24 Aprile 2018

Sul corteo del 25 aprile a Roma

Ancora una volta alla vigilia del 25 Aprile si è aperta da parte della Comunità Ebraica di Roma, sostenuta dal sindaco 5 stelle Raggi e dal Pd, una polemica strumentale sulla partecipazione della comunità palestinese al corteo per la Liberazione dal nazifascismo. Il peso dato in questi anni alla cosiddetta “Brigata Ebraica” è funzionale al tentativo, condiviso anche dall’Anpi romana e nazionale, di depurare la resistenza dai suoi contenuti classisti, anticapitalisti e rivoluzionari, dipingendola come una lotta per “l’identità nazionale”. La proposta di esclusione delle bandiere palestinesi dal corteo romano è ancora più grave alla luce del massacro in corso da parte dell’esercito sionista per impedire la “Marcia per il ritorno” del popolo palestinese .

E’ inaccettabile che a proporre il veto sulle bandiere palestinesi sia la Comunità ebraica romana che ha osannato la politica sionista nell’ambito delle recenti celebrazioni del 70° anniversario della fondazione dello stato di Israele. Accostare il sionismo all’attività dei partigiani di estrazione ebraica è una vera e propria strumentalizzazione politica, priva di giustificazione storica. Gli ebrei, infatti, formavano un settore rilevante dell’avanguardia politica che, tra le due guerre mondiali imperialiste, cercò di risolvere la crisi dell’umanità attraverso la lotta per la rivoluzione socialista mondiale non in una prospettiva esclusivamente settaria e “comunitaria” ma all’interno delle formazioni del movimento dei lavoratori.
Domani saremo in piazza per un 25 Aprile antifascista, antirazzista, antiimperialista e anticapitalista. Per un 25 Aprile internazionalista e rivoluzionario.

LA NOSTRA LIBERAZIONE SI CHIAMA RIVOLUZIONE!

Per dimostrare la falsità di una ricostruzione che schiaccia il ruolo degli ebrei nella battaglia antifascista in una prospettiva esclusivamente “comunitaria”, proveremo a fornire un abbozzo generale dell’attività dei partigiani ebrei e del loro contribuito alla sinistra internazionalista ed operaia ripubblicando questo articolo scritto nel 2015:

Articoli correlati

Modena – “Terra dei Padri” e Diego Fusaro: una love story

Ci risiamo. Il circolo pseudo-culturale “Terra dei Padri”, in realtà covo del neo-fascismo locale, compie un anno e chi invita alla sua festicciola di compleanno? Il direttore di “Eurasia” Claudio Mutti, neo-fascista attivo nelle trame “nere” della strategia della tensione degli anni ’70 in Italia, e Diego Fusaro, clown di sé stesso con la spudoratezza di dichiararsi allievo di Marx.

Aggressione fascista a Crema!

Lunedì notte, tra l’una e mezza e le due, a Ombriano, quartiere di Crema, c’è stata un’aggressione fascista.

Giustizia e verità per Valerio Verbano!

Per ricordare l’assassinio di Valerio Verbano, avvenuto esattamente 37 anni fa, ripubblichiamo un articolo scritto nel 2010. I compagni di Sinistra classe rivoluzione Roma danno appuntamento a tutti al corteo in memoria di Valerio, oggi alla 17 da Via Monte Bianco.

Milano, Stazione centrale: la maschera ipocrita del Partito democratico

Dopo la retata delle “forze dell’ordine” davanti alla stazione centrale di Milano con incredibile spiegamento di mezzi e uomini si è scatenato il dibattito. Mentre quello stesso pomeriggio sul piazzale della stazione Matteo Salvini improvvisava un comizio e incitava alla pulizia etnica, il sindaco Sala lamentava di non essere stato avvertito dalla Questura e si gloriava di essere il primo cittadino della “città dell’accoglienza”.

Pavia: Le intimidazioni fasciste non ci fermeranno!

Tutta Italia ha parlato della intimidazione fascista avvenuta a Pavia due notti prima delle elezioni, quando qualcuno ha attaccato alle porte di casa di una quindicina di persone degli adesivi minacciosi con scritto «Qui ci abita un antifascista» e il simbolo della Rete Antifascista sbarrato.

Diciotti, Aquarius – Contro il razzismo di Salvini e l’ipocrisia del Pd. Unità di classe di tutti i lavoratori!

Il comportamento razzista e reazionario del ministro Salvini sulla vicenda della Diciotti si inquadra nella campagna condotta dal governo gialloverde che descrivevamo due mesi fa in questo articolo. Nella lotta contro il razzismo e la xenofobia non basta un’opera di controinformazione, pur giustissima. È necessario operare una netta separazione tra le bandiere del movimento antirazzista e quelle del partito democratico e dotarsi di un programma che punti all’unità di classe tra lavoratori italiani e immigrati