17 febbraio 2018

Sud Africa: la caotica fine di Jacob Zuma

Dopo la pubblicazione di questo articolo su marxist.com, la sera del 14 febbraio Zuma ha rassegnato le dimissioni e Cyril Ramaphosa ha assunto l’incarico di Presidente del Sudafrica. Tuttavia ciò non chiude la crisi politica, sociale ed economica che sta avvolgendo il Sudafrica, ma conduce il paese in uno stadio superiore, come spiega Ben Morken, in questa corrispondenza da Città del Capo.

“Ci sono decenni in cui non succede nulla e ci sono settimane che contano come decenni” – Lenin

“Gli Dei fanno prima impazzire coloro che vogliono distruggere” – Euripide

Mentre scriviamo queste righe, l’impero Zuma-Gupta si sta sgretolando. In uno dei giorni più drammatici della storia recente della politica sudafricana, Jacob Zuma e i suoi amici, i fratelli Gupta, vengono eliminati da una parte rivale della classe dominante. L’epurazione è il segno che mostra con più enfasi come le due fazioni rivali non possano più convivere.

Mercoledì mattina i Falchi, un‘unità speciale della polizia sudafricana che si occupa dei reati gravi di corruzione, ha effettuato diversi raid negli uffici e nelle residenze della famiglia Gupta. Almeno uno dei fratelli Gupta è stato arrestato e altre persone dovrebbero comparire a breve davanti ai giudici. Sembra che tra queste ci sia Duduzane Zuma, il figlio di Jacob Zuma, che è stato parte del sistema di corruzione dei Gupta per anni. Il primo motivo dato dai Falchi riguarda la corruzione nel governo provinciale di Free state [una provincia del Sud Africa, NdT], dove del denaro pubblico è stato riciclato dalle banche di Dubai per pagare un matrimonio della famiglia Gupta. Questo giro di vite potrebbe anche implicare Ace Magashule, il segretario generale dell’ANC, che al tempo era il Presidente della provincia di Free state. Anche suo figlio è coinvolto nella rete criminale dei Gupta. Magashule stesso potrebbe essere arrestato a breve.

Jacob Zuma

Ma questi non sono problemi nuovi. Sono di dominio pubblico da anni. Gli stessi Falchi hanno in precedenza chiuso un occhio su tutto questo. In realtà quello che sta succedendo è legato agli sviluppi politici in atto nel paese. Fa parte delle purghe da parte della fazione di Ramaphosa contro Zuma e i suoi compari nel governo. Mostra che Zuma ha perso il controllo dell’apparato statale. La fazione di Ramaphosa legata al grande capitale si rende conto che la paralisi non può continuare e che la battaglia per il controllo dell’ANC deve essere risolta urgentemente. Il pericolo è che potrebbero perdere il controllo completo del partito, il ché potrebbe avere gravi implicazioni per la lotta di classe.

Allo stesso tempo, l’ANC ha dato tempo a Zuma fino a stasera [14 febbraio, NdT] per rassegnare le dimissioni da Presidente del paese. Il gruppo parlamentare dell’ANC ha appena annunciato che se Zuma non si dimette immediatamente, allora si uniranno alla mozione di sfiducia dell’Economic Freedom Fighters (EFF, il principale partito di opposizione di sinistra, fondato nel 2013 da Julius Malema, già presidente della lega giovanile dell’Anc, ndt) per rimuovere Zuma dalla presidenza. Ciò significa che emenderanno la mozione dell’EFF e forniranno le proprie ragioni per la rimozione di Zuma. Ciò rappresenta un terremoto politico: lo stesso gruppo parlamentare dell’ANC che ha fermamente appoggiato Zuma per un decennio sta ora facendo dimettere il proprio presidente con una mozione proposta originariamente dall’opposizione. Ciò potrebbe avere grandi conseguenze politiche per l’unità del partito nei prossimi mesi.

