29 Ottobre 2021 Joe Attard, da www.marxist.com

Striketober negli Usa: il gigante dormiente del movimento operaio inizia a scuotersi

Gli Stati Uniti hanno visto uno ‘Striketober’ [ottobre di sciopero] di lotte sindacali in tutta una serie di settori: dalla sanità all’edilizia, dalla lavorazione del legno all’estrazione del carbone, mezzi di comunicazione, produzione di snack e di cereali. In questo mese, un totale di 100.000 lavoratori hanno votato per lo sciopero.

I vecchi burocrati sindacali hanno cercato di depotenziare alcune di queste lotte, ma si stanno scontrando con la crescente combattività di una classe operaia che non è disposta a sostenere il fardello economico della crisi pandemica mentre i profitti dei padroni aumentano.

Il profondo sconvolgimento degli ultimi 18 mesi sta scuotendo il sistema e ponendo le basi per una svolta nella lotta di classe negli Usa.

Una marea che cresce

Dopo aver messo a rischio la loro vita e compiuto sacrifici colossali, gli operatori sanitari ora chiedono ciò che è loro dovuto. 24.000 infermieri e altri dipendenti del consorzio Kaiser Permanente in California hanno votato in questo mese a favore dello sciopero, insieme ad altri 10.000 operatori sanitari dipendenti Kaiser in Oregon.

Ciò è avvenuto in risposta a un nuovo contratto che prevedeva un aumento di stipendio irrisorio dell’1% per i dipendenti, a fronte di un taglio tra il 26 e il 39% negli stipendi dei nuovi assunti.

Il cosiddetto sistema a due livelli (una caratteristica sempre più comune nel mercato del lavoro statunitense) consentirà ai padroni di mettere i lavoratori uno contro l’altro, in una corsa generale al ribasso. Nel frattempo, Kaiser ha registrato profitti per 3 miliardi di dollari nel secondo trimestre del 2021.

Anche 2.500 infermieri e personale ospedaliero impiegati dall’organizzazione no-profit Catholic Health della città di Buffalo, nello stato di New York, hanno scioperato in risposta alla carenza di personale, ai bassi salari e agli attacchi alle pensioni. Questi scioperi si aggiungono allo sciopero degli infermieri che è in corso al St. Vincent Hospital di Worcester, nel Massachusetts.

La pandemia di COVID-19 ha colpito gli Stati Uniti in modo particolarmente duro grazie all’incompetenza totale e alle politiche sconsiderate dell’establishment.

Di conseguenza, gli operatori sanitari sono stati sottoposti a uno sforzo enorme in reparti traboccanti. “Lo straordinario non era pagato, non c’era un supplemento di paga per il rischio”, ha detto un ex operatore sanitario al Guardian, che ha descritto il 2020 come un susseguirsi di turni di 24 ore.

“Eroi trattati come degli zeri” – Un picchetto degli operatori sanitari in California

Queste condizioni intollerabili, combinate con la morte di 3.600 operatori sanitari per COVID-19, hanno portato a una grave carenza di personale. Ciò ha esercitato una pressione ancora maggiore su quelli che restano, in particolare con la variante Delta che quest’estate ha portato a una nuova ondata di casi.

Abbiamo persone sull’orlo dell’esaurimento, che lamentano problemi di salute mentale e disturbo da stress post-traumatico. Come sindacato, siamo in una situazione in cui siamo preoccupati per il futuro dell’assistenza infermieristica”, ha affermato Denise Duncan, presidente delle United Nurses Associations of California/Union of Health Care Professionals.

Nel frattempo, la riapertura dell’economia ha provocato un boom della domanda in alcuni settori, ma mentre i padroni fanno un sacco di soldi, i lavoratori vengono ancora più spinti nella povertà e nella precarietà.

Ad esempio, la John Deere, che produce macchinari per l’agricoltura, prevede di incassare quest’anno la cifra record di 6 miliardi di dollari. Questo aumento del 61 percento ha visto l’amministratore delegato John C. May premiarsi con uno stipendio annuo di 15 milioni di dollari, 220 volte quello di un dipendente medio.

L’ultima proposta di contratto presentato ai lavoratori il 12 settembre proponeva salari che a malapena coprono l’aumento dell’inflazione. Si prevedeva poi di aumentare i costi dell’assicurazione sanitaria, porre fine al congelamento delle chiusure degli stabilimenti, peggiorare le condizioni pensionistiche per i nuovi assunti e ridurre gli straordinari.

