Storia del bolscevismo, vol.3 – Dalla guerra alla rivoluzione 1914-1917

È uscito il terzo e ultimo volume della Storia del bolscevismo di Alan Woods.

Il volume prende le mosse dal momento dell’esplosione del primo conflitto mondiale, nell’agosto del 1914. È un cataclisma che travolge il movimento operaio in tutta Europa: mentre milioni di operai e di contadini vengono scaraventati nelle trincee a massacrarsi gli uni contro gli altri, i partiti socialisti della Seconda internazionale capitolano ignominiosamente ai diversi sciovinismi nazionali, abbracciano la causa della guerra e tradiscono l’internazionalismo di classe che doveva esserne il principio fondante. Illegale il partito in Russia, arrestati i suoi deputati, il dibattito politico si restringe a piccole cerchie di esiliati, sparsi ai quattro angoli del mondo e divisi dai fronti di guerra.

Ancora una volta è nella chiarificazione teorica che Lenin cerca e trova l’ancoraggio che impedisca al partito rivoluzionario di soccombere alla corrente contraria della storia. Gli aspri dibattiti sulla natura della guerra, sull’imperialismo, lo sciovinismo, la questione delle nazioni oppresse, le ragioni del crollo dell’Internazionale consentono di tracciare una rotta per questa nuova traversata nel deserto.

La seconda parte del volume tratta infine dell’anno decisivo, il 1917. Contrariamente alla mitologia anche l’anno rivoluzionario per eccellenza non fu affatto una marcia trionfale delle masse verso il potere, bensì un percorso complicato che dopo la spallata del febbraio che rovesciò la monarchia zarista vide avanzamenti, arretramenti, fasi di reazione. Queste diverse fasi si riflessero in polemiche accese fra i dirigenti bolscevichi. Centrale da questo punto di vista il dibattito di marzo-aprile, che vede Kamenev e Stalin schierati su una posizione di appoggio critico al governo provvisorio, posizione che viene spazzata via dall’intervento di Lenin con le famose Tesi di aprile che, superando i punti irrisolti della tradizione politica del bolscevismo, orientano saldamente il partito verso l’insurrezione di ottobre.

Ancora una volta Lenin rompe col formalismo (“museo delle antichità dei vecchi bolscevichi”, così ironizzerà nella polemica i suoi stessi compagni) per far emergere in tutta la sua forza il nucleo rivoluzionario della dialettica marxista Dibattiti che procedono di pari passo con le gigantesche battaglie che milioni di operai e soldati conducono alla ricerca di una via d’uscita dall’inferno della guerra e da un’oppressione secolare, che nel libro vengono ricostruiti minuziosamente con ampi riferimenti ai testi dell’epoca, lontano sia dalle falsificazioni della storiografia borghese che dalla distorsione che dallo stalinismo in poi ha snaturato e reso irriconoscibile l’autentica vicenda del partito più rivoluzionario che la storia abbia sin qui conosciuto.

Da leggere, studiare e discutere per i rivoluzionari di oggi e domani!

Il volume è disponibile al prezzo di 10 euro.

Acquistalo qui

oppure rivolgiti ai nostri sostenitori nella tua città!

 

I primi due volumi:

Articoli correlati

Russia 1917

Menzogne, pure e semplici menzogne e Netflix – La diffamazione nei confronti di Lev Trotskij

Trotsky, una recente serie di Netflix prodotta dalla televisione di stato russa, è una scandalosa mistificazione sia della vita di Trotskij che della Rivoluzione d’Ottobre. Alan Woods e Josh Holroyd rispondono a questa offensiva rappresentazione di Trotskij e dell’eredità dei bolscevichi.

Russia 1917

Le “giornate di luglio”

Il punto critico nel quale le speranze suscitate dalla prima rivoluzione si rivelano illusorie giunge a fine giugno 1917. Il governo provvisorio disattende tutte le promesse, in particolare sulla guerra che non solo non cessa, ma viene rilanciata da Kerenskij, ministro della guerra, con l’offensiva di fine giugno.

Russia 1917

Le “giornate di aprile”

Quando Lenin avvertì che nella rivoluzione le masse erano cento volte più a sinistra dei bolscevichi, a molti dovette sembrare solo una frase ad effetto.

Russia 1917

1917: la formula esplosiva del “dualismo di potere”

La seconda puntata della serie di articoli sulla Rivoluzione d’Ottobre, che saranno pubblicati lungo tutto il 2017 su Rivoluzione. Segui anche www.marxismo.net per ulteriori approfondimenti.

Russia 1917

Lenin e Trotskij: dopo il Febbraio ci sarà un’altra rivoluzione

Quando lo zar viene rovesciato (13 marzo), Lenin è in esilio in Svizzera; Trotskij, espulso dalla Francia su pressioni dell’ambasciata zarista, è a New York.

Russia 1917

Ottobre 1917 – Nascita del potere sovietico

Cento anni dopo, calunniata e falsificata dalla borghesia e dai suoi intellettuali, sfigurata dalla degenerazione stalinista, la rivoluzione d’ottobre è ancora viva, spaventa ancora, è ancora considerata dalla classe dominante come il “peccato originale” del XX secolo. Nostro compito è riscoprirla, riscattare il suo vero contenuto di liberazione e di emancipazione, e studiarne attentamente le lezioni più che mai attuali per chiunque lotti contro questo sistema marcescente.