Sciopero generale in Brasile: i lavoratori lottano contro il governo corrotto di Temer

Venerdì 28 aprile, i lavoratori e i sindacati brasiliani hanno realizzato il primo sciopero generale dopo oltre due decenni, protestando contro le misure di austerità e in particolare contro il drastico taglio delle pensioni portato avanti dal corrotto governo di Temer.

Milioni di operai hanno scioperato e sono scesi in piazza nelle principali città del Brasile, con scioperi segnalati in tutti i 26 stati del paese. La maggior parte delle proteste sono state pacifiche, nonostante in alcune città, soprattutto le più grandi, la classe dominante fosse determinata a fermare il movimento con qualsiasi mezzo necessario. Ciò ha portato a duri scontri in cui la polizia ha attaccato violentemente I cortei con manganelli, proiettili di gomma e lacrimogeni.

Lo sciopero generale ha riguardato quasi tutti i settori della classe lavoratrice brasiliana, tra cui i lavoratori comunali, quelli dei trasporti pubblici, i bancari, i lavoratori delle poste, gli insegnanti universitari, i lavoratori della scuola sia pubblica che privata ​​e i tassisti. Anche il sindacato dei metalmeccanici ha dichiarato che 60.000 dei suoi iscritti hanno scioperato.

Rapporti provenienti da San Paolo descrivevano la città come “isolata” con tutte le strade e le ferrovie paralizzate e bloccate, con accesso limitato al principale aeroporto. Nella capitale Brasilia si segnalavano conducenti di autobus che rifiutavano di porre fine alla mobilitazione nonostante le minacce degli agenti di polizia, oltre che blocchi stradali sulle principali autostrade in entrata nella città e verso l’aeroporto. Una folla arrabbiata ha anche tentato di marciare verso la casa del presidente Temer, ma è stata fermata dalla polizia che ha sparato proiettili di gomma e bombe stordenti. La lotta si è intensificata con i manifestanti che lanciavano pietre, accendevano fuochi e gettavano blocchi di cemento sulla strada. Un bancario in sciopero ha detto al Telegraph: “Non possiamo più stare buoni con un governo illegittimo e non eletto che smantella i diritti dei lavoratori”.

Anche la sezione brasiliana della Tendenza Marxista Internazionale – Esquerda Marxista – era presente alle manifestazioni di molte città del Brasile. A Joinville, la città più grande dello stato di Santa Catarina, Esquerda marxista ha guidato più di 7.000 manifestanti in un corteo organizzato assieme ad uno dei sindacati locali (Sinsej). Durante la giornata, si sono uniti tanti lavoratori comunali, studenti, insegnanti degli istituti statali e privati, elettricisti e bancari, che sono scesi in corteo, gridando slogan come “Fuori Temer e il Congresso Nazionale!” e “Se facciamo pressione, Temer cadrà!”. Le cifre pubblicate dal quotidiano Brasil de Fato riportano una partecipazione totale di 35 milioni di lavoratori, un dato che fa sì che lo sciopero sia stato il più grande nella storia brasiliana.

Lo spezzone di Liberdade e luta a San Paolo

Nonostante ciò, dopo lo sciopero Temer ha sostenuto che si trattava solo di “piccoli gruppi” e ha promesso che “il suo lavoro verso la modernizzazione della legislazione nazionale continuerà”.

Il governo di Temer e l’élite politica rappresentano gli interessi fondamentali del capitalismo brasiliano. In un momento di crisi economica, ciò significa attaccare brutalmente i diritti e il tenore di vita dei lavoratori per difendere i profitti e i privilegi dei capitalisti. Per la maggioranza degli operai e dei poveri risulta impossibile mantenere una vita dignitosa.

Al giovedi, il giorno precedente allo sciopero, la Corte Suprema brasiliana ha deliberato che l’elite dei funzionari statali possono accumulare salari annuali superiori ai 140.000 dollari, nonostante questo limite massimo sia fissato dalla Costituzione. Nel frattempo, metà della popolazione brasiliana, più di 100 milioni di persone, percepisce un salario minimo di 4.000 dollari annui. Con le misure di austerità del governo Temer che vengono messe in pratica e l’economia in recessione da due anni, il tasso di disoccupazione è schizzato quasi al 15%. Secondo un sondaggio fatto da Ibope il venerdì precedente, questo ha determinato il crollo dell’appoggio al governo a un misero 10%, con un 55% che disapprova attivamente la sua gestione del paese.

Tuttavia Temer e il suo governo difendono queste misure. Affermano che queste politiche sono necessarie e si vantano con orgoglio di aver fatto salire il mercato azionario brasiliano del 20% nell’ultimo anno, il ché non significa nulla per i lavoratori brasiliani.