Chris Larsen, un attivista della United Auto Workers (UAW) e dipendente di John Deere da 19 anni ha giustamente descritto questa offerta come uno “schiaffo in faccia”, che ha visto 10.000 lavoratori tra Iowa, Illinois e Kansas votare al 99% a favore dello sciopero a meno che non venga presentato un nuovo contratto.

Dopo che sono state respinte molteplici offerte e nonostante le manovre della dirigenza sindacale, il 14 ottobre è iniziato lo sciopero.

Da aprile, 1.000 minatori di carbone dell’Alabama sono in sciopero contro Warrior Met. L’azienda ha cercato di far pagare ai lavoratori le perdite subite a causa del calo della domanda durante la pandemia, stipulando nuovi contratti con retribuzioni e condizioni inferiori.

Ora i prezzi del carbone stanno nuovamente salendo alle stelle data la necessità di alimentare l’industria pesante a livello mondiale, ma i padroni si rifiutano di modificare le proprie posizioni in questa disputa particolarmente aspra.

I crumiri hanno intimidito e attaccato gli attivisti della United Mine Workers of America (UMWA), con casi frequenti di veicoli che sono stati speronati durante i picchetti, mandando diversi attivisti all’ospedale.

Comunque i minatori tengono duro. Durante una protesta fuori dagli uffici di Warrior Met, l’attivista dell’UMWA Dedrick Garner ha dichiarato:

Questa intimidazione non mi preoccupa. Quello che fai oggi influisce su quello che ti succederà domani. Così se non ti alzi in piedi oggi, cadrai domani”

Anche 1.400 lavoratori in quattro diversi stabilimenti Kellogg’s sono in sciopero dal 5 ottobre. Come popolare alimento mangiato durante il lockdown, le vendite di cereali sono aumentate di oltre l’8% nel 2020, e l’amministratore delegato di Kellogg, Steven Cahillane ha intascato circa 11,6 milioni di dollari.

Nonostante questo, Kellogg’s ha annunciato l’intenzione di tagliare 212 posti di lavoro nel suo stabilimento di Battle Creek, nel Michigan, come parte di un processo di “snellimento”, e ha minacciato di esternalizzare in Messico altri posti di lavoro se il sindacato BCTGM (Bakery, Confectionery, Tobacco Workers and Grain Millers International Union) avesse convocato uno sciopero.

Inoltre, i padroni di Kellogg stanno togliendo le misure a difesa del costo della vita e attaccando sia il pagamento che il numero di giorni di ferie, introducendo un sistema a due livelli di retribuzione e benefit, uno per i dipendenti in essere e uno per i nuovi assunti. Nel frattempo, l’azienda spreme i lavoratori per estrarne ogni goccia di profitto.

Un anno fa, siamo stati salutati come eroi, mentre lavoravamo durante la pandemia, sette giorni alla settimana, 16 ore al giorno. Ora, a quanto pare, non lo siamo più. Molto rapidamente puoi passare da eroe a zero” ha detto Trevor Bidelman, presidente di una sezione locale della BCTGM e impiegato presso lo stabilimento Kellogg’s a Battle Creek.

Ha poi continuato:

Non abbiamo i fine settimana, è la verità. Lavoriamo proprio sette giorni su sette, a volte da 100 a 130 giorni di fila. Per 28 giorni le macchine funzionano e vengono fermate tre giorni per la pulizia. Ci trattano anche peggio dei loro macchinari”.

La celebrazione ipocrita dei “lavoratori essenziali” da parte dell’establishment capitalista durante la pandemia, seguita da questi attacchi rinnovati, ha contribuito a un cambiamento di coscienza tra i lavoratori americani, specialmente perché stiamo parlando di un periodo di “ripresa” economica, anche se fragile.

Questo a sua volta sta portando ad una maggiore volontà di reagire.

Agli esempi precedenti, possiamo aggiungerci gli addetti alle comunicazioni in California, i lavoratori dei trasporti in Texas, i dipendenti pubblici in Minnesota, i lavoratori della ristorazione in Illinois, i lavoratori dell’assistenza nelle case famiglia del Connecticut, i ricercatori ad Harvard e alla Columbia University e i lavoratori dei panifici a Portland.

Nelle ultime settimane, tutti hanno votato per lo sciopero. Queste esplosioni nell’agitazione sindacale segnalano che sotto la superficie c’è nella classe operaia un risentimento, che si è accumulato dopo decenni di tagli e tradimenti e che alla fine è filtrato attraverso le crepe aperte dall’impatto del COVID-19.

