25 novembre 2015

Solidarietà ai delegati della Fca di Termoli

La settimana scorsa la maggioranza dei delegati Rsa dello stabilimento Fca di Termoli ha convocato uno sciopero dello straordinario per sabato 21 novembre.
I motivi dello sciopero sono semplici, i carichi di lavoro, lo stress e il sotto organico stanno rendendo sempre più insopportabili i ritmi in fabbrica. È la mancanza adeguata di operai sulle linee il motivo per cui l’azienda pretende gli straordinari al sabato e nello stesso tempo rifiuta nei fatti di aprire una discussione seria su un adeguato numero di assunzioni.

Il segretario regionale della Fiom non ha trovato di meglio che prendere le distanze da questo sciopero rendendo pubblica la propria contrarietà con un comunicato ufficiale appeso addirittura nelle bacheche dello stabilimento..
La motivazione di tale presa di posizione è che questi scioperi già convocati nei precedenti sabati straordinari hanno visto una bassa partecipazione.

Riteniamo che un atto pubblico di sconfessione dei propri delegati rappresenti un grave atto che renderà ancora più aggressivi i padroni e i loro lacchè verso i delegati e i lavoratori impegnati nella mobilitazione. La Fiom non puoi mai “scaricare” i propri delegati agli occhi del padrone, il quale può utilizzare questi episodi contro chi si espone in prima persona, rischiando anche il proprio posto di lavoro, per difende gli interessi dei propri lavoratori.

Un atto tanto più grave se si considera che i delegati in questione sono stati recentemente riconfermati come i più rappresentativi nelle elezioni Rls dai lavoratori nonostante le politiche repressive che l’azienda ha attuato in tutti questi anni contro la Fiom.
Quel comunicato non va solo contro i delegati di Termoli ma contro tutti quei lavoratori che quotidianamente rischiano il proprio posto di lavoro per far valere i propri diritti.

Esprimiamo tutta la nostra solidarietà ai compagni, convinti come siamo che nessun delegato debba sentirsi vincolato da un ordine del vertice quando è convinto di agire per il meglio, rispondendo prima che alla propria organizzazione, ai lavoratori che gli hanno dato il mandato.

 

Articoli correlati

Il problema non è il “populismo” ma la crisi di una linea sindacale

A Bologna tra il 2008 e il 2016 si sono persi 7mila posti di lavoro metalmeccanici – da 53mila a 47mila – di cui 6mila operai e mille gli impiegati.

Ilva – Nessun licenziamento, lottiamo per la nazionalizzazione!

Dopo 5 anni di decreti ad hoc e quattro di commissariamento, la situazione dell’Ilva è giunta ad un punto di svolta. Il ministro Calenda ha formalizzato, con un decreto, il cambio di proprietà.

Fiom – L’intervento di Paolo Brini all’Assemblea dei 500

Pubblichiamo il video dell’intervento di Paolo Brini (Comitato centrale Fiom Cgil) all’assemblea nazionale dei 500 che si è tenuta a Roma il 5 e 6 aprile a Roma.

Contratto dei metalmeccanici: un accordo da bocciare!

Si invitino tutti i lavoratori metalmeccanici non solo a votare No ma soprattutto ad iscriversi alla Fiom pretendendo di diventarne protagonisti attivi diretti e coscienti. Pretendendo che la più grande ed importante organizzazione del movimento operaio di questo paese abbandoni la strada della collaborazione di classe e riprenda la via del conflitto e della rottura delle compatibilità con questo sistema.

“No alla proposta di Federmeccanica. Sì al diritto di critica in Fiom”

Il comitato Centrale di giovedì 29 settembre si è concluso con la presentazione di due dispositivi finali contrapposti che alleghiamo. Quello approvato dalla maggioranza e quello proposto dall’area il Sindacato è un’altra cosa.

Embraco, l’unica soluzione è la nazionalizzazione

Oggi ai lavoratori dell’Embraco non rimane che una cosa da fare, occupare e rivendicare la nazionalizzazione sotto il controllo dei lavoratori dello stabilimento. Per evitare che l’azienda venga smantellata, per riprendere la produzione e dimostrare che può funzionare anche senza il cosiddetto management, e che col controllo operaio e l’appoggio dello stato si può distribuire quello che si produce.