27 Gennaio 2017

Solidarietà ai lavoratori Si.Cobas

Ieri sera, 26 gennaio, Aldo Milani, coordinatore nazionale del Si.Cobas è stato arrestato. L’accusa riportata dai giornali, secondo le esclusive informazioni della Questura di Modena è quella estorsione verso un’azienda con la promessa di “calmierare le lotte”.

L’azienda è la Alcar 1 del Gruppo Levoni, attiva nel settore della macellazione, un settore dove da tempo sono state denunciate condizioni di supersfruttamento, intimidazione, ricatto e dove non solo il SiCobas, ma anche la stessa Cgil in passato non ha potuto sottrarsi dall’organizzare scioperi e vertenze.

Fin da subito sono partite le mobilitazioni e gli scioperi contro quello che si manifesta in tutto e per tutto come un abuso delle cosiddette forze dell’ordine e un attacco politico al sindacato che in questi anni, pur con limiti importanti, e al quale non abbiamo mancato di manifestare onestamente tutte le nostre critiche, si è cimentato per la difesa dei settori più brutalmente sfruttati della logistica.

Al momento in cui scriviamo non è ancora stato possibile per l’avvocato incontrare Aldo Milani, pertanto le informazioni relative al suo arresto sono del tutto di parte. E di quale parte! Ancora abbiamo nelle orecchie le dichiarazioni di questi signori quando Abd El Salam è stato ucciso travolto dal tir che voleva forzare il picchetto di fronte alla Gls di Piacenza. Sono riusciti a dichiarare che non c’era alcuna lotta in corso, alcun picchetto e che Abd El Salam si era lanciato, peraltro con un megafono in mano, per errore contro il tir. Questi signori hanno mostrato più volte di non mostrare alcuna vergogna nella falsificazione della realtà, nell’uso della violenza più brutale, pur di difendere gli interessi padronali.

Pertanto da parte nostra non può esserci che la massima solidarietà e partecipazione al movimento di lotta dei lavoratori nella difesa dei loro diritti e della propria organizzazione, che in questo momento manifestano sotto al carcere di Modena chiedendo il rilascio immediato di Aldo Milani.

 

Articoli correlati

Whirlpool Napoli: fermiamo la chiusura con una lotta generalizzata!

Nell’incontro tenuto il 29 gennaio con governo e sindacati la Whirlpool ha stabilito che il 31 ottobre andrà via da Napoli. L’amministratore delegato ha ribadito che il sito napoletano non è economicamente sostenibile.

Poclain (Modena): gli operai alzano la testa!

Da oltre una settimana, alla Poclain di Gaggio in Piano, nella provincia di Modena, gli oltre cento lavoratori sono in lotta per il rinnovo del contratto aziendale, scaduto da tre anni nei quali è stato valido un ormai lunghissimo accordo ‘ponte’.

Modena, vertenza Italpizza: in lotta contro un sistema schiavista!

Nella lotta della Italpizza stiamo rivedendo un film già visto alla Castelfrigo negli scorsi anni. Un sistema di ipersfruttamento ad opera di aziende con giri d’affari esorbitanti che, approfittando della Legge Biagi, macinano profitti sulla pelle di lavoratori per lo più stranieri sottoposti a condizioni disumane tramite il gioco delle finte cooperative e della intermediazione di manodopera.

Almaviva – I lavoratori bocciano sonoramente l’accordo!

L’accordo è sonoramente bocciato dai lavoratori, a Palermo, dove si concentrano più della metà dei licenziamenti, i No sono stati 2.519 (il 95 per cento) contro appena 110 Sì. Anche a Roma (900 esuberi) e a Napoli (400 esuberi) il No vince con percentuali bulgare.

Alcatel-Flextronic – Una sconfitta per i lavoratori interinali

I lavoratori di Alcatel-Lucent Trieste hanno detto sì all’accordo di acquisizione proposto dall’americana Flextronics il 23 giugno. 459 sì contro 34 no, una vittoria apparentemente schiacciante. Mancano però all’appello 278