Sul Coordinamento Nazionale del Sindacato è un’altra cosa del 14 Giugno

Il 14 Giugno si è tenuta la prima riunione del Coordinamento nazionale del Sindacato è un’altra Cosa dopo l’uscita dell’ex portavoce e di altri compagni dall’Area.
Al Coordinamento, dopo una discussione svolta il giorno prima nell’Esecutivo Nazionale, è stato presentato un documento complessivo che è possibile leggere sul sito dell’Area (Coordinamento nazionale. Il documento approvato. Andiamo avanti!) Tale documento è stato valutato, per la sua parte politica dai compagni dell’Esecutivo Iavazzi, Brini e Grassi, parzialmente positivo ed un passo avanti rispetto ai documenti presentati dalla precedente maggioranza dell’Area e per tali ragioni hanno votato a favore del documento.
Seppur non contenga, infatti, un vero bilancio autocritico rispetto agli errori prodotti in passato (recente e non) non vi erano presenti elementi di isteria e “ultimatismo”, nessun ragionamento su un presunto cambio di natura della Cgil, né posizioni settarie e scorrette che indicavano l’Area come un “corpo estraneo alla Cgil” o come “incompatibile” ed è presente un abbozzo di discussione necessaria sulla questione dei rapporti di forza, tema assolutamente assente dalla discussione dell’Area.
Nel Coordinamento Nazionale è stato chiesto di votare separatamente la parte sul percorso organizzativo interno all’Area che inizialmente era parte integrante dello stesso documento.
Com’è possibile leggere, la richiesta è quella di avviare una discussione vera alla base, con consultazione, per coinvolgere tutti i militanti, lavoratori e lavoratrici, delegati e delegate in un dibattito franco e rigoroso di bilancio e prospettive. Per citare il documento “Un dibattito fraterno, costruttivo, possibilmente unitario e realmente democratico, senza nascondere le divergenze è possibile e necessario per prevenire future gestioni autoritarie dell’area che non devono più ripetersi.”
Tuttavia la proposta è stata respinta e si è deciso di lanciare due assemblee, una l’8 luglio e un’altra ad ottobre con platee precostituite senza che vi sia la possibilità alle diverse posizioni in campo di essere discusse, illustrate e soprattutto, senza che sia la base a decidere. Ancora una volta si impedisce un percorso attraverso il quale i compagni di base, i lavoratori che fanno riferimento al Sindacato è un’altra Cosa – Opposizione Cgil, possano avere tutti gli strumenti per poter fare un discussione consapevole.

Di seguito è possibile scaricare in formato pdf sia il dispositivo che abbiamo proposto sia l’intervento del compagno Paolo Brini.

Dispositivo organizzativo Coord. naz. 14 Giugno

Intervento Brini coord area 14.06

Articoli correlati

Landini versus Colla – Le basi del conflitto nella Cgil

Con un video a dir poco insolito rivolto agli iscritti, Susanna Camusso ha lanciato la candidatura di Maurizio Landini alla segreteria generale della Cgil.

Il congresso dell’USB: I nodi aperti nella costruzione del sindacato di classe

Il 9, 10 e 11 giugno si è svolto a Tivoli il secondo congresso nazionale confederale dell’Unione Sindacale di Base (USB).
Il congresso si svolge in una fase in cui il sindacalismo è sempre più vissuto dai lavoratori come inadeguato e colluso e in cui, malgrado la rabbia crescente e la disponibilità alla lotta la mobilitazione fatica a generalizzarsi perché la crisi, la frammentazione occupazionale e sociale e l’assenza di un’alternativa politica a sinistra non permettono ancora a questo potenziale di esplosione sociale di esprimersi.

Ai lavoratori serve un partito? Note su un intervento di Maurizio Landini

I lavoratori italiani (e non solo) avrebbero un disperato bisogno di un partito politico che fosse realmente coerente nella difesa dei loro interessi. Non si può parlare seriamente dei “partiti” in generale, senza distinguere quale programma difendono, a quale interesse di classe rispondono.

Governo e padroni alzano il tiro: quando risponde la Cgil?

Giovedì 18 settembre i lavoratori dei Beni culturali di Roma del Colosseo e altri siti si sono riuniti in assemblea sindacale per discutere di mesi di straordinari non pagati e della carenza cronica di personale.

Mario Iavazzi – Il disorientamento della Cgil

Pubblichiamo l’intervento di Mario Iavazzi al Direttivo nazionale della Cgil del 23 luglio scorso.

La CGIL di Reggio Emilia vira a sinistra?

La Camera del Lavoro di Reggio Emilia è stata attraversata di recente da un terremoto. Si è consumata una rottura tra le componenti di maggioranza e minoranza, che ha avuto