Dati gli attacchi della classe dominante contro i lavoratori, non dovremo aspettare altri due decenni per un nuovo sciopero generale. In un periodo di crisi profonda come quello attuale, il capitalismo è costretto ad attaccare continuamente la classe operaia, i suoi diritti e le sue condizioni di vita. Attacchi che stanno diventando sempre più duri e difficili da sopportare. Ciò significa che stiamo assistendo all’inizio di un periodo di intensa lotta di classe e di sconvolgimenti rivoluzionari.

Gli scioperi nel paese riflettono la radicalizzazione che si è prodotta nella classe operaia. Con una corruzione diffusa e con la prospettiva del miglioramento dei livelli di vita che è sempre più lontana, i lavoratori stanno iniziando a entrare in campo in prima persona.

All’interno di un sistema capitalistico in crisi profonda, nessuna di queste cose è realizzabile. Per eliminare il Brasile dalla corruzione e dall’oppressione è necessario un sistema completamente nuovo. Un ampio settore di giovani sta già raggiungendo conclusioni radicali. Movimenti giovanili socialisti come Liberdade e Luta, promossi da Esquerda Marxista, hanno visto negli ultimi anni un grande successo nell’unire gli studenti nella lotta per una società equa e libera dalle catene del capitalismo. Si tratta di una anticipazione degli sviluppi che nel prossimo periodo vedremo nei più ampi strati della classe operaia.

Articoli correlati

Brasile

Brasile – Uno tsunami contro i tagli all’istruzione, il governo Bolsonaro può essere cacciato!

Il 15 maggio in Brasile si è assistito a uno tsunami di manifestanti che si è abbattuto contro i tagli all’istruzione e la controriforma delle pensioni. Più di 1,5 milioni di persone hanno riempito le strade di oltre 200 città in tutto il paese e lo slogan “Fora Bolsonaro” (Via Bolsonaro) ha risuonato ampiamente in tutte le piazze.

Brasile

Brasile – Fronte unico del movimento operaio, studentesco e popolare per porre fine ai blocchi stradali pro-Bolsonaro

Bolsonaro non ha commentato finora i risultati elettorali perché non vuole accettare la sconfitta, ma non ha trovato alcun sostegno politico per mettere in discussione il risultato. Uno dopo l’altro, i suoi alleati hanno riconosciuto la vittoria di Lula-Alckmin, lasciando Bolsonaro sempre più isolato. Forse ha ancora qualche speranza che i blocchi stradali istituiti dai bolsonaristi radicalizzati possano crescere e fornirgli il sostegno di cui ha bisogno nelle strade per qualche avventura. Ma è una speranza vana.

Brasile

I dipendenti comunali di Florianopolis, esempio di lotta contro gli attacchi!

Dopo 38 giorni di sciopero, di fronte a una pressione brutale da parte dei media, alle minacce di reclusione dei dirigenti del sindacato Sintrasem, e alte giornaliere fino a 100mila reais, i lavoratori hanno imposto un enorme passo indietro al Sindaco e al consiglio comunale di Florianópolis.

Brasile

Prospettive per le elezioni presidenziali in Brasile

Da quando è stato rilasciato dalla prigione, l’ex presidente del Brasile Luiz Inácio Lula da Silva (conosciuto comunemente come Lula), ha visto annullare la sua condanna, è stato dichiarato innocente e sono stati ripristinati i suoi diritti politici. Ora è al primo posto nei sondaggi per le prossime elezioni presidenziali di ottobre, con il 46% contro il 29% dell’attuale presidente, Jair Bolsonaro.

Brasile

Brasile – Per l’indipendenza del Psol! Contro l’entrata nel governo Lula – Alckmin!

All’interno del Partito Socialismo e Libertà (PSOL) si è aperto un dibattito sull’opportunità di entrare nel governo Lula-Alckmin. La seguente lettera aperta è stata redatta dai nostri compagni brasiliani di Esquerda Marxista (Sinistra Marxista), che chiedono alla direzione nazionale del PSOL di respingere la decisione del suo esecutivo nazionale di entrare nella “squadra” di transizione Lula-Alckmin, un primo passo verso l’ingresso in un governo che si è impegnato a portare avanti attacchi alla classe operaia in nome della “responsabilità di bilancio”.

Brasile

Presidenziali in Brasile – Per una posizione di classe al secondo turno

Esquerda marxista invita tutti i suoi sostenitori a votare contro Bolsonaro in questo secondo turno elettorale. Voteremo per il PT, senza alcuna fiducia nel programma di Haddad. L’unico obiettivo è fermare Bolsonaro.