Questi sviluppi arrivano il giorno dopo che l’ANC aveva annunciato che avrebbe “ripresentato” Zuma come Presidente della repubblica. Fa seguito una settimana di confusione, speculazioni, voci, rinvii e grandi drammi politici che hanno gettato il paese in un limbo. Ma anziché chiarire la situazione, l’annuncio del comitato esecutivo nazionale dell’ANC (NEC) ha ulteriormente intorbidito le acque, lasciando il partito in uno stato di confusione ancora maggiore.

Dopo il dramma della scorsa settimana, quando Zuma ha detto ai “sei uomini più importanti” del partito che non si dimetterà, il presidente dell’ANC, Cyril Ramaphosa, ha rinviato un incontro urgente del NEC per avviare colloqui direttamente con Zuma. Ora è chiaro che quei colloqui si sono interrotti durante il fine settimana, probabilmente per ragioni che abbiamo spiegato all’epoca: Zuma, che è un maestro nel procrastinare, stava semplicemente prendendo tempo per operare la prossima mossa. Ma Ramaphosa non poteva permetterlo. L’ambiente nel paese nei confronti di Zuma è peggiorato mentre la crisi si trascinava nel fine settimana. Inoltre, gli EFF hanno iniziato a parlare di “mobilitazioni di massa” per costringere Zuma ad andarsene. Hanno anche esercitato un’enorme pressione sul parlamento e hanno minacciato un’azione legale urgente contro il presidente dell’Assemblea nazionale affinché la discussione della loro mozione di sfiducia contro Zuma fosse anticipata a questa settimana. Ramaphosa è quindi stato costretto ad agire.

Domenica scorsa ha annunciato che il giorno successivo l’esecutivo dell’Anc si sarebbe incontrato con urgenza per “risolvere la questione”. Lunedì sera, il Nec a Pretoria ha svolto una riunione-fiume durata 13 ore per discutere del destino di Zuma. Durante l’incontro, a mezzanotte, Ramaphosa e Magashule sono partiti alla volta della residenza presidenziale per consegnare il messaggio del Nec. Zuma a quel punto ha chiesto che le sue dimissioni entrassero in vigore entro 3 e 6 mesi. I due leader dell’Anc sono tornati indietro per comunicarlo al NEC. Ma la maggioranza del NEC ha rigettato la proposta e ha rimandato Magashule di prima mattina da Zuma per consegnargli una lettera formale che lo informava della decisione del partito. Questo andirivieni è sintomatico della paralisi in cui si è trovato il partito. È incapace di una leadership risoluta. Ramaphosa è diventato Presidente dell’ANC a dicembre, ma la fazione di Zuma è riuscita comunque a ottenere circa la metà dei posti negli organismi principali del partito. Ciò significa che, nella crisi del partito, le debolezze delle due fazioni si sono equilibrate, consegnando il partito a ulteriori convulsioni.

L’incapacità di costringere Zuma a dimissioni immediate è un segno delle profonde divisioni all’interno dell’ANC e sottolinea il fallimento di Cyril Ramaphosa nell’imporre la sua autorità sull’organizzazione. Alla conferenza stampa di martedì, Magashule ha ammesso che Zuma si era rifiutato di dimettersi. Questo ha fatto precipitare il partito in una crisi più profonda. Non si è mai visto che un iscritto possa sfidare il più alto organo decisionale del partito in modo così aperto e sfacciato. In una conferenza stampa confusa Magashule ha detto di non avere idea di quando Zuma lascerà il suo incarico. Incalzato, è uscito con l’idea che Zuma avrebbe dato una “risposta” alla decisione del Nec mercoledì. Ma ha anche spiegato che il Nec non ha imposto a Zuma alcuna scadenza e che spetta interamente a quest’ultimo annunciare la data e l’ora delle sue dimissioni, aggiungendo che “Quando facciamo un richiamo a uno dei nostri ci aspettiamo che faccia ciò che gli diciamo di fare. Ci aspettiamo che il presidente risponda domani. Non c’è una scadenza”.

