Solidarietà con gli insegnanti e gli studenti messicani!

Domenica 19 giugno si è consumata in Messico a Oaxaca l’ennesima strage di governo.

5 insegnanti sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco dall’esercito messicano durante l’imponente manifestazione di protesta contro la “riforma” dell’educazione imposta dal governo di Peña Nieto, organizzata tra gli altri dal principale sindacato degli insegnanti messicano Cnte.

In questi lunghi mesi di mobilitazione oltre 4mila insegnanti sono stati licenziati, centinaia arrestati, inclusi molti attivisti del sindacato Cnte.

Nonostante ciò l’opposizione a questa ennesima controriforma ha visto crescere il consenso alla mobilitazione, per questo motivo il governo ha deciso di inasprire ulteriormente la repressione con maggiore violenza.

Una lunga scia di sangue sta sporcando da anni le strade del Messico, è il sangue dei giovani e dei lavoratori messicani di cui il nostro governo e i mass media si guardano bene dal denunciare. Per la nostra stampa e TV il Messico fa notizia solo quando si parla di narcotrafficanti, ma quando la gente che lavora o studia si mobilità per avere una società migliore, cala il silenzio e la censura.

Questo non è che l’ultimo di una lunga serie di tragedie represse nel sangue, come l’assassinio di 43 studenti nel 2014 colpevoli di essere tra i promotori delle mobilitazioni studentesche a Ayotzinapa, o il ferimento e l’arresto di altre centinaia di sudenti lo scorso 24 febbraio sempre contro la riforma del governo ad Acapulco.

Il sangue di studenti, lavoratori, genitori e insegnanti che da anni si oppongono alle controriforme in tutti i settori sociali del paese e che ha visto non solo nella scuola crescere l’opposizione nel paese con coraggio e determinazione è il motivo per cui sempre di più il governo usa la violenza per reprimere il popolo in nome della difesa dei privilegi di pochi.

L’assemblea nazionale di Sinistra classe rivoluzione, sezione italiana della Tendenza marxista internazionale, esprime la totale solidarietà ai lavoratori e ai giovani messicani in lotta.

Ritiro della contro riforma sull’Istruzione!

Dimissioni del governo di Peña Nieto!

Milano, 25 giugno 2016

Ordine del giorno approvato all’unanimità all’assemblea nazionale di Sinistra classe rivoluzione

 

Articoli correlati

Messico

Messico: la lotta esplosiva degli studenti del Politecnico!

Un nuovo movimento di protesta è iniziato, in maniera esplosiva, presso il Politecnico Nazionale (IPN) di Città del Messico. Il 14 aprile si sono svolte tre manifestazioni per un totale di circa quindicimila studenti e lavoratori in piazza.

Messico

Messico – Susana Prieto Terrazas libera subito! Solidarietà con il movimento 20/32

Susana Prieto è avvocato del lavoro e attivista di spicco nel movimento operaio delle maquiladoras di Matamoros (Tamaulipas) e Ciudad Juárez (Chihuahua), entrambi situati nel nord del Messico, al confine con gli Stati Uniti . È stata arrestata per ordine del governo statale di Tamaulipas.

Messico

Repressione poliziesca a Città del Messico – Feriti milianti della Tmi

Il 26 agosto, al termine della manifestazione a sostegno dei 43 studenti di  Ayotzinapa desaparecidos per responsabilità dello stato 11 mesi fa, la polizia di Città del Messico ha attaccato

Messico

Messico – La classe dominante minaccia il governo di López Obrador

Il governo di sinistra di Andrés Manuel López Obrador cerca di coniugare gli interessi e le aspirazioni delle masse che l’hanno portato al potere con le esigenze della borghesia. Nonostante i tentativi di placare la classe dominante, questa non si fida di AMLO e vuole rovesciare il suo governo.

Messico

Solidarietà internazionalista alla carovana migrante centroamericana

Pubblichiamo una dichiarazione congiunta di solidarietà nei confronti della carovana di migliaia di migranti che viaggiano dal Centro America agli Stati Uniti dei compagni di Bloque Popular Juvenil (El Salvador), Izquierda Marxista (Honduras) e La Izquierda Socialista (Messico) .

Messico

Matamoros, Messico – 40mila lavoratori delle maquiladoras in sciopero!

I lavoratori messicani di 45 fabbriche (le “maquiladoras”) a Matamoros, nello Stato del Tamaulipas rivendicano un incremento del 20% del salario e un bonus legato al salario integrativo e hanno indetto uno sciopero.