10 gennaio 2016

Solidarietà ai facchini Bormioli!

Piena solidarietà ai facchini Bormioli di Fidenza (Pr) e agli attivisti della Rete Diritti in Casa, sgomberati dalla polizia e trattenuti un pomeriggio in questura per  l’identificazione e l’avvio di un’indagine.
Lo sgombero del presidio permamente davanti all’ingresso della fabbrica è seguito al pessimo accordo raggiunto tra la CAL e i funzionari sindacali di CGIL, CISL e UIL  sulla vertenza. Un accordo ritenuto inaccettabile da parte dei lavoratori e dal SI COBAS poichè mette nero su bianco gran parte delle pretese del consorzio: il loro declassamento, la diminuzione degli stipendi, la completa disponibilità alla mobilità.

Per rispondere all’arroganza di dirigenti di società e proprietari d’azienda privi di scrupoli nel chiedere la repressione di operai che rivendicano i porpri diritti, va messa in campo tutta la forza della classe lavoratrice, facendo ogni sforzo possibile per coinvolgere tutti i lavoratori della Bormioli.

Minori diritti e tutele oggi per i facchini che lavorano presso quella fabbrica, significa minori diritti e tutele domani per chiunque lavori in quella fabbrica, indipendentemente dal tipo di mansione o da chi è formalmente il datore di lavoro (consorzio o altro).

Contro ogni azione repressiva è necessario allargare il fronte della lotta!

Per il ritiro immediato di tutte le denunce!

Pieno sostegno e solidarietà alla lotta dei facchini Bormioli!

 

Articoli correlati

Ieri in Dema, domani tutta Finmeccanica

L’azienda dell’indotto aeronautico di Finmeccanica nel 2013, dopo denuncia della FIOM, ha dovuto ammettere debiti per 130 milioni, per mala gestione clientelare. Da allora la Dema cercato di scaricare i costi dei debiti accumulati sulla pelle dei lavoratori, con un metodo ormai molto diffuso nella classe padronale: i tagli al personale.

La lotta vittoriosa dei facchini in Motovario

I 18 facchini dipendenti della cooperativa Mt Service addetti alla logistica nella ditta metalmeccanica Motovario (440 dipendenti e tra i leader mondiali nella produzione di riduttori) dopo un giorno e

La lotta alla Castelfrigo: il buono, il brutto e il cattivo

La fine di questa orgogliosa lotta contro l’inferno del settore carni e delle (false) cooperative, portata avanti coraggiosamente da lavoratori doppiamente sfruttati, in quanto prevalentemente immigrati, non è ancora arrivata. Ma deve esserci una svolta immediata. L’immensa esperienza accumulata alla Castelfrigo non può andare dispersa!

Almaviva non si tocca e neanche si piega!

Il volantino che Sinistra classe rivoluzione sta distribuendo oggi allo sciopero dei lavoratori Almaviva!

Messina – I politici piangono, ma solo gli operai muoiono

Porto di Messina, 29 novembre 2016. Quattro operai stanno svolgendo lavori di manutenzione nella nave “Sansovino”, imbarcazione che fa la spola tra Messina e Lampedusa.

A proposito della lotta all’outlet di Serravalle Scrivia

C’è un luogo dove la vertenza contro la liberalizzazione degli orari è salita alla ribalta nazionale e i lavoratori hanno preteso a gran voce dai sindacati che per Pasqua lo sciopero fosse uno sciopero vero. Questo posto è l’outlet di Serravalle Scrivia, un immenso centro commerciale, il più grande d’Europa con 2.500 dipendenti di proprietà di una multinazionale americana.