Mashashule era chiaramente molto a disagio. Faceva parte della ristretta cerchia corrotta di Zuma e si sarebbe potuto ritrovare nella condizione di dover affrontare un processo e ritrovarsi presto in prigione. Ma Gwede Mantashe, che ora è il presidente del partito, non ha usato mezzi termini e ha avuto parole forti contro Zuma. Parlando con i membri dell’ANC di Butterworth, ha detto: “Crediamo che il presidente Zuma ci capirà se non lo stiamo difendendo, perché se non si dimette perderà il rispetto degli avvoltoi in parlamento. Quando si resiste alla richiesta di dimissioni, non ci viene lasciata altra scelta che lasciarlo friggere nel voto di sfiducia perché significa che non si rispetta l’organizzazione. “La risposta dei due principali membri del partito è l’esempio di aperte divisioni nel partito.

In questa fase, la preoccupazione principale di Zuma è di proteggere sé stesso e la congrega che gli sta attorno, visto che nelle prossime settimane e mesi potrebbero finire con l’essere perseguiti con accuse per corruzione multipla. Con un colpo di scena, il giorno stesso in cui l’Anc ha deciso di fare un richiamo ufficiale” Zuma, il Direttore nazionale dei pubblici ministeri ha dato tempo fino al 23 febbraio al gruppo che si è occupato dei casi di Zuma per fornire le loro raccomandazioni riguardo all’accusa. Quindi Zuma non ha alcun incentivo a rassegnare le dimissioni ed è pronto a trascinare la questione anche a costo di approfondire ulteriormente la crisi nel partito e nel paese.

Cyril Ramaphosa giura davanti al Parlamento

L’ANC non ha più controllo su Zuma, la cui testardaggine e intransigenza stanno minacciando di condurre ad un’implosione del partito. Questo è il motivo per cui l’ala di Ramaphosa ora sta agendo. In senso stretto, nell’ANC non esiste un meccanismo per il “richiamo”. Tutto ciò che il Nec può fare è di chiedere a Zuma di dimettersi. Oltre a ciò, non può fare nulla all’interno dei processi politici e amministrativi dell’ANC. Pertanto, l’unica opzione che gli rimasta per rimuovere Zuma con la forza è di portare la questione all’Assemblea Nazionale, dove la cosa può essere fatta attraverso un voto di sfiducia. Questa è un’enorme scommessa politica e potrebbe rivelarsi un disastro per il partito. Potrebbe portare ad una spaccatura immediata, soprattutto dato il significativo sostegno per Zuma nelle province rurali.

Un altro scenario è che, nel caso di successo di una mozione di sfiducia, l’intero governo debba dimettersi. Ciò significherebbe che molti ministri dovrebbero votare per licenziare sé stessi, togliersi le auto blu, le case, le pensioni e i vantaggi offerti dalle posizioni occupate. Ciò sarebbe particolarmente doloroso per la fazione di Zuma, che conduce una vita agiata grazie a questi incarichi governativi. Questo non è un processo automatico. L’ANC è profondamente diviso e la lotta tra fazioni è ancora in corso. Il partito dovrebbe quindi stringere un accordo con queste persone – o rischiare una spaccatura nel gruppo parlamentare. Un’altra complicazione riguarda la legge di bilancio, che sarà presentata ufficialmente entro il 21 febbraio. Abbiamo già visto l’atto senza precedenti di rinviare il discorso del Presidente sullo stato della nazione che ci sarebbe dovuto essere la settimana scorsa. Se il governo si dimette e il voto sulla legge di bilancio viene ritardato, questo si tradurrà in una crisi costituzionale. A sua volta, potrebbe avere un effetto disastroso sull’economia.