Scioperi indeboliti

La dirigenza sindacale sta tentando di controllare la sicurezza crescente nei propri mezzi della classe operaia e ha tradito tutta una serie di importanti battaglie.

Ad esempio, 60.000 lavoratori dell’industria cinematografica e televisiva statunitense, organizzati dallo IATSE (International Alliance of Theatrical Stage Employees) erano pronti ad astenersi dal lavoro per il più grande sciopero di Hollywood dalla Seconda guerra mondiale.

La pandemia ha spinto i profitti di aziende come Netflix, Hulu, Disney e Amazon a livelli vertiginosi, poiché i loro servizi di streaming hanno fornito la maggior parte dell’intrattenimento multimediale al pubblico bloccato a casa a causa dei lockdown.

Le cosiddette produzioni “new media” vantano budget paragonabili alle principali uscite cinematografiche, 465 milioni di dollari nel caso della nuova serie Il Signore degli Anelli di Amazon Prime.

Ma aziende come Amazon hanno fatto, con successo, pressioni sul governo statunitense per poter assumere lavoratori a basso costo e con minori tutele, rispetto alle troupe cinematografiche e televisive “tradizionali”.

Inoltre, anche se le disposizioni per la pausa pranzo dei lavoratori di Hollywood (che sono rimaste le stesse degli anni ’80) prevedono un’ora di pausa ogni sei ore di lavoro, le grandi aziende possono semplicemente accollarsi una “penale per mancata concessione del pasto” e insistere affinché le riprese continuino a tempo indeterminato.

Il membro di una troupe di produzione, intervistato dalla More Perfect Union, un gruppo di appoggio ai lavoratori, ha dichiarato:

“Quest’anno ero in uno spettacolo che è costato 12 milioni di dollari a episodio, per una società (Amazon) il cui CEO è appena andato nello spazio, per noi erano previste 16 ore al giorno e nessuna pausa pranzo, con le riprese che sono durate sei mesi”.

I lavoratori descrivono casi in cui si addormentano sul set. Svenimenti per la fame. Un lavoratore di Hollywood è morto di recente in un incidente d’auto causato dalla fatica: un costo mortale per riempire le tasche di Jeff Bezos.

Ma nonostante il sostegno quasi unanime tra la base a favore lo sciopero, questo è stato annullato all’ultimo minuto il 18 ottobre a seguito di un accordo tra i negoziatori dello IATSE e i baroni dei media.

L’accordo include un aumento salariale retroattivo del 3%, nonostante l’indice di inflazione annuale sia salito a oltre il 5% nel luglio 2021. L’accordo prevede chiaramente che ci siano 10 ore di pausa tra due giornate, sebbene questa resti una giornata lavorativa punitiva rispetto a molti altri settori.

E nonostante l’introduzione di sanzioni più elevate per le aziende che non forniscono pause pasto adeguate, aziende come Disney e Amazon considerano queste multe come parte del “costo degli affari” per le riprese di lunga durata.

Inoltre l’accordo copre solo 40.000 lavoratori dell’industria cinematografica e televisiva, lasciandone decine di migliaia fuori.

Queste “concessioni” sono noccioline rispetto a ciò che si sarebbe potuto ottenere tramite una mobilitazione pianificata degli iscritti allo IATSE e permetteranno sicuramente ai ricconi di Hollywood di tirare un sospiro di sollievo.

Nel frattempo, 2.000 lavoratori iscritti alla Northwest Carpenters Union (Sindacato dei lavoratori del legno) hanno lanciato uno sciopero a settembre.

Questi lavoratori si sono lamentati del fatto che i salari non hanno tenuto il passo con il costo della vita, mentre 200 milioni di dollari sono stati persi dai loro fondi pensione, in coincidenza con il più grande boom edilizio nella storia dell’area di Seattle e dello Stato di Washington occidentale nel 2020/21.

In più occasioni, i burocrati sindacali hanno tentato di far concludere prematuramente gli scioperi, negoziando accordi ridicoli con i padroni e indebolendo deliberatamente le azioni di sciopero. Ciò ha causato indignazione tra i lavoratori.

Art Francisco, il presidente del Peter J. McGuire Group, un gruppo di attivisti radicali, ha detto che i leader sindacali hanno scelto di fare i picchetti davanti a dei cantieri vuoti e si sono rifiutati di organizzare un picchetto al campus Microsoft di Westside Redmond, la cui riqualificazione rappresenta il più grande opera edile sulla costa occidentale.

