10 Gennaio 2016

Solidarietà ai facchini Bormioli!

Piena solidarietà ai facchini Bormioli di Fidenza (Pr) e agli attivisti della Rete Diritti in Casa, sgomberati dalla polizia e trattenuti un pomeriggio in questura per  l’identificazione e l’avvio di un’indagine.
Lo sgombero del presidio permamente davanti all’ingresso della fabbrica è seguito al pessimo accordo raggiunto tra la CAL e i funzionari sindacali di CGIL, CISL e UIL  sulla vertenza. Un accordo ritenuto inaccettabile da parte dei lavoratori e dal SI COBAS poichè mette nero su bianco gran parte delle pretese del consorzio: il loro declassamento, la diminuzione degli stipendi, la completa disponibilità alla mobilità.

Per rispondere all’arroganza di dirigenti di società e proprietari d’azienda privi di scrupoli nel chiedere la repressione di operai che rivendicano i porpri diritti, va messa in campo tutta la forza della classe lavoratrice, facendo ogni sforzo possibile per coinvolgere tutti i lavoratori della Bormioli.

Minori diritti e tutele oggi per i facchini che lavorano presso quella fabbrica, significa minori diritti e tutele domani per chiunque lavori in quella fabbrica, indipendentemente dal tipo di mansione o da chi è formalmente il datore di lavoro (consorzio o altro).

Contro ogni azione repressiva è necessario allargare il fronte della lotta!

Per il ritiro immediato di tutte le denunce!

Pieno sostegno e solidarietà alla lotta dei facchini Bormioli!

 

Articoli correlati

Alcatel-Flextronic – Una sconfitta per i lavoratori interinali

I lavoratori di Alcatel-Lucent Trieste hanno detto sì all’accordo di acquisizione proposto dall’americana Flextronics il 23 giugno. 459 sì contro 34 no, una vittoria apparentemente schiacciante. Mancano però all’appello 278

Bologna – RCM: a pagare deve essere il padrone, non i lavoratori

Il volantino che distribuiremo oggi al presidio dei lavoratori Rcm, azienda a rischio di chiusura di Monteveglio (Bo).

Bormioli – Solo l’unità dei lavoratori può battere il padrone

Questo è il volantino che diffonderemo oggi pomeriggio a Parma alla manifestazione contro la repressione delle lotte nella logistica.

La Saeco non si tocca! La voce dei delegati Fiom

Raffaele e Barbara sono delegati RSU Fiom della Saeco, fabbrica i cui lavoratori dal 26 novembre scorso sono in lotta con un presidio permanente contro il licenziamento di 243 lavoratori annunciato dalla proprietà, la multinazionale Philips. Di questa vertenza si parla molto, non solo a Bologna e provincia. Sono già state coinvolte le istituzioni a livello locale, regionale e nazionale, tanto è vero che si è aperto un confronto tra il governo e la proprietà che dovrebbe riprendere il 18 gennaio 2016.

Tutta la FIOM deve fare come a Sulmona!

Dopo anni di ammortizzatori sociali per buona parte dei circa 630 lavoratori, lo stabilimento Sistemi Sospensioni di Sulmona, dopo piani di rilancio ed annunci di investimenti, con la prospettiva di destinare la propria produzione al 60% per Sevel ed al 40% a vetture FCA.

Bormioli – Una lotta che riguarda tutti i lavoratori

Il volantino che oggi diffonderemo agli operai e agli impiegati della Bormioli di Fidenza.