Solidarietà al movimento in Messico e ai compagni messicani della Tmi

Il movimento di lotta sviluppatosi in Messico dalla fine di settembre è un esempio per i giovani e i lavoratori di tutto il mondo. Iniziato contro la riforma del regolamento interno del Istituto Politecnico Nazionale, dopo l’uccisione di 6 e il rapimento di 43 studenti della Scuola Normale Rurale di Ayotzinapa si è rapidamente trasformato in una lotta generalizzata contro il governo di Enrique Peña Nieto, l’intero apparato statale e il marcio capitalismo messicano.

ayotzinapa dic2014 smallL’immensa mobilitazione del 20 novembre mostra la portata di questo movimento.

Il governo si rende conto delle potenzialità rivoluzionarie del movimento e per questo usa l’arma della repressione, specialmente contro gli elementi più avanzati e coscienti, fra cui i compagni messicani della Tendenza Marxista Internazionale organizzati in Izquierda Socialista, nel Clep (Comité de Lucha Estudiantil del Politécnico) e recentemente nella Unión de Estudiantes Revolucionarios.

Il congresso di Sinistra, Classe, Rivoluzione, sezione italiana della Tmi, è totalmente al fianco dei giovani e dei lavoratori messicani, e dei compagni della Tmi. Salutiamo con sollievo la liberazione dei compagni arrestati il 1 dicembre e ci impegniamo a proseguire e rilanciare la campagna di solidarietà internazionale a cui abbiamo contribuito in questi mesi, a partire dalla promozione di assemblee pubbliche e di mobilitazioni nelle date indicate dai compagni.

Giustizia per i normalisti di Ayotzinapa!

Abbasso il governo Peña Nieto!

Viva la rivoluzione messicana!

 

Milano, 8 dicembre 2014

 

Approvato all’unanimità alla conferenza nazionale di Sinistra, Classe, Rivoluzione,

sezione italiana della Tendenza Marxista Internazionale


Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/rivoluzione/public_html/wp-content/themes/trendyblog-theme/includes/single/post-tags-categories.php on line 7

Articoli correlati

La lotta di classe in Messico e la necessità urgente di una direzione coordinata

L’inizio del 2017 sta diventando anche l’inizio di un nuovo periodo di lotta di classe in Messico. Il governo, con la sua usuale stupidità, aveva promesso negli anni passati che gli aumenti del prezzo della benzina sarebbero terminati con la riforma del settore energetico ma, alla fine dello scorso mese di dicembre, il Ministero delle Finanze ha invece annunciato un incremento del 20%. La popolazione si è sentita presa in giro e nuovamente sotto attacco. Il “gasolinazo” si sta rivelando l’incidente necessario per l’esplosione della lotta.

Solidarietà con gli insegnanti e gli studenti messicani!

Domenica 19 giugno si è consumata in Messico a Oaxaca l’ennesima strage di governo.

Messico – Una vittoria massiccia di AMLO apre un nuovo periodo di lotta di classe

Questo voto rappresenta un vero terremoto politico e sociale, l’oligarchia e l’imperialismo, che sono sempre stati abituati a comandare e a ricevere obbedienza hanno ora un governo con cui devono fare i conti, che ha detto che separerà il potere economico da quello politico e che la sua priorità saranno i settori poveri della popolazione.

Solidarietà internazionalista alla carovana migrante centroamericana

Pubblichiamo una dichiarazione congiunta di solidarietà nei confronti della carovana di migliaia di migranti che viaggiano dal Centro America agli Stati Uniti dei compagni di Bloque Popular Juvenil (El Salvador), Izquierda Marxista (Honduras) e La Izquierda Socialista (Messico) .

Messico – Solidarietà a Fanny Arriaga!

Questo è un appello a tutte le organizzazioni nazionali ed internazionali, ai lavoratori e i giovani del mondo, affinchè spediscano la seguente risoluzione alle autorità messicane di solidarietà alla compagna Stephanie Arriaga (Fanny) e alla sua famiglia, che in questo momento sono vittime di estorsione e minacciati di morte

La lotta degli studenti scuote il Messico

Una nuova ondata di proteste è scoppiata nell’università di Città del Messico. Gli studenti in tutte le università nella capitale sono scesi in piazza in massa in solidarietà nei confronti di 14 studenti alla Unam feriti nei giorni precedenti dai porros (bande di picchiatori semi-fasciste).