Sembra che questo abbia portato, durante un presidio, a una “gara di urla indiavolate principalmente tra [i membri del sindacato che lavorano al progetto Microsoft] e i loro dirigenti sindacali”, che è quasi sfociata in una “lotta fisica”, fino a quando la direzione alla fine ha accettato di fare il picchetto a Redmond.

Ma nonostante questa pressione dal basso, lo sciopero di tre settimane si è concluso con un voto risicato a favore dell’ultima offerta dei padroni per un aumento di 10,02 dollari orari per salari e benefit in tre anni, dopo che i lavoratori hanno bocciato le precedenti proposte di accordi contrattuali.

Pur essendo una concessione degna di nota, questa è stata ben al di sotto delle aspettative di migliaia di attivisti sindacali.

Come ha giustamente sottolineato Francisco in una recente intervista, la burocrazia sindacale statunitense tratta sempre di più le organizzazioni di massa “come un intermediatore di lavoro e non come un sindacato”.

La leadership vede il suo ruolo come quello di condurre discussioni a porte chiuse con i padroni per concessioni “reciprocamente accettabili”. Hanno abbandonato la lotta di classe per la “collaborazione tra lavoratori e azienda”.

Dalla storica sconfitta dello sciopero della compagnia aerea PATCO negli anni ’80 da parte dell’amministrazione Reagan, che fu un duro colpo inflitto alla fiducia del movimento operaio, i leader sindacali sono sempre più serviti come giogo per la classe operaia organizzata, per mantenerla entro canali sicuri nel capitalismo.

Questo processo è stato aggravato con la crisi organica del capitalismo del 2008, dopo che i leader sindacali hanno frenato la classe operaia nella sua opposizione a tagli e austerità.

La burocrazia sindacale è stata premiata per il suo servizio alla classe dominante. Negli ultimi mesi, alcuni leader della UAW sono stati giudicati colpevoli di appropriazione indebita e per avere preso tangenti dalla Fiat Chrysler: una delle maggiori aziende del settore.

Tuttavia, nel 2008 durante il poderoso sciopero degli insegnanti della West Virginia, decine di migliaia di educatori hanno intrapreso radicali azioni di sciopero, sfidando i propri vertici sindacali

Questo è stato un punto di svolta e un’ispirazione per i lavoratori statunitensi. A questo ha fatto seguito un incremento delle mobilitazioni nell’industria, incluso un grande sciopero alla General Motors nel 2019.

La pandemia ha interrotto questa tendenza per un periodo, ma il movimento operaio statunitense sta ora iniziando a riannodare i fili della storia.

La base si scontra con la burocrazia

L’impatto della crisi pandemica ha portato sempre più i lavoratori in conflitto, non solo con i padroni, ma anche con i loro vertici sindacali, collaborazionisti di classe.

I leader dell’UAW hanno ripetutamente tentato di impedire lo sciopero alla John Deere facendo accordi scadenti con i padroni. Questo è stato accolto con una furiosa opposizione da parte degli iscritti.

In una riunione a Waterloo nello Iowa, alla sezione locale 838 della UAW, i membri hanno stampato sulle magliette la loro concisa risposta riguardo all’ultima offerta negoziata dal loro sindacato: “C***o No”. Un membro avrebbe preso il microfono e detto che l’accordo era adatto solo per “pulirmici il c**o”.

n seguito, i vertici sindacali hanno tentato all’ultimo minuto di arginare lo sciopero tramite un post su Facebook, alla mezzanotte della scadenza del vecchio contratto (1 ottobre), dichiarando un’estensione delle trattative, e che gli iscritti dovrebbero “andare al lavoro domani”.

Questo è stato un chiaro tentativo di far fallire lo sciopero, che è stato respinto dalla pressione della base.

Un iscritto ha fatto conoscere i loro sentimenti in un commento al post originale: “Cosa è successo a tutte le s*****ate riguardanti “Colpiremo se provocati”? Che definizione dà il sindacato di provocazione? Possiamo fare delle magliette che dicono “Si ritireranno se minacciati?”

Questo scontro tra la leadership e la base arriva dopo anni di accordi tra UAW e i grandi datori di lavoro del settore automobilistico, che hanno visto salari e condizioni di lavoro sempre più al ribasso, soprattutto per i nuovi assunti.

Stanchi del comportamento dei loro vertici sindacali, gli iscritti – organizzati nel comitato Unite All Workers for Democracy (UAWD) – stanno ora spingendo per un sistema diretto, “un iscritto, un voto”, per le elezioni degli organismi dirigenti del sindacato.

