Presentata la lista “per una sinistra rivoluzionaria” per le elezioni 2018 – Comunicato stampa

Il 7 dicembre, al Centro congressi Cavour di Roma, è stata presentata la lista “Per una sinistra rivoluzionaria”. Una lista che intende presentarsi alle prossime elezioni politiche con l’obiettivo di esprimere il punto di vista della classe lavoratrice con un programma di rottura delle compatibilità del sistema capitalista, che in questi anni di crisi ha condannato i settori più oppressi della società all’assenza di ogni benché minima prospettiva di miglioramento delle proprie condizioni.

Le forze politiche che promuovono “Per una sinistra rivoluzionaria” sono il Partito comunista dei lavoratori (Pcl) e Sinistra Classe Rivoluzione (Scr), per le quali erano rispettivamente presenti alla conferenza stampa di presentazione Marco Ferrando, portavoce nazionale del Pcl, e Claudio Bellotti, dell’esecutivo nazionale di Scr, quest’ultimo designato come capo della forza politica.

Parte in questi giorni la campagna di raccolta firme per la presentazione della lista, resa necessaria dai vincoli della nuova legge elettorale.

 

Ufficio stampa Sinistra Classe Rivoluzione

tel. 02-66107298; 333-3671812

[email protected]

 

Articoli correlati

Elezioni 2018

4 marzo: appello al voto PER UNA SINISTRA RIVOLUZIONARIA

Il voto alla Sinistra rivoluzionaria è l’unico voto chiaro, che avrà un valore anche dopo il 4 marzo, che non verrà né tradito né strumentalizzato. Ogni voto che raccoglieremo sarà un messaggio forte e inequivocabile, per il programma che dice a chiare lettere che per conquistarci un futuro degno dobbiamo liberarci del capitalismo.

Elezioni 2018

Il video dell’intervista a Claudio Bellotti, su RAIDUE (giovedì 22 febbraio)

Giovedì 22 febbraio, su Rai 2, Claudio Bellotti, portavoce della lista “Per una sinistra rivoluzionaria” ha illustrato il nostro programma e le ragioni della nostra lista.        

Elezioni 2018

2013-17: una legislatura infame

La legislatura appena conclusa ha fatto emergere nel modo più cristallino sul piano politico tutte le contraddizioni di un sistema economico in profonda crisi. L’unico cambiamento può venire solo dalla ripresa di un movimento di lotta nei luoghi di lavoro e nel paese, e dalla costruzione di un’opposizione di classe, da una sinistra rivoluzionaria capace di porsi chiaramente l’obiettivo di rovesciare il sistema per intero.

Elezioni 2018

La borghesia cambia cavallo

Le elezioni del 4 marzo consegnano alla classe dominante un quadro politico devastato e per certi aspetti inedito. Dovranno fare di necessità virtù e governare con forze politiche che per anni hanno definito antisistema e che proprio per questo sono uscite trionfatrici dalle urne.

Elezioni 2018

Sinistra rivoluzionaria – Quale prospettiva?

Il 4 marzo ha segnato un terremoto politico, ma non ci vorrà molto perché ne arrivino altri. I lavoratori, i giovani, gli sfruttati dovranno cercare altre strade, un tentativo dopo l’altro, e questo riaprirà uno spazio per sviluppi importanti anche a sinistra. La forza che avrà accumulato la prospettiva rivoluzionaria in termini di chiarezza di idee, di sviluppo di quadri, di organizzazione militante farà la differenza sull’esito di questo processo.

Politica generale

La Lega – Da sempre forti con i deboli e deboli con i forti

In queste settimane preelettorali la Lega per raccattare voti si propone come paladina a difesa dei lavoratori e degli interessi del made in Italy nella lotta contro l’austerità imposta dall’Ue. Sotto la veste del severo padre di famiglia (o della patria, padana o italica essa sia) che lotta per il bene degli italiani (prima il bene era riservato solo ai padani…), il programma di Salvini è reazionario ed intriso di razzismo.