21 Ottobre 2019

Storia del Bolscevismo, Vol.2 – Sconfitta, reazione e ripresa (1906-1914)

È disponibile il secondo volume de Storia del Bolscevismo ( Sconfitta, reazione e ripresa, 1906-1914) di Alan Woods.

La pubblicazione della Storia del bolscevismo ha un carattere tutt’altro che accademico o puramente storico. Riguarda invece la discussione sullo strumento politico necessario alla classe lavoratrice, il partito appunto. Da questo punto di vista il partito bolscevico costituisce l’esempio insuperato di un partito rivoluzionario, costruito lungo un ventennio di accaniti dibattiti ideologici e di partecipazione al movimento di massa in tutte le sue forme, dai più modesti circoli di propaganda fino alle grandi esplosioni rivoluzionarie, dagli scioperi all’arena parlamentare, di libero scontro di posizioni teoriche e politiche.

Il primo volume della Storia (ancora disponibile) trattava il sorgere del marxismo in Russia e la rivoluzione del 1905. Questo secondo volume tratta una fase completamente diversa. Sconfitta l’insurrezione di Mosca, il regime zarista si vendica della classe operaia e dei contadini facendo migliaia di morti e decine di migliaia di prigionieri ed esuli. Il movimento combatte una battaglia di retroguardia per due anni ma viene inesorabilmente risucchiato nel gorgo della reazione, mentre le organizzazioni rivoluzionarie paiono disgregarsi in mille gruppi e frazioni aspramente contrapposte. Tra reazione, avventure terroristiche, scissioni e abbandoni, pare che non resti prospettiva possibile se non quella della resa. Ne nasce il “liquidazionismo”, il tentativo di adattare il movimento operaio a una esistenza legale nei miseri spazi concessi dalla reazione trionfante, abbandonando il programma rivoluzionario.

Ma è proprio in questi anni cupi che il bolscevismo matura il suo definitivo distacco dalle altre tendenze socialiste, fino alla rottura finale nel 1912. La verifica è immediata, con la ripresa del movimento a partire dalla primavera del 1912, che vede nuovamente in campo la classe operaia e un Partito bolscevico che rapidamente conquista i settori d’avanguardia alla sua bandiera.

Ma mentre la classe operaia ritorna in campo, lo scontro fra le potenze imperialistiche si acuisce nelle Guerre balcaniche fino a sfociare nello scoppio della Prima guerra mondiale.

Il secondo volume è disponibile al prezzo di 10 euro
scrivendo a [email protected] oppure telefonando allo 0266107298

Articoli correlati

A 75 anni dall’assassinio di Trotskij

Il 20 Agosto 1940 Lev Trotskij veniva assassinato da un sicario di Stalin. In occasione del 75° anniversario della sua morte, pubblichiamo uno degli scritti che stava utlimando nel suo studio di Coyoacan, in Messico.

Rivoluzione e controrivoluzione in Spagna , di Felix Morrow

Rivoluzione e controrivoluzione in Spagna venne scritto da Felix Morrow, un militante del Socialist workers party (Swp), sezione americana della Quarta Internazionale, nel 1938. Questo libro rimane un riferimento decisivo per chiunque voglia comprendere quegli avvenimenti e in particolare il ruolo disastroso dello stalinismo e dell’anarchismo nella guerra civile.

Lenin – Tre fonti e tre parti integranti del marxismo

150 anni fa, il 22 aprile 1870, Vladimir Iic Ulijanov, che poi sarà noto a tutto il mondo come Lenin, nasceva a Simbirsk, in Russia.
Lenin è stato il fondatore del Partito bolscevico, il principale dirigente (assieme a Trotskij) della rivoluzione d’Ottobre, il promotore della Terza Internazionale. È stato anche un grande teorico marxista, autore di opere che ancora oggi sono di straordinaria attualità. La sua conoscenza profonda del marxismo gli permetteva di esporre gli assi fondamentali di questa teoria con una chiarezza e una semplicità davvero uniche, come dimostra il testo che pubblichiamo oggi, scritto in occasione del trentesimo anniversario della morte di Karl Marx

È disponibile la “Storia del bolscevismo” di Alan Woods

È ora disponibile il primo volume dell’edizione italiana di Alan Woods Bolshevism, the Road to Revolution con il titolo Storia del bolscevismo. Il libro prende le mosse dall’atto di nascita del marxismo russo con la fondazione del Gruppo per l’Emancipazione del lavoro, nel 1883, e si chiude con la rivoluzione dell’ottobre 1917.

Lenin – Il Primo Maggio del proletariato rivoluzionario

In occasione della Festa dei lavoratori, consigliamo la lettura di questo articolo del grande rivoluzionario russo, scritto nel 1913.

Mettere al centro il controllo dei lavoratori!

Il modello che proponiamo noi è conflittuale, è alternativo (non collaborativo) a quello padronale e si basa sul controllo operaio della produzione, della distribuzione e della gestione di ogni aspetto della società che riguarda la vita e la sicurezza delle persone. Una forma di contropotere, che prevede la partecipazione dei lavoratori e degli strati più poveri della società e che si basa sui consigli nei luoghi di lavoro e le assemblee popolari organizzate a livello territoriale.