14 Settembre 2020

Stati Uniti: Insegnanti – Scioperiamo per le nostre vite contro il disastro del capitalismo!

 

Nonostante questa estate ci sia stato un numero record di nuovi casi di Covid-19, Donald Trump e il segretario all’istruzione Betsy DeVos hanno premuto con forza affinché le scuole riaprano in presenza questo autunno.

Il 10 luglio Trump ha twittato:

Ora ne siamo stati testimoni su larga scala e in prima persona, la didattca a distanza si è dimostrata TERRIBILE rispetto all’apprendimento In una scuola o Nei campus. Non si avvicina neanche! Le scuole devono essere aperte in autunno. Se non vengono aperte, perché il Governo Federale dovrebbe Finanziarle? Non lo farà!!

Poche settimane dopo, il desiderio del presidente si è avverato. Quando ad inizio agosto, in diversi stati le scuole hanno cominciato a riaprire, le immagini di corridoi pieni di studenti, molti senza mascherina, sono diventate virali. Non sorprende che ciò abbia portato a una nuova impennata dei contagi. Secondo un rapporto della CNN, nell’ultima settimana più di 2.000 studenti, insegnanti e personale scolastico sono stati messi in quarantena a seguito di almeno 230 nuovi casi confermati in cinque stati. Ciò ha contribuito a un incredibile aumento del 90% delle infezioni da Covid-19 tra i bambini nelle ultime quattro settimane negli Stati Uniti.

Questo scenario da incubo per studenti, insegnanti e genitori in tutto il paese è solo l’ultima offensiva dei capitalisti nella guerra di classe che, sin dall’inizio, è stata alla base della pandemia di coronavirus. La classe dominante ha chiarito al mondo che mantenere l’economia aperta – e il flusso dei profitti – è più importante della vita dei lavoratori che generano quei profitti – o della vita dei loro figli.

Insegnanti e sindacati in tutto il paese si sono affrettati a sottolineare la palese ipocrisia e i numerosi pericoli che circondano la riapertura non in sicurezza delle scuole. Mentre gli amministratori scolastici e i membri dei consigli di istituto decidono il destino delle scuole per questo autunno, i loro incontri si svolgono prevalentemente su Zoom. Molti hanno sottolineato che se la Major League di baseball non riesce a mantenere i suoi giocatori al sicuro nonostante abbia risorse quasi illimitate, personale medico e capacità di fare test, in che modo le scuole pubbliche già sottofinanziate saranno in grado di fornire al personale scolastico i dispositivi di protezione e i test di cui ha bisogno per mantenere i bambini in sicurezza?

Molte domande riguardo alla logistica devono ancora trovare risposta per stati e distretti che premono per la riapertura in presenza o con un modello “ibrido”. Nelle prossime settimane e nei prossimi mesi, anche i piani meglio preparati non saranno mai in grado di rispondere a tutte le variabili impreviste di insegnanti e personale. Molte scuole hanno sistemi di riscaldamento difettosi e molte stanze non sono ben ventilate. I brevi intervalli tra i cambi di classe non saranno sufficienti perché gli insegnanti o il personale scolastico possano disinfettare completamente le aule. Chiunque abbia mai lavorato con i bambini – il che esclude chiaramente i politici borghesi che spingono per queste misure – sa che sarà un compito erculeo convincere gli studenti a indossare mascherine e mantenere le distanze sociali per tutto il giorno.

In qualità di insegnante in una scuola pubblica, temo francamente che i miei studenti, colleghi e familiari moriranno inutilmente. Come ci hanno insegnato le recenti riaperture scolastiche, un modello ibrido semplicemente rinvia il ritorno alla didattica a distanza fino a quando le morti e le malattie evitabili non si saranno già verificate. Quando il personale scolastico e gli educatori, già sovraccarichi ma che stanno lavorando instancabilmente per insegnare in sicurezza ai nostri figli in queste condizioni, non riusciranno ad impedire che queste cose accadano, inevitabilmente i politici di destra daranno comunque loro la colpa.

Persino i mass media borghesi sono state costrette a riconoscere le tristi implicazioni della riapertura delle scuole al culmine di una pandemia. Un articolo su The Atlantic indica l’incidente del campo estivo in Georgia, dove metà dei partecipanti è stata infettata in pochi giorni dal Covid-19, così come una scuola dell’Indiana che ha segnalato il suo primo caso di infezione solo poche ore dopo la riapertura. Un recente studio pubblicato sul JAMA Pediatrics ha segnalato che “la replicazione di SARS-CoV-2 nei bambini più grandi porta a livelli simili di acido nucleico virale come gli adulti, ma quantità significativamente maggiori di acido nucleico virale vengono rilevate nei bambini di età inferiore ai cinque anni”. Ciò solleva la domanda: se la scienza e l’esperienza recente puntano entrambe contro la riapertura delle scuole, perché tanti politici borghesi insistono per riaprire?

