7 Dicembre 2017

Presentata la lista “per una sinistra rivoluzionaria” per le elezioni 2018 – Comunicato stampa

Il 7 dicembre, al Centro congressi Cavour di Roma, è stata presentata la lista “Per una sinistra rivoluzionaria”. Una lista che intende presentarsi alle prossime elezioni politiche con l’obiettivo di esprimere il punto di vista della classe lavoratrice con un programma di rottura delle compatibilità del sistema capitalista, che in questi anni di crisi ha condannato i settori più oppressi della società all’assenza di ogni benché minima prospettiva di miglioramento delle proprie condizioni.

Le forze politiche che promuovono “Per una sinistra rivoluzionaria” sono il Partito comunista dei lavoratori (Pcl) e Sinistra Classe Rivoluzione (Scr), per le quali erano rispettivamente presenti alla conferenza stampa di presentazione Marco Ferrando, portavoce nazionale del Pcl, e Claudio Bellotti, dell’esecutivo nazionale di Scr, quest’ultimo designato come capo della forza politica.

Parte in questi giorni la campagna di raccolta firme per la presentazione della lista, resa necessaria dai vincoli della nuova legge elettorale.

 

Ufficio stampa Sinistra Classe Rivoluzione

tel. 02-66107298; 333-3671812

organizzazione.scr@gmail.com

 

Articoli correlati

Il programma di “Potere al popolo” e le nostre divergenze

L’appello “Potere al popolo” lanciato dal Centro sociale “Je so’ pazzo” di Napoli e dall’organizzazione politica a cui fa riferimento, i Clash City Workers, ha diffuso una proposta di programma per una lista alle prossime elezioni politiche.

Conferenza stampa di presentazione della lista “Per una SINISTRA RIVOLUZIONARIA”

Oggi alle 12 a Roma al Centro congressi Cavour, CONFERENZA STAMPA di presentazione della lista PER UNA SINISTRA RIVOLUZIONARIA per le prossime elezioni politiche 2018. Il video della conferenza stampa:

Per una sinistra rivoluzionaria

Una lista anticapitalista, rivoluzionaria, comunista, classista, internazionalista. Invitiamo tutti i e le militanti e attivisti realmente di sinistra ad unirsi a noi in questa iniziativa. Come invitiamo tutti e tutte gli e le sfruttati ed oppressi ad appoggiarci col loro voto così come nelle lotte.

Innamoramenti populisti della sinistra radicale

Dato che il problema dei rapporti col Pd è temporaneamente accantonato, nella sinistra radicale emergono più chiaramente i punti critici, teorici e politici. La crisi verticale della sinistra riformista in Italia e i successi dei 5 Stelle hanno infatti convinto buona parte dei dirigenti di questa sinistra che sia meglio nascondere, rinnegare o denigrare l’idea stessa dell’organizzazione politica e parlare in nome appunto del “popolo”, dei “movimenti”, ecc.

Perché non abbiamo aderito all’appello di Je so’ pazzo. Per una sinistra rivoluzionaria alle prossime elezioni!

Vogliamo risollevare quella bandiera rossa, gettata nel fango dai riformisti e tornare a sventolarla con orgoglio ricostruendo una sinistra di classe, schierata sempre e dovunque dalla parte dei lavoratori, impegnata nella unificazione delle loro lotte e resistenze sociali, a partire dalle rivendicazioni più semplici; ma soprattutto impegnata a ricondurre ogni lotta di opposizione e di resistenza all’unica prospettiva di alternativa vera: un governo dei lavoratori e delle lavoratrici, basato sulla loro organizzazione e la loro forza, che rompa col capitalismo e riorganizzi da cima a fondo la società.

Le ragioni della lista “Per una sinistra rivoluzionaria”

La nostra è una lista che si contrappone ai principali poli della politica parlamentare (Pd, destra, M5S). Ma la vera discriminante che vogliamo tracciare è quella sul programma: ha senso oggi proporre programmi di riforme, magari anche avanzate, in un contesto nel quale in tutti i Paesi lo spazio per il riformismo è stato consumato?