Tuttavia, se un tale sistema venisse applicato, nel contesto di un’elezione sindacale nazionale, i soldi della campagna elettorale e la possibilità di viaggiare darebbero ancora ai funzionari storici un vantaggio. Non ci sono scorciatoie per riprendere il controllo del sindacato, i tesserati devono organizzarsi ovunque.

I Teamsters, che hanno adottato “un iscritto, un voto” negli anni ’90, stanno assistendo a una lotta tra i nuovi settori ribelli e la vecchia burocrazia – rappresentati rispettivamente nelle liste Teamster United e Teamster Power per le elezioni del presidente del sindacato.

La lista guidata da Sean O’Brien, leader di Teamster United (o “OZ”) sembra avere finora il vantaggio con gli iscritti.

O’Brien è stato sostenuto dalla rabbia degli iscritti contro l’attuale presidente James Hoffa, che ha gestito un accordo che ha permesso la creazione di un livello inferiore di autisti precarizzati e “Uberizzati” nelle trattative con UPS.

Hoffa ha anche costantemente rifiutato di guidare i lavoratori dei Teamster in un’azione sindacale, favorendo accordi sottobanco con i padroni.

Come afferma l’organizzatore di OZ Ken Paff: “vogliamo un sindacato che non dica agli iscritti cosa non si può fare. Ne vogliamo uno che dica: “Quando gli iscritti vorranno lottare, noi saremo lì al loro fianco”.

Una vittoria per “OZ” sarebbe certamente un passo avanti per la classe operaia americana. C’è chiaramente desiderio per una lotta che emerga dalla base del movimento operaio statunitense, e stiamo cominciando a vedere settori più radicali che vogliono sfidare il dominio della vecchia burocrazia.

Questi nuovi leader saranno messi alla prova nel prossimo periodo. Alla fine, il loro successo dipenderà dalla loro volontà, non solo di mettere in discussione i singoli datori di lavoro, ma lo stesso sistema capitalista.

Cambiamenti nella coscienza

Durante la pandemia, milioni di lavoratori sono stati chiamati a fare enormi sacrifici “per l’interesse nazionale” – uniti contro il comune nemico della pandemia. Molti si sono trovati di fronte alla scelta di rischiare la propria salute sul posto di lavoro o di cavarsela con le elemosina del governo.

Sono state inflitte perdite terribili, compreso un numero maggiore di americani morti rispetto al periodo dell’influenza spagnola. Un’enorme rabbia si è accumulata contro i capitalisti corrotti e avidi e i loro complici a livello politico, che hanno gestito questa catastrofe.

Ora, la pandemia sembra essere in una fase discendente, i profitti sono alle stelle e tuttavia, in molti luoghi di lavoro non c’è una tregua rispetto alle pressioni che venivano esercitate sui lavoratori in quelle che sarebbero dovute essere circostanze eccezionali.

Inoltre, le condizioni di vita sono costantemente compromesse dall’aumento dell’inflazione. In effetti, i salari reali sono ancora al di sotto dei livelli pre-pandemia e sono diminuiti costantemente nell’ultimo anno.

Quindi, mentre i giornali parlano di ripresa, le famiglie operaie non si sentono le tasche più piene. Insieme al lusso sfacciato e ben visibile dei più ricchi, che negli Stati Uniti hanno aggiunto 1,8 miliardi di dollari alle loro fortune durante la pandemia, un numero crescente di americani ha deciso di averne abbastanza.

Tutto ciò sta spingendo molti settori della classe operaia in prima linea, a lottare per mantenere le loro condizioni di lavoro e a chiedere indietro ciò che gli spetta.

La loro fiducia è incoraggiata dal fatto che il boom economico ha portato a carenza di lavoratori, di cui abbiamo scritto altrove. Per la prima volta, i lavoratori di questa generazione iniziano a sentire che le leve del comando sono nelle loro mani e non in quelle dei padroni.

Non dobbiamo sopravvalutare questi sviluppi. La sindacalizzazione negli USA rimane storicamente bassa (sebbene sia cresciuta, seppur di poco, per la prima volta nel 2021) e questi scioperi sono solo la prova generale per scontri molto più grandi che ci saranno.

I Democratici – che storicamente hanno lavorato strettamente con la burocrazia sindacale per trattenere i lavoratori dallo scontro aperto – vogliono disperatamente approfittarne e cooptare questa nuova radicalità.

