7 novembre 2015

Sciopero del‭ ‬7‭ ‬novembre – I lavoratori del commercio non ci stanno‭!

Mentre Governo e Confindustria attaccano i contratti nazionali insieme al diritto di sciopero,‭ ‬la classe padronale del commercio‭ ‬si presenta ai tavoli di trattativa dei rinnovi nazionali‭ ‬con‭ ‬proposte irricevibili.

Il‭ ‬7‭ ‬novembre‭ ‬è proclamato il primo di due scioperi generali del commercio per i lavoratori delle aziende aderenti a‭  ‬Federdistribuzione,‭ ‬Distribuzione Cooperativa e Confesercenti,‭ ‬che hanno il contratto scaduto da quasi due anni,‭ ‬col rischio concreto quindi di saltare in toto una tornata contrattuale,‭ ‬con forti ripercussioni sui salari dei lavoratori.

La piattaforma unitaria dei sindacati proposta nel‭ ‬2013‭ ‬non è stata presa minimamente in considerazione e,‭ ‬per contro,‭ ‬vengono proposti attacchi a salario,‭ ‬diritti e tempi di vita dei lavoratori.

Le richieste di Federdistribuzione sono terrificanti,‭ ‬propongono un contratto pagato interamente dai lavoratori,‭ ‬con la perdita dei permessi individuali,‭ ‬degli scatti di anzianità,‭ ‬dell’incidenza della‭ ‬13a e‭ ‬14a mensilità‭ ‬sul Tfr,‭ ‬per arrivare alla parte salariale,‭ ‬dove si dichiarano aperti ad un eventuale aumento purché‭ ‬la vigenza sia posticipata al‭ ‬2016-2018‭!

La‭ ‬distribuzione cooperativa invece chiede di abbassare tutte le maggiorazioni,‭ ‬non pagare i primi‭ ‬tre giorni di malattia come avviene nel commercio privato,‭ ‬di abbassare la paga oraria aumentando il divisore orario,‭ ‬e in ultimo,‭ ‬eliminare alcuni inquadramenti intermedi che fino ad oggi riconoscevano la professionalità‭ ‬degli addetti.

Confesercenti tace,‭ ‬aspettando di vedere cosa otterranno i padroni agli altri due tavoli.‭ ‬È di fondamentale importanza che questo sciopero riesca bene e venga organizzato nei migliore dei modi,‭ ‬con assemblee nei luoghi di lavoro,‭ ‬volantinaggi davanti ai negozi,‭ ‬attivi di delegati,‭ ‬per consentire il più ampio coinvolgimento dei lavoratori interessati.

La Filcams deve uscire dalla logica di siglare contratti a tutti i costi,‭ ‬che in questo momento sono solo a perdere per i lavoratori,‭ ‬come quello con Confcommercio,‭ ‬firmato nell’illusione che essere dentro a un contratto nazionale sia comunque una vittoria e nella speranza di sbloccare gli altri tavoli.‭ ‬Ma l’unico effetto sortito è stato quello di essere preso come modello per firmare il vergognoso contratto dei chimici.

I lavoratori devono spingere la Filcams affinché inizi un vero progetto di lotta e di contrasto agli attacchi che stanno subendo i lavoratori,‭ ‬per la tutela dei diritti e del salario e verso la riconquista di quello che ci hanno tolto.

Articoli correlati

Lidl – I padroni vogliono anche i lavoratori a prezzi discount

Il 6 marzo è stata siglata un’ipotesi di accordo di contratto integrativo aziendale tra la Lidl , Fisascat-Cisl e Uiltucs-Uil, la Filcams-Cgil non ha firmato.

Contratto grande distribuzione – I padroni ci vogliono schiavi moderni disorganizzati

Il 13 aprile 2016 si è rotto il tavolo delle trattative tra Federdistribuzione, rappresentante della Distribuzione Moderna Organizzata ( DMO ) e i sindacati di categoria di CGIL, CISL e UIL.egoria di CGIL, CISL e UIL.

Maserati (Modena): nuvole all’orizzonte, è tempo di agire!

Dal primo gennaio 2017 a Modena non si produrranno più vetture Maserati. È quanto emerso nell’incontro delle delegazioni sindacali con i vertici di Fca. L’azienda ha annunciato un piano di 120 esuberi, di cui 15 impiegati. I lavoratori in esubero verranno trasferiti in altre sedi – tra cui la vicina Ferrari – su base volontaria.

Domeniche lavorative in Esselunga, dalla padella alla brace!

Il 22 gennaio del 2016, presso l’hotel NH di Bologna, Esselunga, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs-Uil, hanno siglato una ipotesi di accordo sulla programmazione del lavoro domenicale.

CCNL Confcommercio: un nuovo tipo di tradimento

Il 24 ottobre 2016 Confcommercio, Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil hanno siglato un accordo integrativo al CCNL firmato il 30 marzo 2015. Questo contratto, già criticabile per le ulteriori perdite di diritti (demansionamento, flessibilità oraria) prevedeva un aumento lordo di 85 euro, spalmati su 3 anni in 5 rate. Le ultime due tranche erano previste per novembre 2016 ed agosto 2017. Erano, appunto, perchè questo accordo stabilisce che vengano congelate a causa dell’incertezza economica e la crisi dei consumi.

Contro la sospensione degli aumenti del contratto del commercio

Pubblichiamo l’ordine del giorno presentato al direttivo Filcams-Cgil di Reggio Emilia, contro l’accordo firmato dai sindacati di categoria di Cgil-Cisl-Uil lo scorso 24 ottobre e per il ritiro della firma da parte della Cgil.