14 novembre 2017

“Stalin” di Lev Trotskij, alla rassegna Bookcity di Milano!

1917-2017: destino di una rivoluzione. Dalla rivoluzione d’ottobre allo stalinismo.

Domenica 19 novembre, ore 16,30
Fondazione Giangiacomo Feltrinelli
Via Pasubio 5, Milano

Presentazione, all’interno della rassegna di Bookcity, dell’edizione di “Stalin” di Trotskij che la nostra casa editrice, AC Editoriale ha pubblicato in occasione del centenario della Rivoluzione russa. Si tratta dell’ultimo lavoro lasciato incompiuto del dirigente bolscevico.

La sua prima edizione (Harper&Brothers, Usa, 1946) è incompleta e fu sottoposta ad un ampio intervento di inserimenti di commenti personali da parte del curatore; la causa legale intentata dalla moglie di Trotskij non riuscì ad impedirne la pubblicazione. Con un lavoro di oltre dieci anni, la casa editrice britannica Wellred books ha recuperato tutte le parti inedite del libro dai manoscritti di Trotskij archiviati ad Harvard e ha eliminato il testo aggiunto dal curatore, aumentando del 30 per cento il numero delle parole.

Il testo è stato anche confrontato con le edizioni francese e russa per verificare la presenza di ulteriori materiali. Quella della Wellred books, pubblicata del 2016, di cui AC Editoriale ha curato la traduzione italiana, è quindi la versione più completa mai pubblicata del libro.

tutte le info sull’evento Facebook

Leggi anche:

Articoli correlati

Alla vigilia dell’insurrezione

Alla fine dell’estate del 1917 l’alta marea riprende a spingere in avanti il partito bolscevico. Il tentativo di colpo di Stato del generale Kornilov, spazzato via in pochi giorni dalla mobilitazione delle masse, lascia scoperto anche il governo Kerenskij, le cui complicità col generale sono evidenti.

Le “giornate di luglio”

Il punto critico nel quale le speranze suscitate dalla prima rivoluzione si rivelano illusorie giunge a fine giugno 1917. Il governo provvisorio disattende tutte le promesse, in particolare sulla guerra che non solo non cessa, ma viene rilanciata da Kerenskij, ministro della guerra, con l’offensiva di fine giugno.

La rivoluzione russa

Sono trascorsi cent’anni dal 1917, ma la rivoluzione d’Ottobre è tornata prepotentemente all’ordine del giorno. Nel 1917, gli operai ed i contadini russi guidati da Lenin e dal partito bolscevico, rovesciarono il governo dello zar, i proprietari terrieri, i banchieri e gli industriali e mossero i primi passi verso la trasformazione socialista della società.

Lenin, Trotskij e i bolscevichi nel 1917

Luglio 1917: Lev Trotskij aderisce al Partito bolscevico assieme ai mezrajontsi, gli “interdistrettuali”. Un gruppo di circa 4mila membri, forte soprattutto fra il proletariato di Pietrogrado comprendente figure del calibro di Urickij, Joffe, Lunačarskij, Riazanov e Volodarskij, che giocheranno un ruolo centrale nell’Ottobre e, in seguito, nel gruppo dirigente del partito. L’adesione di Trotskij al bolscevismo rappresenta l’espressione, dal punto di vista organizzativo, di un accordo politico sostanziale tra quest’ultimo e la linea di Lenin.

Le “giornate di aprile”

Quando Lenin avvertì che nella rivoluzione le masse erano cento volte più a sinistra dei bolscevichi, a molti dovette sembrare solo una frase ad effetto.

La battaglia di Lenin e le Tesi di aprile

La discussione che ha attraversato il partito bolscevico nell’aprile del 1917 svolse un ruolo decisivo nel corso degli avvenimenti che condussero alla Rivoluzione d’Ottobre.