29 Aprile 2020 Nico Maman (direttivo Fp Cgil Bologna)

Scuole e centri estivi: Confindustria chiama, Bonaccini prepara i lazzaretti

Il governatore della Regione Emilia-Romagna è capofila tra quelli che vogliono aprire tutto e ora: “Se ripartono le imprese, non possono non ripartire anche i servizi. Ho scritto al ministro Azzolina per denunciare questa mancanza”. Senza giri di parole Bonaccini spiega che le imprese devono ripartire per fare profitti, e i lavoratori genitori devono essere liberi dall’“incombenza” dei figli a carico. Se corri il rischio di prendere il coronavirus per andare a lavoro, perché non può correrlo anche tuo figlio o un tuo caro per andare al nido, a scuola o al centro estivo? Dobbiamo rigettare in blocco questa logica cinica, senza se e senza ma!

Il sindaco di Bologna in alcune interviste dice che non bisogna avere fretta di aprire, ma quello che si legge in questi giorni nei giornali sembra su tutt’altra strada. Infatti, il presidente dell’Istituzione Educazione e Scuola (Ies) del Comune di Bologna Paolo Marcheselli, rilascia un’intervista in cui dice che i centri estivi non bastano perché se ne parla solo dopo giugno. Quindi? “Almeno per i bambini dai 2 ai 6 anni, noi siamo pronti a riaprire i servizi educativi già da maggio”. Poi parla di un’ipotesi di apertura dei centri estivi anche ad agosto, con il coinvolgimento delle cooperative, che sottolineiamo hanno lavoratori sottopagati, e del terzo settore, vedi associazioni ecclesiastiche e non che spesso usano volontari anziché personale pagato e professionale.

Quello che ci stanno dicendo queste ipotesi della Regione Emilia Romagna e di vari comuni, è che i padroni hanno fretta di riaprire le fabbriche e le istituzioni devono svolgere il loro compito di supporto. Non interessa se ancora i morti giornalieri di Covid-19 superano le 400 persone: sembravano tutti scandalizzati qualche settimana fa dalle parole di Trump o Boris Johnson sull’“immunità di gregge”, eppure oggi questo è quello che si apprestano a fare.

I servizi educativi non devono riaprire. Impossibili sono il distanziamento sociale tra i bambini e la relazione adulto-bambino con mascherine o altri dispositivi, perché lavorare con l’infanzia significa costruire una relazione di fiducia con contatto corporeo ed emotivo. Ci hanno formato per anni su linee pedagogiche di questo tipo, ora che Confindustria lo chiede va tutto nel dimenticatoio. Senza contare il fatto che il lavoro degli educatori d’infanzia nella normalità si basa su una cura meticolosa della salute dei bambini per la fragilità e la rapidità della trasmissione delle malattie di questa fascia di età. In questa situazione di emergenza, con un virus aggressivo in circolazione, lavorare con l’infanzia significherebbe essere sottoposti a uno stress impressionante e a un allarme continuo.

Dobbiamo essere chiari: non vogliamo diventare badanti per gli interessi dei padroni! Se aprono i servizi significa che aprono dei veri e propri focolai di contagio del virus, in altre epoche avrebbero usato il termine “lazzaretti”. Si dice che dobbiamo sostenere le famiglie che sono costrette ad andare a lavorare. Bene, per questi signori aiutarle significa che un lavoratore o una lavoratrice non solo deve preoccuparsi della propria salute nel posto di lavoro, ma deve svegliarsi quotidianamente con l’ansia di suo figlio mandato in un centro con chissà quale rischio per la sua salute. I lavoratori devono tirare proprio un bel sospiro di sollievo!

Noi crediamo che l’unico modo per aiutare i genitori sia garantire congedi parentali retribuiti al 100% e fino a fine contagio. Nient’altro è un vero e proprio servizio alle famiglie.

Apprendiamo in queste ore che in Francia, genitori, docenti, educatori e sindacati, con la minaccia dello sciopero hanno fermato i tentativi di Macron e della confindustria francese di aprire le scuole dall’11 maggio. Ebbene, anche in questo caso la Francia indica la strada: anche in Italia lo slogan deve diventare “Se aprite scioperiamo! La salute prima del profitto!”.

Articoli correlati

Scuola

Coronavirus e educatori: Vogliamo il 100% dello stipendio!

La chiusura delle scuole per due settimane a causa del Covid-19 di certo non è responsabilità di chi lavora a scuola. È necessario costruire l’unità tra lavoratori pubblici e privati, per rivendicare lo stesso giusto trattamento, il riconoscimento per tutti del salario al 100%, uguali diritti e retribuzione.

Scuola

Scuola, rilanciamo la lotta!

Sono necessarie assemblee sindacali capillari nei territori, nelle quali i lavoratori possano discutere dei punti rivendicativi e di come rendere il più efficace possibile la mobilitazione. I lavoratori hanno dimostrato di non esitare se sono chiamati a bloccare le scuole con un obiettivo chiaro. Il Governo può e deve essere piegato portando la lotta fino in fondo.

Scuola

Precaria precarietà (breve cronaca di un ordinario inizio di anno scolastico)

Riceviamo e volentieri pubblichiamo una lettera inviataci da un’insegnante precaria.

Corrispondenze Operaie

Trieste – Con le lavoratrici e i lavoratori delle mense scolastiche

Sono circa 150 i lavoratori dei servizi mensa comunali che rischiano di ritrovarsi un salario sotto la soglia di povertà.
Di questi 150, 143 sono lavoratrici tra cuoche, aiuto cuoche, personale di servizio, ecc.

Scuola

6 marzo, scuola in sciopero. Contro il precariato, per un contratto degno!

Oltre un milione di lavoratori nelle scuole, tra insegnanti, bidelli e altro personale, si ritrova con il contratto nazionale scaduto da più di un anno. A fine gennaio, un comunicato

Scuola

150 milioni alle scuole private, mentre si tagliano i fondi all’istruzione pubblica

La ministra Azzolina ha stanziato 150 milioni di euro per le scuole paritarie. Mentre le scuole pubbliche vengono abbandonate, il governo si preoccupa delle private. I numeri però parlano chiaro, le scuole paritarie in Italia accolgono circa 866 mila studenti mentre quelle pubbliche ne accolgono 7,6 milioni.