28 Aprile 2015

Stato e rivoluzione, di Lenin

Quando nel 1917 Lenin scrisse Stato e rivoluzione gli avvenimenti politici in Russia stavano attraversando una inarrestabile accelerazione. Un mese dopo la scrittura del testo la rivoluzione trionfò portando al potere il proletariato.

Stato e rivoluzione è un breve testo che si basa sul meglio dell’analisi marxista dello Stato: Critica al programma di Gotha (1875), La guerra civile in Francia (1871) di Karl Marx e L’origine della famiglia (1884) di Friedrich Engels. Con questo libro Lenin forniva un prezioso strumento teorico all’azione rivoluzionaria dei militanti bolscevichi.

Nel 1917, da tempo, i partiti socialdemocratici avevano abbandonato le idee rivoluzionarie adagiandosi sulla soluzione fasulla e opportunista di un capitalismo che si potesse riformare, di uno Stato borghese che, guidato da governi socialisti, avrebbe potuto garantire il benessere dei lavoratori. Quegli stessi partiti qualche anno prima si erano schierati a fianco delle proprie borghesie nazionali a sostegno del massacro di milioni di proletari che fu la Prima guerra mondiale.

Lenin, riprendendo Engels, spiega chiaramente che nella storia lo Stato nasce come prodotto di “inconciliabili antagonismi di classe”, “lo stato non è di tutti, ma è uno strumento della classe dominante”. Nel capitalismo lo Stato borghese (con le sue istituzioni: il parlamento, la magistratura, le “forze dell’ordine”…) è lo strumento che alla borghesia serve per reprimere le aspirazioni rivoluzionarie della classe operaia.
Un tempo la socialdemocrazia ha creduto di potersi impossessare dello Stato con le sole elezioni e procedere alla sua riforma. Tuttavia il potere rimaneva nelle mani della borghesia, dato che le basi produttive di questo suo dominio rimanevano intatte (la proprietà dei mezzi di produzione). La socialdemocrazia è diventata di conseguenza strumento nelle mani della borghesia.

Oggi nella crisi economica mondiale assistiamo alla crescita di nuove organizzazioni di sinistra che, come avvenuto per Syriza in Grecia, sono arrivate a vincere le elezioni.

Queste organizzazioni, che raccolgono il consenso di milioni di lavoratori e giovani in tutta Europa, propongono riforme anche radicali, ma non considerano il problema di fondo: i capitalisti non sono disponibili a concedere né un pezzo del loro potere, né a mettere in dubbio i loro profitti. Anche se Podemos e Syriza ottenessero il cento per cento dei consensi il potere resterebbe nelle mani dei capitalisti, finché la macchina statale costruita dalla borghesia rimarrà intatta.

Una lezione già compresa da Marx, dopo l’esperienza della Comune di Parigi del 1871: “la classe operaia non può impossessarsi semplicemente di una macchina statale già pronta e metterla in moto per i suoi propri fini”.

Questa intuizione fu appunto ripresa in maniera sistematica in Stato e rivoluzione. Nel 1917 così i bolscevichi poterono portare la rivoluzione al successo: decisivo fu capire che perché il proletariato potesse prendere davvero il potere era necessario abbattere il capitalismo, distruggendo lo Stato borghese e la base economica sulla quale si regge, dando vita ad uno Stato operaio.

In Europa quello che è rimasto dei vecchi partiti socialdemocratici si è schierato apertamente dalla parte dell’austerità. Ma nuove sfide si aprono per la lotta di classe.

La rivoluzione non è più una prospettiva remota ma torna all’ordine del giorno e la questione del potere emerge con maggior evidenza. Ecco perché questo testo di Lenin è oggi più che mai attuale.

Articoli correlati

Autodeterminazione nazionale questa sconosciuta – Note per un dibattito necessario a sinistra

La questione dell’autodeterminazione nazionale si ripresenta con una importanza cruciale in paesi come la Catalogna e il Kurdistan, con forti riflessi su scala internazionale. È quindi indispensabile ritornare su questo punto, in particolare per la enorme confusione mostrata dalla sinistra su questo punto.

Lenin – Il Primo Maggio del proletariato rivoluzionario

In occasione della Festa dei lavoratori, consigliamo la lettura di questo articolo del grande rivoluzionario russo, scritto nel 1913.

Perchè i marxisti si oppongono al controllo sull’immigrazione

Dall’inizio della crisi del 2008 i partiti e i movimenti anti-immigrati sono in crescita in Europa e negli Stati Uniti. Alcuni settori del movimento operaio si sono adatti a queste idee , rivendicano maggiori controlli alle frontiere e giustificano le loro posizioni con tanto di citazioni di Marx . Come dimostreremo, questa politica miope non ha niente a che fare con Marx e le tradizioni della Prima , Seconda e Terza Internazionale.

Famiglia, diritti, libertà: la prospettiva socialista

Lo scontro sulle unioni civili ha una volta di più riportato al centro la questione della famiglia e del suo ruolo nella società. È quindi importante per chi come noi marxisti ritiene necessario che il movimento operaio si batta contro ogni forma di discriminazione e oppressione, analizzare lo scontro attuale in relazione alla nostra lotta contro il sistema capitalista.

È disponibile la “Storia del bolscevismo” di Alan Woods

È ora disponibile il primo volume dell’edizione italiana di Alan Woods Bolshevism, the Road to Revolution con il titolo Storia del bolscevismo. Il libro prende le mosse dall’atto di nascita del marxismo russo con la fondazione del Gruppo per l’Emancipazione del lavoro, nel 1883, e si chiude con la rivoluzione dell’ottobre 1917.

Marxismo e riformismo, di Vladimir Ilic LENIN

Pubblichiamo questo breve articolo di Lenin, che nel 1913 si scontrava con le tendenze riformiste nel movimento operaio russo. Il dibattito presentava diverse somiglianze con quello di oggi.