19 ottobre 2016

Senzachiederepermesso, di Pietro Perotti

Senzachiederepermesso è il film documentario di Pietro Perotti che abbiamo presentato con l’autore quest’estate alla festa rossa di Modena.

Ricco di materiali inediti, ripercorre il lungo ciclo di lotte operaie in FIAT che dalla fine degli anni sessanta giunge fino al drammatico autunno del 1980. Perotti-che di quelle lotte è stato protagonista-ci riporta al quel clima infuocato.Dall’esplosione dell’ “autunno caldo” alle grandi conquiste degli anni settanta, frutto della lotta dei lavoratori che prendono in mano la scena politica italiana, senza chiedere permesso appunto.

Perotti arriva a Torino per lavorare alla FIAT a Mirafiori, la fabbrica più grande d’Europa, da un piccolo paese della provincia di Novara, sull’onda dei movimenti sociali che stanno radicalmente trasformando la coscienza politica di milioni di giovani in Italia e nel mondo dopo il ‘68.Si trova così nel bel mezzo dello scontro sociale che segna il secondo dopo guerra.E lì, nel vivo del conflitto, dà sfogo a tutto il suo talento artistico.Attraverso il materiale filmato e fotografato dall’autore, ritroviamo infatti tutta l’esplosione creativa di un periodo rivoluzionario: i cortei, gli slogan, gli sberleffi al padrone e ai crumiri.

Quella fabbrica, cuore pulsante dell’industria italiana, era una caserma piena di sorveglianti, di rumori infernali e fattori di nocività.Si riassumeva in essa tutta l’essenza disumana del capitalismo.Ma oltre a questo, fu un luogo di aggregazione e soprattutto di fondamentale maturazione politica.Soltanto la lotta dura di quei lavoratori è riuscita a cambiare le cose, a conquistare diritti e salario, fino a sfiorare l’”assalto al cielo”.

Alla mancata svolta rivoluzionaria degli anni settanta segue però la controffensiva padronale.E arriviamo così all’autunno ’80.La FIAT non può più tollerare la presenza di un’avanguardia tanto combattiva, capace di dirigere imponenti lotte di massa; decide quindi di imporre la cassa integrazione per 24.000 lavoratori(in pratica dei licenziamenti mascherati). Inizia uno scontro decisivo per le sorti di tutto il movimento operaio.Le dirigenze sindacali capitolano clamorosamente.”O la FIAT molla o molla la FIAT”, è la celebre frase di Benvenuto, allora segretario della UIL nel sindacato unitario, mentre saranno proprio i vertici del sindacato a mollare firmando un accordo truffa.Dopo 35 giorni di mobilitazione e la famosa “marcia dei 40 mila” (che non erano affatto tali, come dimostra il documentario. La leggenda fu alimentata da stampa e televisione), la FIAT vince su tutta la linea.Grazie all’accordo- che la burocrazia sindacale fa passare a tutti i costi- e ai processi di ristrutturazione già in atto, riesce a spezzare i legami tra le avanguardie e il resto dei lavoratori.Prende avvio un ciclo di arretramento che ci porta diretti al presente.

Nel finale emerge chiaramente la contraddizione tra la lucida consapevolezza dei compagni temprati da anni di scontri col padrone, i veri dirigenti del movimento operaio, e il cinismo dei burocrati che hanno svenduto le ragioni di una battaglia di portata storica.La sconfitta non era scritta in un destino inesorabile, ma avvenne con la responsabilità decisiva di chi scelse di abbandonare il campo.Questo film è quindi importante perché ci restituisce la memoria autentica di un’intera stagione della lotta per l’emancipazione dei lavoratori.Una memoria che è proprio quello che la classe dominante intende cancellare.

Articoli correlati

Rivoluzione e liberazione! La verità sulla rivoluzione d’Ottobre e i diritti di gay e lesbiche

In che misura le battaglie dei comunisti sono legate a quelle per i diritti civili e del movimento Lgbt? È presente una propaganda, non certo disinteressata, secondo la quale il marxismo considera solo la lotta di classe e nega, anzi osteggia, gli altri conflitti esistenti nella società capitalista. Non ci potrebbe essere una falsificazione storica più grande.

Partigiani ieri, rivoluzionari oggi!

Il 70esimo anniversario della liberazione si preannuncia come un ulteriore passo verso la mummificazione e la distorsione “di Stato” della resistenza. La lotta partigiana e operaia di quegli anni è

Alan Woods e Esteban Volkov presentano la nuova edizione di Stalin, di Lev Trotskij

Città del Messico, sabato 20 agosto: presso la Casa museo Leon Trotskij Alan Woods, direttore di www. marxist.com e Esteban Volkov, nipote di Lev Trotskij, presenteranno l’edizione più completa mai pubblicata di “Stalin», l’ultima opera di Trotskij.

1940 – 2018: 78 anni dall’assassino di Lev Trotskij – Esteban Volkov racconta

Il 21 agosto del 1940 il grande teorico marxista e combattente rivoluzionario Lev Trotskij morì per le ferite inflitte da un brutale attacco di un sicario di Stalin. Qui riproponiamo una trascrizione del discorso che Esteban Volkov, nipote di Trotskij, tenne alla fine di luglio del 2003 in una riunione della tendenza marxista internazionale.

Un grande militante è morto… Gramsci

Nell’80° anniversario della morte di Antonio Gramsci, avvenuta il 27 aprile 1937, pubblichiamo questo articolo di Pietro Tresso scritto subito dopo la scomparsa del comunista sardo. Tresso, per diversi anni fra i dirigenti del Pcd’I più vicini a Gramsci, fu membro dell’Ufficio politico del Pcd’I e verrà espulso dal partito nel 1930 per essersi opposto alle politiche staliniane. Aderirà in seguito all’Opposizione di sinistra e poi alla Quarta internazionale.

50 anni fa nascevano le Pantere Nere

“Non mi fido più di voi, voi che continuate a dire «Andiamo piano!»” così cantava Nina Simone nel 1964, interpretando un sentimento molto diffuso tra la gioventù afroamericana. Anche se la schiavitù era stata abolita dopo la guerra civile (1865) per la comunità nera nel secondo dopoguerra la vita era ancora segnata dalla segregazione, dalla violenza e dalla povertà.