3 Giugno 2017

Solitarietà con le masse marocchine! Abbasso la dittatura e la repressione!

Dall’ottobre scorso, Al Hoceima e le sue regioni limitrofe hanno assistito un grande movimento di protesta. La ragione immediata dietro allo sviluppo delle mobilitazioni è stata l’omicidio di un giovane pescivendolo (Mouchine Fikri) letteralmente triturato in un camion della raccolta rifiuti. Fikri era inseguito dalla polizia locale dopo aver protestato per la confisca dei suoi beni. Dietro il movimento, però, esistono altri motivi più profondi, come la dittatura, lo sfruttamento, l’emarginazione e la disoccupazione, cioè il capitalismo e il suo stato.

Questo eroico movimento di massa, che si è opposto a tutte le forme di repressione e brutalità, è stata una fonte d’ispirazione per i lavoratori e rivoluzionari nel resto del Marocco, dove è iniziata un’ondata di lotte di solidarietà. Ciò rappresenta un incubo per la classe dominante e per il suo stato.

Dopo mesi dove la repressione si è abbinata a promesse vuote, lo stato ora ha svelato la sua vera natura e ha aumentato il ritmo della repressione. Recentemente, è stata lanciata una grande ondata di arresti, tra cui la maggior parte dei leader del movimento. Lo Stato ha fatto anche ricorso a banditi e criminali per attaccare manifestazioni pacifiche in molte città.

I detenuti nelle prigioni della dittatura sono sottoposti a torture e umiliazioni. La gioventù marocchina e le masse in tutto il Marocco sono oggetto di repressione brutale. È nostra responsabilità lottare per fermare questa barbarie. Chiediamo l’immediato rilascio dei prigionieri politici e la sospensione di tutte le misure repressive . Il governo deve dare una risposta alle rivendicazioni dei manifestanti, cioè punire i responsabili dell’omicidio di Mouchine Fikri, fermare le politiche che producono emarginazione e costruire invece ospedali, scuole, posti di lavoro e dare una risposta ad altre rivendicazioni giuste e legittime.

La tendenza marxista internazionale invita tutti i lavoratori, i giovani, i rivoluzionari e gli attivisti sindacali a sostenere la lotta delle masse marocchine. Vi chiediamo di intraprendere una battaglia e di fare approvare messaggi di solidarietà nelle vostre organizzazioni, di diffondere la consapevolezza rispetto alla repressione in atto e di svelare la natura reazionaria del regime in Marocco.

Un’offesa a uno è un’offesa per tutti!

Lavoratori di tutto il mondo, unitevi!

Invia lettere di solidarietà a:

Primo ministro

Phone number: 00212537762709 or 00212537774777

Fax : 00212537731010

e-mail : contact@cg.gov.ma

 

Ministero dell’Interno

Phone number: 00212537765169 or 00212537760526

Fax : 00212537766861

e-mail : courrier@mi.gov.ma

 

Ministero della Giustizia

Phone number: 00212537213737

Fax : 002120537734725

e-mail : contact@justice.gov.ma

Vi preghiamo di inviare una copia dei messaggi a: contact@marxist.com e contact@marxy.com . Li inoltreremo agli attivisti in Marocco per dimostrare che non sono soli.

Articoli correlati

Renzi frena sulla Libia

Il fortunoso sbarco a Tripoli del governo libico di “unità nazionale”, presieduto da Fayez Serraj e sponsorizzato dall’Onu, più che rappresentare un passo verso la pacificazione del paese, sembra destinato a ingarbugliare ulteriormente la già caotica situazione libica.

Marocco – Il Rif insorge di nuovo

Il regime si scaglia duramente contro il Rif ribelle. La primavera marocchina si risveglia ancora.

Tunisia – I giovani insorgono nuovamente contro l’austerità

Negli ultimi giorni abbiamo visto l’inizio di un nuovo movimento della gioventù tunisina, quasi sette anni dopo l’abbattimento dell’odiato regime di Ben Alí nel 2011. Questa volta, a scatenare le proteste in tutta la nazione, è stata la legge finanziaria imposta dal Fmi.

Arabia Saudita: il sangue dei pellegrini morti a Mina è responsabilità del regime e dei suoi alleati

Pubblichiamo un articolo dei nostri compagni della Lega di Azione Comunista (Marocco) riguardante la strage avvenuta nella zona di Mina (a 10 chilometri dalla Mecca) lo scorso 24 settembre che ha provocato la morte di 800 pellegrini. L’articolo è stato pubblicato in arabo lo scorso 5 ottobre.

Tunisia – L’oasi di Jemnah in lotta

Lunedì 24 ottobre un’imponente assemblea di massa si è svolta nella piazza centrale nella piccola cittadina dell’oasi di Jemnah (Tunisia del sud). Ciò che ha scatenato la rabbia e la mobilitazione della popolazione locale è il congelamento dei beni dell’Associazione in difesa dell’oasi di Jemnah, associazione che gestisce le terre e i palmeti di datteri dell’oasi i cui rappresentanti sono eletti democraticamente dalla popolazione locale.

L’inferno della guerra civile in Libia

Il punto di partenza per comprendere ciò che sta accadendo in Libia è che la guerra civile è un riflesso degli scontri fra le potenze imperialiste, internazionali e regionali, che in Libia hanno ingaggiato un guerra per procura, fin dal 2011, quando hanno rimosso dal potere e poi ucciso Gheddafi.