La fazione di Zuma è chiaramente finita. Lottano per la loro sopravvivenza e per l’accesso alle risorse statali, che hanno saccheggiato nell’ultimo decennio sotto la supervisione di Zuma. La fazione di Ramaphosa legata al grande capitale non ha problemi con la corruzione – anche loro ci sono dentro fino al midollo. Il problema è che Zuma e Gupta hanno completamente destabilizzato la situazione. I sudafricani comuni si sono stancati delle ruberie compiute alla luce del sole e degli scandali, caratteristici degli anni di Zuma. L’ala più intelligente della grande borghesia, terrificata dalla classe operaia, si rende conto che nell’attuale contesto di grave crisi economica, sociale e politica, ciò potrebbe avere un profondo effetto sulle masse lavoratrici.

Ora la crisi politica ha fatto precipitare l’ANC in una profonda crisi interna: entrambe stanno avendo un impatto decisivo sulla lotta di classe in Sudafrica. L’ANC è stato per decenni il partito della maggioranza dei neri sudafricani. È arrivato al potere sulla base di un potente movimento rivoluzionario, che minacciava di rovesciare il capitalismo sudafricano stesso. Ma più di 20 anni di governo su base capitalista hanno esposto il partito a tutte le conseguenze dell’operare all’interno dei limiti del sistema capitalista. Nello stesso periodo, il tenore di vita della grande maggioranza dei neri è rimasto al palo o è addirittura peggiorato.

Come conseguenza della crisi del sistema capitalista, le contraddizioni di classe all’interno del partito sono diventate più chiare. I vertici dell’ANC sono diventati parte dell’élite dominante mentre la miseria della maggioranza nera è aumentata. Ciò a cui stiamo assistendo ora è solo l’espressione politica della crisi del sistema capitalista stesso, con un’ulteriore frammentazione del partito e continue spaccature dell’ANC. Questo è un processo in corso da anni. Ora sta avendo un grande impatto sulla società sudafricana e, cosa più importante, sulla lotta di classe.

I marxisti molto tempo fa hanno spiegato che se la dirigenza dell’ANC avesse cercato di governare entro i limiti del capitalismo, non sarebbe stata in grado di soddisfare le aspirazioni delle masse sudafricane. Perché le masse lo capissero, era necessaria l’esperienza reale, sulla propria pelle, dell’ANC al governo. I limiti della direzione dell’ANC ora sono chiari a tutti. La domanda è: cosa si deve fare adesso? Ciò di cui hanno bisogno i lavoratori e i giovani del Sud Africa è una forza politica che possa trarre tutte le lezioni e indicare la via da seguire. Questo richiede la costruzione di una tendenza marxista all’interno del movimento operaio e giovanile sudafricano, che spieghi pazientemente come l’alternativa può solo essere il rovesciamento del capitalismo, prendendo nelle proprie mani le leve fondamentali dell’economia sotto il controllo e la gestione dei lavoratori stessi.

Si dovrebbe anche includere la rivendicazione che i parlamentari eletti dai lavoratori ricevano solo il salario medio di un lavoratore, come primo passo per combattere la corruzione. Per quanto forte possa essere la sinistra, i borghesi useranno sempre le loro ricchezze per cercare di conquistare i dirigenti dei lavoratori corrompendoli individualmente e poi usandoli contro coloro che li hanno eletti.

Articoli correlati

Proteste studentesche straordinarie in Sud Africa: un’avvisaglia di sviluppi rivoluzionari

Questa settimana ha visto un marcato crescendo delle proteste studentesche che sono divampate su scala nazionale nel corso degli ultimi quattro anni. Il movimento di protesta si sta diffondendo in tutto il paese e non sembra placarsi. Proteste di questa portata non si vedevano dall’insurrezione studentesca di metà anni ’80.

Sudafrica: riparte il movimento studentesco di massa!

Martedì 20 Settembre sono scoppiate proteste studentesche di massa in tutto il paese, a causa della dichiarazione del ministro dell’istruzione Blade Nzimande con cui comunicava la possibilità per le università di alzare le rette fino all’8% a partire dal prossimo anno.

Sudafrica: gli studenti bloccano le università in tutto il Paese e assediano il parlamento

Mercoledì 21 ottobre gli studenti hanno bloccato le principali università in tutto il Paese in uno scenario straordinario che non si ripeteva dalla fine degli anni ’80.