25 Novembre 2015

Solidarietà ai delegati della Fca di Termoli

La settimana scorsa la maggioranza dei delegati Rsa dello stabilimento Fca di Termoli ha convocato uno sciopero dello straordinario per sabato 21 novembre.
I motivi dello sciopero sono semplici, i carichi di lavoro, lo stress e il sotto organico stanno rendendo sempre più insopportabili i ritmi in fabbrica. È la mancanza adeguata di operai sulle linee il motivo per cui l’azienda pretende gli straordinari al sabato e nello stesso tempo rifiuta nei fatti di aprire una discussione seria su un adeguato numero di assunzioni.

Il segretario regionale della Fiom non ha trovato di meglio che prendere le distanze da questo sciopero rendendo pubblica la propria contrarietà con un comunicato ufficiale appeso addirittura nelle bacheche dello stabilimento..
La motivazione di tale presa di posizione è che questi scioperi già convocati nei precedenti sabati straordinari hanno visto una bassa partecipazione.

Riteniamo che un atto pubblico di sconfessione dei propri delegati rappresenti un grave atto che renderà ancora più aggressivi i padroni e i loro lacchè verso i delegati e i lavoratori impegnati nella mobilitazione. La Fiom non puoi mai “scaricare” i propri delegati agli occhi del padrone, il quale può utilizzare questi episodi contro chi si espone in prima persona, rischiando anche il proprio posto di lavoro, per difende gli interessi dei propri lavoratori.

Un atto tanto più grave se si considera che i delegati in questione sono stati recentemente riconfermati come i più rappresentativi nelle elezioni Rls dai lavoratori nonostante le politiche repressive che l’azienda ha attuato in tutti questi anni contro la Fiom.
Quel comunicato non va solo contro i delegati di Termoli ma contro tutti quei lavoratori che quotidianamente rischiano il proprio posto di lavoro per far valere i propri diritti.

Esprimiamo tutta la nostra solidarietà ai compagni, convinti come siamo che nessun delegato debba sentirsi vincolato da un ordine del vertice quando è convinto di agire per il meglio, rispondendo prima che alla propria organizzazione, ai lavoratori che gli hanno dato il mandato.

 

Articoli correlati

Fiom – Un errore non proclamare lo sciopero a luglio

Martedì 21 giugno si è riunito il Comitato centrale della Fiom-Cgil. All’ordine del giorno, la discussione su come proseguire la mobilitazione per il rinnovo del contratto nazionale dei metalmeccanici. Pubblichiamo l’intervento di Paolo Brini

Nazionalizzare l’Ilva!

Solo con un’Ilva nazionalizzata è possibile elaborare un vero piano di risanamento e rilancio, sotto il controllo dei lavoratori e dei comitati di cittadini in difesa della salute e dell’ambiente. Su questa strada la lotta dell’Ilva può essere la scintilla di una svolta che scuoterebbe la classe lavoratrice di tutto il paese.

FIOM: le elezioni Rsu alla GD di Bologna sono un monito

Come ampiamente preannunciato dal disastroso esito avuto nel rinnovo del contratto aziendale anche alle elezioni per il rinnovo della RSU alla GD di Bologna la Fiom crolla, perde 300 voti e si attesta al 37% delle preferenze diventando addirittura secondo sindacato e facendosi superare da Usb.

Gruppo Fca – La Fiom propone di riconoscere il Ccsl di Marchionne

In queste settimane la Fiom è impegnata a svolgere negli stabilimenti FCA le assemblee per presentare quella che viene definita la “piattaforma rivendicativa per la contrattazione”. Ancora una volta siamo di fronte ad un passaggio epocale nelle scelte dei meccanici Cgil.

L’intervento di Paolo Brini al Comitato centrale della Fiom – 21 maggio 2016

Il comitato centrale della Fiom, a fronte della totale intransigenza di Federmeccanica, ha condiviso l’idea di proporre dopo l’incontro del prossimo 24 maggio un pacchetto di ore di sciopero, il blocco degli straordinari e lo sciopero generale con manifestazioni regionali per la metà di giugno. Di seguito potrete leggere l’intervento di Paolo Brini.

Innse – Licenziati gli operai che salirono sul carroponte

Milano, agosto 2009. Dopo 15 mesi di lotta e quattro operai arrampicati su un carro ponte per otto giorni, i lavoratori della Innse riportarono una vittoria importante.