Come argomento per la riapertura delle scuole, alcuni esperti “perspicaci” hanno tentato di inquadrarlo come una risposta al problema della disuguaglianza che è diventato evidente la scorsa primavera duranti la didattica a distanza. È assolutamente vero che il passaggio caotico alle classi virtuali è stato di per sé un disastro, data la totale mancanza di risorse disponibili per insegnanti e studenti, molti dei quali si devono preoccupare di avere abbastanza da mangiare, figuriamoci di avere un laptop e una connessione wifi stabile. Per gli studenti che già vivevano in condizioni precarie, il passaggio alla didattica a distanza ha solo aggravato il rischio di rimanere indietro a livello scolastico.

Ma il carico sproporzionato posto sui lavoratori e sui poveri a causa della chiusura delle scuole non deve essere motivo di riapertura, perché mette ulteriormente in pericolo le famiglie che già affrontano la minaccia di fame e dello sfratto. Piuttosto, questa è un’altra chiara condanna del capitalismo – un sistema che gioca con la vita dei giovani e distrugge i mezzi di sussistenza di decine di milioni di persone, piuttosto che investire massicciamente in ferie retribuite, assistenza di qualità all’infanzia e risorse urgenti per studenti e insegnanti.

Dopo decenni di tagli ai finanziamenti per l’istruzione e di insegnanti ai quali è stata spremuta fino all’ultima goccia di sangue con la drastica riduzione dei loro salari, i prossimi anni di crisi promettono un’intensificazione ancora maggiore di questi attacchi. Quasi ogni stato ha visto precipitare le proprie entrate, con riduzioni di almeno il 20% in 34 stati. Questa è una ricetta per l’austerità, poiché la classe dominante tenta inevitabilmente di imporne il peso sulla classe lavoratrice.

Ma combinate con la recente ondata di scioperi nel settore dell’istruzione, le esperienze del 2020 sono state una scuola di lotta di massa e la nuova generazione di lavoratori e giovani si sta preparando per una risposta gigantesca.

L’esperienza quotidiana della disuguaglianza che sta alla base del capitalismo ha fatto molto di più per radicalizzare la giovane generazione di quanto TikTok avrebbe mai potuto fare. Ciò vale anche per la lotta contro il razzismo e le sue basi economiche, che si manifestano anche nel sistema educativo. La consapevolezza della brutalità della polizia e della probabilità di un passaggio diretto dalla scuola alla prigione ha portato, nei primi giorni delle proteste innescate dall’omicidio di George Floyd, insegnanti e studenti a chiedere che le scuole di Minneapolis tronchino i loro contratti con il dipartimento di polizia. In tutto il paese, lo stesso movimento Black Lives Matter potrebbe vedere un’altra ondata massiccia, che si collega organicamente con la resistenza alle riaperture scolastiche non in sicurezza.

Quando il sindaco di Chicago, Lori Lightfoot, ha annunciato all’inizio di agosto che le scuole avrebbero ripreso entro poche settimane l’insegnamento in presenza, la Chicago Teachers Union (sindacato degli insegnanti) ha risposto convocando una riunione di emergenza per indire uno sciopero. Poche ore dopo l’annuncio, il sindaco ha fatto un brusco dietrofront, dichiarando che in autunno le scuole pubbliche di Chicago avrebbero fatto le lezioni completamente da remoto. Questo episodio riassume senza troppi giri di parole il potere che ha un’audace risposta di classe da parte dei lavoratori, così come la paura della classe dominante alla prospettiva di scatenare un’altra ondata esplosiva di scioperi in tutto il paese.

Gli educatori operano sempre più il collegamento tra la pressione esercitata su di loro per aumentare il rendimento degli studenti attraverso test standardizzati e le condizioni materiali della società di classe, fattori agiscono come un ostacolo al rendimento degli studenti (ad esempio alloggi separati, salari da fame, mancanza nella cura della salute mentale, ecc.). Ad esempio, lo scorso autunno, 32.000 insegnanti di Chicago in sciopero hanno chiesto alloggi a prezzi accessibili per le famiglie degli alunni. A Los Angeles, il sindacato degli insegnanti ha chiesto che vengano tolti i finanziamenti alla polizia e che il denaro venga invece dirottato verso l’istruzione e la sanità pubblica come parte delle loro richieste per la riapertura. Allo stesso modo, il Movement of Rank and File Educators (MORE) un caucus della United Federation of Teachers (UFT) di New York, ha adottato un approccio più combattivo. Hanno criticato la posizione passiva della dirigenza dell’UFT e promosso i seminari “Organizzare 101” in preparazione di una lotta contro le riaperture senza sicurezza.