Vedendone le avvisaglie, Joe Biden ha proposto il Protecting the Right to Organize Act (o PRO) Act. Ciò faciliterebbe la possibilità dei lavoratori di organizzarsi in un sindacato e indebolirebbe le leggi antisindacali sul “diritto al lavoro” che esistono in 27 stati. Biden sa che è improbabile che questa legge passi al Senato.

Ma se anche succedesse, non sarebbe ancora sufficiente perché non si va ad abrogare l’esistente legislazione antisindacale, la Taft-Hartley. In realtà, lo scopo principale di questa legge è cercare di incanalare la crescente combattività della classe operaia lungo un percorso sotto il sicuro controllo della burocrazia, quella dei Democratici, del National Labor Relations Board e dei canali legali.

La classe operaia statunitense ha bisogno di organizzazioni di lotta e leader seri. Ciò consentirebbe ai lavoratori di esercitare il loro potere indipendente, generalizzare le mobilitazioni e lottare per importanti conquiste come un salario minimo di 1.000 dollari a settimana legato all’inflazione, un’assistenza sanitaria universale di alta qualità e, soprattutto, un proprio partito politico.

C’è un diffuso desiderio per questo, sia all’interno delle organizzazioni di massa che nella società in generale. In un sondaggio Gallup del settembre 2020, il 65 percento degli intervistati (e il 77 percento degli under 34) ha detto di approvare i sindacati, in linea con il 2003 e il 1999 come il più alto livello di sostegno pubblico negli ultimi 53 anni.

Nonostante buona parte della forza lavoro abbia meno di 34 anni, solo una parte è sindacalizzata. Ma all’aumentare delle pressioni sulle condizioni di vita, una parte sempre più ampia di questa forza lavoro verrà spinta nella lotta. Molti di questi giovani lavoratori radicali vedranno le organizzazioni di massa come un mezzo per lottare per i propri interessi.

Una volta nei sindacati, si aggiungeranno all’opposizione contro i leader sindacali vili e arrendevoli e combatteranno per trasformare completamente i sindacati in veri e propri strumenti della lotta di classe.

In tutto questo, possiamo intravedere un nuovo inizio nella storia del movimento operaio statunitense.

 

Articoli correlati

Nord America

Donald Trump e i rifugiati

Donald Trump ultimamente è un uomo estremamente indaffarato. Mentre s’affanna con tutto sé stesso a “rendere di nuovo grande l’America” è costretto a lottare su numerosi fronti contro nemici oscuri che testardamente cercano di ostacolarlo e in tal modo impediscono all’America di tornare di nuovo grande.

Nord America

Un sogno preso a prestito – Il piano economico di Biden

Il 78enne neopresidente degli Usa ha recentemente annunciato un faraonico piano di investimenti per rilanciare l’economia americana, generando un notevole entusiasmo non solo nelle file del movimento sindacale, ma anche a Wall Street dove gli indici del Dow Jones sono schizzati verso l’alto.

Nord America

Chicago – Gli insegnanti dicono no ai privati

Sono ormai 15 anni che negli Stati Uniti si susseguono attacchi a studenti e docenti, mascherati da riforme della scuola.

Nord America

Rivoluzione americana

La vittoria di Trump è innanzitutto la vittoria di un candidato esterno al potere costituito. Certo, Trump è un miliardario che in passato è stato vicino, come tutti i suoi pari, al potere politico e in particolare a quello del Partito democratico. Ma una volta sceso in campo, già nelle primarie, si è trovato contro tutti a partire dallo stesso partito repubblicano.

Nord America

USA: Bernie Sanders e le lezioni del “Dirty Break” – Perché i socialisti non dovrebbero candidarsi tra le fila del Partito Democratico

Dopo mesi di panico per i successi di Bernie, la classe dominante è finalmente riuscita a invertire la direzione della corsa elettorale – e lo ha fatto con una velocità senza precedenti. Ora, dopo un elettrizzante giro sulle montagne russe, la campagna di Bernie Sanders per la presidenza americana è finita. Pensiamo sia necessario proporre un bilancio di questa esperienza.

Nord America

Il referendum su Trump e la soluzione socialista

Un’affluenza record indica una profonda polarizzazione nella società, ma senza un partito della classe lavoratrice queste elezioni possono solo fornire un riflesso parziale e distorto dell’ambiente nella società. L’analisi delle elezioni di metà mandato negli Usa da parte dei compagni di Socialist revolution, la sezione statunitense della Tendenza marxista internazionale.