navalny da parte del regime di Putin. Non nutrendo alcuna illusione nei liberali come Navalny, i nostri compagni russi sono intervenuti in queste proteste contro la repressione politica dei gangster di Putin (che colpiranno più duramente la classe operaia e i movimenti socialisti), difendendo una posizione marxista rivoluzionaria.

Russia

Russia: La crisi, le proteste e i compiti dei marxisti – Intervista a Oleg Bulaev

Questa intervista a Oleg Bulaev, militante della sezione russa della Tendenza marxista internazionale, è stata condotta l’8 febbraio 2021, durante le mobilitazioni contro il processo a carico di Navalny, ma

Ucraina

No all’invio di armi in Ucraina! Per l’internazionalismo!

Dopo una serie di mobilitazioni locali, sabato 5 marzo decine di migliaia di persone hanno manifestato a Roma in un corteo nazionale contro la guerra convocato dall’arcipelago pacifista e con le adesioni di CGIL, ARCI ed associazioni vicine al centro-sinistra.
Quali sono state le parole d’ordine del corteo? Perché i marxisti s’oppongono all’invio di armi all’Ucraina? Perché sono senza fondamento, persino grotteschi, i paragoni tra la resistenza contro la Russia dell’esercito ucraino e la Resistenza partigiana?