24 Agosto 2022 In defence of marxism

Sri Lanka – Protestiamo contro la repressione di Ranil! Abrogare la Pta!

Come abbiamo scritto in precedenza, nell’ultimo mese il regime di Ranil Wickremesinghe in Sri Lanka ha scatenato la repressione contro sindacalisti e attivisti di sinistra. Ora il regime ha intensificato la repressione, utilizzando la famigerata legge sulla prevenzione del terrorismo (PTA) per detenere gli attivisti per lunghi periodi senza processo. Domenica 28 agosto si terranno proteste davanti all’ufficio del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite a Ginevra e presso le ambasciate dello Sri Lanka in tutto il mondo alle 14:00 ora locale.

Il 18 agosto, le forze di sicurezza dello Sri Lanka hanno attaccato brutalmente una protesta studentesca, utilizzando cannoni ad acqua e lanciando gas lacrimogeni contro manifestanti pacifici. La polizia ha arrestato 20 persone. Mentre la maggior parte è stata arrestata, tre sono state trattenute in base alla famigerata legge sulla prevenzione del terrorismo (PTA).

Si tratta di uno sviluppo estremamente grave, che dovrebbe allarmare non solo i socialisti, ma tutti i sinceri democratici. La PTA è una legge introdotta dal governo nel 1979. Da allora è rimasta in vigore per più di 40 anni, nonostante le ripetute promesse non mantenute da parte dei vari governi di cambiare la legislazione.

Durante questo periodo è stata usata ripetutamente, in particolare contro i musulmani e i tamil, decine di migliaia dei quali sono stati arrestati in base a questa legge. In base ai suoi poteri, la polizia può trattenere un individuo per un massimo di tre mesi, senza comparire davanti a un magistrato, dopodiché il prigioniero può essere trattenuto per un numero illimitato di ulteriori proroghe di tre mesi. In alcuni casi, la legge è stata utilizzata per detenere individui per oltre un decennio senza processo!

Questa legge è una vergogna assoluta. Ranil Wickremesinghe ha ora firmato gli ordini di detenzione di tre mesi per tre studenti attivisti: Wasantha Mudalige, presidente della Inter University Students’ Federation (Federazione Interuniversitaria degli Studenti- IUSF), un sindacato studentesco di sinistra che è stato in prima linea nel movimento di protesta fin dalla primavera; Galwewa Siridhamma Thero, presidente della Inter University Bhikkus Federation (Federazione Interuniversitaria dei Bhikkus , monaci buddisti); e Hashan Jeewantha, della IUSF.

I tre studenti attivisti sono detenuti a Tangalle, a chilometri di distanza dalle loro case, senza alcun diritto a un giusto processo, e dove sono a rischio di torture e abusi. Il fatto che siano detenuti in base alla legislazione sul terrorismo per aver partecipato a proteste di massa pacifiche e popolari è uno scandalo. Si tratta di un palese tentativo di soffocare il movimento di massa minacciando gli attivisti di sparizioni forzate.

Per protestare contro questo scandalo, partecipate ai picchetti davanti alle ambasciate dello Sri Lanka il 28 agosto. Pubblicate le foto della vostra protesta sui social media con l’hashtag #RepealPTA.

Rivendichiamo:

Fermare la repressione di Ranil!

Rilasciare tutti i prigionieri politici!

Abrogare la PTA!

Articoli correlati

Kazakhstan

Kazakhstan – Esplode l’insurrezione dopo le proteste per l’aumento del gas

Ieri sera abbiamo ricevuto questo resoconto da un corrispondente in Kazakhstan dopo un blackout di internet durato sette ore. Durante la notte, le proteste iniziate contro l’aumento del prezzo del gas si sono trasformate in una rivolta che ha già portato alle dimissioni del governo, ma che non mostra segni di cedimento.

Asia

Sri Lanka – Lezioni della lotta

Poco più di un mese fa, il 9 luglio, le masse insorte dello Sri Lanka hanno preso d’assalto la residenza del presidente Gotabaya Rajapaksa a Colombo. Questo è stato il punto più alto delle proteste in tutta l’isola, in corso da marzo. Avevano già fatto cadere tre governi, il governatore della Banca Centrale e gli stessi fratelli di Gota: il ministro delle Finanze Basil Rajapaksa e il primo ministro Mahinda Rajapaksa, costretto alle dimissioni il 9 maggio.

Asia

Giù le mani dalla rivoluzione in Kazakhstan!

Pubblichiamo la traduzione di una dichiarazione, scritta ieri, 8 gennaio, dai compagni russi della Tendenza Marxista sulla situazione attuale in Kazakistan.

Sri Lanka

Sri Lanka – Il quadro di ciò che verrà

Sabato 9 luglio, decine di migliaia di srilankesi si sono riversate nella capitale, Colombo, superando il caos dei trasporti. Le barricate della polizia sono state spazzate via come fuscelli e le masse si sono fermate davanti alle scalinate della residenza ufficiale del presidente. E poi sono balzate in avanti. Le masse, nella marea della loro “aragalaya” (lotta), hanno improvvisamente travolto i canali sicuri predisposti dalla classe dominante per tenerle fuori dalla politica. In pochi minuti, migliaia di persone hanno occupato la residenza presidenziale. Nel giro di poche ore, il presidente, che nel frattempo si era nascosto, è stato costretto a comunicare la data delle sue dimissioni.

Asia

Myanmar: un movimento di proporzioni rivoluzionarie

Il colpo di stato in Myanmar ha scatenato un movimento di proporzioni rivoluzionarie. La determinazione delle masse a impedire che i militari assumano il controllo della situazione si può vedere nel diffuso e crescente movimento di scioperi e proteste scatenatosi. La giunta militare ha chiaramente sottovalutato il livello di opposizione da affrontare.

Asia

Kazakhstan: le radici della rivolta

L’insurrezione di gennaio in Kazakhstan, e in particolare ad Almaty, è stato l’evento più rilevante a memoria della maggior parte dei kazaki. Il presidente Kasym-Jomart Tokayev, nel suo intervento alla sessione straordinaria del Csto (Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva), l’ha definita “la peggior crisi del trentennio dell’indipendenza”. Mai prima d’ora il regime borghese del Kazakhstan moderno si era trovato alle prese con una tale minaccia.