10 gennaio 2016

Solidarietà ai facchini Bormioli!

Piena solidarietà ai facchini Bormioli di Fidenza (Pr) e agli attivisti della Rete Diritti in Casa, sgomberati dalla polizia e trattenuti un pomeriggio in questura per  l’identificazione e l’avvio di un’indagine.
Lo sgombero del presidio permamente davanti all’ingresso della fabbrica è seguito al pessimo accordo raggiunto tra la CAL e i funzionari sindacali di CGIL, CISL e UIL  sulla vertenza. Un accordo ritenuto inaccettabile da parte dei lavoratori e dal SI COBAS poichè mette nero su bianco gran parte delle pretese del consorzio: il loro declassamento, la diminuzione degli stipendi, la completa disponibilità alla mobilità.

Per rispondere all’arroganza di dirigenti di società e proprietari d’azienda privi di scrupoli nel chiedere la repressione di operai che rivendicano i porpri diritti, va messa in campo tutta la forza della classe lavoratrice, facendo ogni sforzo possibile per coinvolgere tutti i lavoratori della Bormioli.

Minori diritti e tutele oggi per i facchini che lavorano presso quella fabbrica, significa minori diritti e tutele domani per chiunque lavori in quella fabbrica, indipendentemente dal tipo di mansione o da chi è formalmente il datore di lavoro (consorzio o altro).

Contro ogni azione repressiva è necessario allargare il fronte della lotta!

Per il ritiro immediato di tutte le denunce!

Pieno sostegno e solidarietà alla lotta dei facchini Bormioli!

 

Articoli correlati

Almaviva – L’appello dei lavoratori per uno sciopero nazionale

Riceviamo e pubblichiamo l’appello dei lavoratori Almaviva per uno sciopero nazionale a Roma di tutti i siti in concomitanza con l’incontro al ministero. Il 5 maggio i lavoratori Almaviva hanno

Vertenza Yamaha/Minarelli Bologna – Una lotta coraggiosa che esige un bilancio onesto e critico

Il 13 dicembre si è conclusa, dopo tre mesi di lotta, la vertenza delle lavoratorici e dei lavoratori della Motori Minarelli di Bologna di proprietà della multinazionale Yamaha.

Fincantieri – No all’accordo!

“Non firmate quell’accordo!”, è questo il messaggio che gli operai Fincantieri, in agitazione in tutta Italia, hanno mandato alle organizzazioni sindacali. È partita dal cantiere del Muggiano (La Spezia) la

Castelfrigo: le cariche e le intimidazioni non fermano la lotta

Alla Castelfrigo è ripreso lo sciopero ad oltranza con presidio, dopo che l’azienda ha interrotto in maniera unilaterale le trattative.

Reggio Emilia: le coop sociali attaccano i lavoratori

Alla fine del mese di settembre è stato disdetto da parte di Lega Coop e Confcooperative il contratto integrativo territoriale per i lavoratori delle cooperative sociali di Reggio Emilia e provincia. È un atto molto grave, considerando il già elevatissimo sfruttamento che pesa sulle spalle dei lavoratori del settore.

Varese – Clinica La Quiete chiusa, lavoratori per strada!

Dopo oltre quattro mesi di lotta lo scorso 30 maggio la clinica La Quiete di Varese è stata definitivamente chiusa, tramite apposizione di sigilli da parte dell’ufficiale giudiziario.