La riapertura sicura delle scuole richiederebbe finanziamenti che ogni insegnante sa che semplicemente non ci sono dopo anni di tagli e austerità. È un fatto puro e semplice che, a parità di condizioni, maggiori finanziamenti portano a migliori risultati educativi e di vita per i bambini. E ai tempi del Covid-19, maggiori finanziamenti sono direttamente legati al salvataggio di vite umane.

L’American Federation of Teachers (AFT) ha pubblicato un documento che descrive in dettaglio il costo della riapertura in sicurezza, calcolato in 116,5 miliardi di dollari. Il budget del governo federale per l’istruzione per il 2020 è stato di soli 64 miliardi di dollari, un taglio del 10% rispetto all’anno precedente. In confronto, il bilancio a disposizione del Dipartimento della Difesa è più di dieci volte maggiore. Molte grandi città spendono il 25% o più del loro bilancio per la polizia, mentre città come Chicago e Oakland ne spendono il 40%. Questo è normale per il capitalismo, un sistema che dà la priorità alla protezione della proprietà privata per mezzo della violenza e la repressione, invece che investire nell’istruzione e in altri bisogni sociali.

Ad aggravare la crisi sociale e la pressione esercitata sulle scuole, negli ultimi mesi decine di milioni di persone sono state licenziate. Allo stesso tempo, il patrimonio netto di 643 miliardari statunitensi è aumentato di 1,6 trilioni di dollari. Quindi la prossima volta che qualcuno dice che “non ci sono abbastanza soldi” per cose come l’istruzione, dovremmo sottolineare che c’è denaro più che sufficiente nella società per soddisfare i bisogni di tutti – il problema è che attualmente è controllato letteralmente da un pugno di persone.

Recentemente, Betsy DeVos ha affermato che le linee guida del Centers for Disease Control and Prevention (CDC – Agenzia federale per la prevenzione e il controllo delle malattie) consentono la “flessibilità” quando si tratta di riaprire le scuole. Questo, nonostante siano stati divulgati dei documenti del CDC che avvertono che la riapertura completa di scuole e università rappresenta il “rischio maggiore” per la diffusione del virus. Politici democratici e repubblicani hanno collaborato alla creazione di piani di riapertura che sono un “compromesso” tra mantenere aperta l’economia e proteggere la vita di studenti e insegnanti. Tuttavia, un tale “compromesso” porterà inevitabilmente alla morte non necessaria di un numero incalcolabile di insegnanti, studenti e membri della comunità.

Per decenni, i sindacati degli insegnanti hanno speso milioni di dollari per sostenere il Partito Democratico, mobilitando i loro membri per “Vota per i democratici, non importa per chi”. Eppure è proprio in città come Chicago, Oakland, Seattle e Minneapolis, che sono totalmente controllate dal Partito Democratico, che vediamo il contrasto più netto tra scuole sottofinanziate e bilanci gonfiati della polizia.

Come abbiamo visto, i piani per una riapertura non in sicurezza hanno incontrato la resistenza da parte di alcuni sindacati degli insegnanti e tendenze militanti all’interno di quei sindacati, come il CORE della CTU e il MORE dell’UFT. Gli insegnanti nelle città di tutto il paese hanno manifestato in massa per la riapertura in sicurezza delle scuole, e si è persino ventilato di uno sciopero nazionale. La dirigenza sindacale dovrebbe sfruttare questo ambiente e costruire un ampio sostegno tra i genitori che vengono spinti in prima linea insieme agli operatori scolastici. Gli insegnanti del West Virginia hanno mostrato la via da seguire: hanno preparato i genitori per lo sciopero e hanno fatto molto affidamento sul loro sostegno per il morale e la presenza ai picchetti. Gli insegnanti erano anche pronti ad andare oltre, dove i loro dirigenti non avrebbero voluto e si sono rifiutati di essere frenati da una dirigenza alla ricerca di un compromesso rapido e facile con lo stato.

Al momento in cui scrivo, i principali sindacati degli insegnanti stanno mettendo il loro peso sull’HEROES act (un pacchetto di aiuti proposto dal Partito Democratico per contrastare gli effetti del lockdown, NdT) e ad altre misure legislative ed elettorali, facendo affidamento sulla buona volontà di quelli che detengono il potere per affrontare le evidenti carenze di finanziamento. Questo modello di collaborazione di classe è tipico della dirigenza sindacale nella storia recente degli Stati Uniti. Ciò di cui abbiamo bisogno, invece, è una dirigenza audace e decisa che utilizzi le tattiche della lotta di classe e mobiliti i suoi membri per combattere per gli interessi collettivi di tutti i lavoratori, specialmente ora che le nostre vite sono letteralmente in pericolo.

