10 Gennaio 2016

Solidarietà ai facchini Bormioli!

Piena solidarietà ai facchini Bormioli di Fidenza (Pr) e agli attivisti della Rete Diritti in Casa, sgomberati dalla polizia e trattenuti un pomeriggio in questura per  l’identificazione e l’avvio di un’indagine.
Lo sgombero del presidio permamente davanti all’ingresso della fabbrica è seguito al pessimo accordo raggiunto tra la CAL e i funzionari sindacali di CGIL, CISL e UIL  sulla vertenza. Un accordo ritenuto inaccettabile da parte dei lavoratori e dal SI COBAS poichè mette nero su bianco gran parte delle pretese del consorzio: il loro declassamento, la diminuzione degli stipendi, la completa disponibilità alla mobilità.

Per rispondere all’arroganza di dirigenti di società e proprietari d’azienda privi di scrupoli nel chiedere la repressione di operai che rivendicano i porpri diritti, va messa in campo tutta la forza della classe lavoratrice, facendo ogni sforzo possibile per coinvolgere tutti i lavoratori della Bormioli.

Minori diritti e tutele oggi per i facchini che lavorano presso quella fabbrica, significa minori diritti e tutele domani per chiunque lavori in quella fabbrica, indipendentemente dal tipo di mansione o da chi è formalmente il datore di lavoro (consorzio o altro).

Contro ogni azione repressiva è necessario allargare il fronte della lotta!

Per il ritiro immediato di tutte le denunce!

Pieno sostegno e solidarietà alla lotta dei facchini Bormioli!

 

Articoli correlati

Il Red Friday dei lavoratori Amazon

Cgil Cisl Uil e Ugl hanno convocato nel giorno del Black Friday uno sciopero di 24 ore dei dipendenti Amazon del sito di Castel San Giovanni a Piacenza. Lo sciopero ha aperto una nuova era, e non è che l’inizio!

Accordo Amazon – La lotta non è in saldo!

Dopo il primo grande ciclo di lotte messo in atto dai lavoratori Amazon del sito di Piacenza, che li aveva visti scioperare anche durante il Black Friday (il giorno dei grandi sconti) e a Natale, il 22 maggio è stato siglato un accordo tra i sindacati confederali e l’azienda.

Castelfrigo, una vittoria di… Pirro

È bastata una semplice comunicazione da parte della Regione per porre fine al blocco delle merci che da 4 giorni e notti i lavoratori e la CGIL avevano organizzato davanti ai cancelli della Castelfrigo. Quale bilancio si può fare al termine di queste quattro giornate?

Maserati (Modena): nuvole all’orizzonte, è tempo di agire!

Dal primo gennaio 2017 a Modena non si produrranno più vetture Maserati. È quanto emerso nell’incontro delle delegazioni sindacali con i vertici di Fca. L’azienda ha annunciato un piano di 120 esuberi, di cui 15 impiegati. I lavoratori in esubero verranno trasferiti in altre sedi – tra cui la vicina Ferrari – su base volontaria.

Almaviva – L’appello dei lavoratori per uno sciopero nazionale

Riceviamo e pubblichiamo l’appello dei lavoratori Almaviva per uno sciopero nazionale a Roma di tutti i siti in concomitanza con l’incontro al ministero. Il 5 maggio i lavoratori Almaviva hanno

Amazon, si sciopera in tutta Europa… E in Italia?

Il 17 luglio c’è stato lo sciopero europeo di Amazon nel giorno del Prime day, Spagna, Germania, Polonia si sono fermate.