La classe dominante sta costringendoi lavoratori nel settore dell’educazione a fare sacrifici per mantenere in funzione l’economia. Dopotutto, come possono milioni di genitori della classe operaia tornare al lavoro per essere sfruttati dai loro capi se non hanno un posto sicuro per i loro figli durante il giorno? Ma questo significa anche che il personale scolastico ha il potere di chiudere completamente le scuole. In effetti, è stata la minaccia di una tale chiusura che alla fine ha costretto la chiusura delle scuole di New York City a marzo.

Gli insegnanti sono già sovraccarichi di lavoro e sottopagati: gli insegnanti guadagnano il 19% in meno rispetto ad altre professioni con una carriera educativa simili. Il resto del personale scolastico: personale di supporto e tecnici specializzati guadagnano in media solo 24.095 dollari all’anno, nonostante molte scuole richiedano una laurea per queste posizioni. Ora, oltre alla miriade di responsabilità che gli insegnanti si prendono nella loro settimana lavorativa di 60 ore, ci si aspetta che mettano in gioco le loro vite per mantenere aperta l’economia.

Per questo rivendichiamo:

La riapertura delle scuole deve essere sulla base del parere degli esperti, sia scienziati che della sanità pubblica, non per i profitti dei capitalisti!

Per scuole pubbliche interamente finanziate e programmi sociali per facilitare un equo apprendimento a distanza!

Per una moratoria immediata sui test standardizzati e sulle nuove scuole charter (private ma che ricevono finanziamenti pubblici, NdT)!

Per il controllo democratico degli insegnanti e del personale scolastico sul come e quando riaprire le scuole!

Anche una sola morte che si poteva evitare è troppa: un’offesa a uno è un’offesa a tutti!

Se i politici capitalisti e i provveditori scolastici si rifiutano di aspettare fino a quando le condizioni sono veramente sicure per riaprire le scuole, allora gli insegnanti devono scioperare per le nostre vite e per quella dei nostri studenti e delle nostre comunità!

17 agosto 2020

Articoli correlati

Donald Trump e i rifugiati

Donald Trump ultimamente è un uomo estremamente indaffarato. Mentre s’affanna con tutto sé stesso a “rendere di nuovo grande l’America” è costretto a lottare su numerosi fronti contro nemici oscuri che testardamente cercano di ostacolarlo e in tal modo impediscono all’America di tornare di nuovo grande.

Negli Usa esplodono gli scioperi contro il Coronavirus!

La classe operaia americana sta passando all’offensiva contro la diffusione del Coronavirus negli Stati uniti e la gestione criminale dell’emergenza da parte di Donald Trump. Come in Italia, la chiusura totale (per ora valida in gran parte degli Stati dell’Unione, ma non in tutti) e il distanziamento sociale contengono una significativa eccezione: i lavoratori.

Il referendum su Trump e la soluzione socialista

Un’affluenza record indica una profonda polarizzazione nella società, ma senza un partito della classe lavoratrice queste elezioni possono solo fornire un riflesso parziale e distorto dell’ambiente nella società. L’analisi delle elezioni di metà mandato negli Usa da parte dei compagni di Socialist revolution, la sezione statunitense della Tendenza marxista internazionale.

USA – Un appello rivoluzionario ai sostenitori di Bernie: non disperare, organizzarsi!

Nella giornata di ieri Bernie Sanders ha annunciato che appoggerà ufficialmente Joe Biden nelle elezioni presidenziali contro Donald Trump. È la seconda volta, dopo le elezioni del 2016, che Bernie disattende le speranze di milioni di suoi sostenitori, gettandosi fra le braccia dei candidati più moderati del Partito democratico. I nostri compagni di Socialist Revolution negli Usa hanno lanciato questo appello che sta già ricevendo un notevole successo.

Stati Uniti: cosa deve fare la classe operaia per mettere fine al terrore poliziesco?

Nelle ultime settimane, gli Stati Uniti si sono avvicinati più che in qualsiasi altro momento a un chiaro sconvolgimento rivoluzionario. L’omicidio razzista di George Floyd da parte della polizia di Minneapolis ha innescato un movimento di proporzioni enormi, liberando decenni di malcontento che si era accumulato e giungendo perfino a livelli insurrezionali in molte città.

Come combattere Trump

Oggi, 20 gennaio, Donald Trump presta giuramento come 45° Presidente degli Stati uniti. Manifestazioni di protesta sono previste in tutto il paese. I compagni della Workers International League, la sezione della Tendenza marxista internazionale negli Usa, saranno in prima fila, evidenziando la necessità di un programma rivoluzionario in questa lotta.