22 Novembre 2021 David Rey (da luchadeclases.org)

Sciopero dei metalmeccanici a Cadice – Una “lotta simbolo” per tutta la classe operaia spagnola, che deve vincere!

La classe operaia del settore metallurgico  a Cadice sta combattendo una battaglia magnifica in difesa del potere d’acquisto dei salari, una battaglia che è una fonte di ispirazione per tutti i lavoratori dello Stato spagnolo. Di fronte all’avidità dei padroni, alla repressione della polizia e agli attacchi della stampa sul libro paga del capitale, la determinazione dei lavoratori è quella di lottare fino alla fine.

Sono ormai 4 giorni di sciopero a oltranza in uno dei conflitti più aspri in questo settore e in questa provincia a memoria d’uomo. Coinvolge 29.000 lavoratori e 5.600 aziende, comprese le grandi fabbriche nella baia di Cadice, come Navantia e Airbus, tra gli altri.

La cosa più importante da sottolineare è che lo sciopero è stato indetto da tutte le forze sindacali del settore: CCOO, UGT, CGT, Coordinadora de Trabajadores del Metal, ecc. Questo spiega il carattere di massa e la forza che il movimento ha mostrato finora, considerato che lo sciopero ha visto un’adesione praticamente totale.

I lavoratori, dopo il mancato rinnovo del contratto rivendicano un miglioramento salariale, e chiedono correttamente un aumento dei salari del 5,4% per quest’anno, che è esattamente lo stesso dell’aumento dei prezzi negli ultimi 12 mesi, secondo l’INE (l’equivalente dell’Istat, ndt). I lavoratori chiedono quindi di mantenere il potere d’acquisto dei salari e condizioni di vita decenti per le loro famiglie. Questo è tanto più importante in quanto i profitti delle aziende sono tornati a crescere. Solo le società quotate in borsa hanno raccolto più di 30 miliardi di euro di profitti nel primo semestre di quest’anno, e questo flusso di denaro ha riguuardato anche le piccole e medie imprese. Che dire dei favolosi profitti delle società elettriche, dei rentiers e delle società immobiliari, della grande distribuzone ecc. che stanno svuotando le tasche dei lavoratori con i maggiori aumenti dei prezzi degli ultimi 30 anni!

Inoltre, i sindacati chiedono aumenti del 2% e del 3% nei prossimi anni, a partire dalla firma di un nuovo accordo nel gennaio 2022, quando scadrà quello attuale.

Da parte loro, i datori di lavoro offrono solo un misero e insultante aumento dello 0,5% quest’anno e dell’1,5% nei due anni successivi. Questo è inaccettabile, e ha infiammato l’accumulo di malcontento e rabbia tra i lavoratori della provincia con il più alto livello di disoccupazione in Spagna, il 23,4%. I datori di lavoro del settore metalmeccanico di Cadice usano l’abbondante forza lavoro disoccupata come forma di ricatto per abbassare i salari, mentre vendono i loro prodotti al prezzo convenzionale, aumentato dall’inflazione, che viene pagato in tutto lo stato, realizzando così profitti extra.

Naturalmente i media sul libro paga della borghesia non hanno tardato a lanciare il loro odio di classe contro i metalmeccanici, il settore più combattivo e dotato di coscienza di classe del proletariato che ha una grande e gloriosa tradizione di lotta nella Baia di Cadice. Hanno incolpato i lavoratori di aver ostruito l’ospedale di La Línea de la Concepción, il che era falso e c’era solo un problema temporaneo in una delle due entrate del centro. Sono stati anche falsamente accusati di bloccare il passaggio delle ambulanze o di aggredire un camionista che non rispettava il picchetto dei lavoratori. In reazione a queste menzogne, decine di operatori sanitari sono usciti ai cancelli degli ospedali e dei centri sanitari della baia per applaudire i lavoratori in sciopero che stavano manifestando in corteo in questi giorni.

Ora, non intendiamo semplicemente applaudire e mostrare la nostra solidarietà a questa lotta coraggiosa ed eroica che ci ricorda che la classe operaia, ne settore dell’industria in particolare, è la forza più combattiva e decisiva nella società per combattere le ingiustizie di ogni tipo, a cominciare dallo sfruttamento del lavoro.

Questa lotta deve trionfare, e può e deve trionfare. La prima condizione è mantenere l’unità nella lotta e nello sciopero. In questo senso, i dirigenti della CCOO e della UGT hanno la massima responsabilità, e i lavoratori devono esercitare la massima pressione su di loro per non cedano o si lascino coinvolgere in trattative e accordi alle spalle della base. Tutto deve essere discusso e approvato in assemblee di massa e democratiche dei lavoratori, in assemblee generali di settore e non azienda per azienda. O vinciamo uniti o perdiamo divisi.

Dobbiamo essere chiari. L’Associazione degli industriali del settore metalmeccanico di Cadice ha dietro di sé l’intera associazione industriale dello stato. Ha una solo imperativo: cercare di resistere e non cedere alle lotte, perché una vittoria dei lavoratori di Cadice manderebbe un segnale di entusiasmo a tutta la classe operaia spagnola, che potrebbe seguire il loro esempio. Temono giustamente un’esplosione di scioperi sui salari, sulla scia dell’inarrestabile aumento dei prezzi che stiamo subendo. Dopo la parziale vittoria dei lavoratori della Tubacex ad Alava, è di estremo interesse per la borghesia spagnola sconfiggere i metalmeccanici di Cadice, così come è di estremo interesse per la classe operaia spagnola ottenere la vittoria dei loro fratelli a Cadice. La lotta di Cadice è una “lotta simbolo” per tutti i lavoratori dello stato. Mantenere uno sciopero a tempo indeterminato è molto logorante, i lavoratori di Cadice hanno bisogno di sentire l’incoraggiamento e il sostegno dei loro fratelli e sorelle di tutto lo Stato spagnolo.

Di conseguenza, dobbiamo dare la massima solidarietà e sostegno alla lotta a Cadice, lanciare casse di resistenza ovunque e in tutte le aziende, unire le lotte isolate che si stanno svolgendo in diverse zone (come la Galizia e Euskadi) con lo sciopero dei metalli a Cadice.

La classe operaia di tutto lo stato spagnolo deve capire che una parte del suo futuro immediato è in gioco a Cadice. Tutto il nostro sostegno a questa coraggiosa lotta, sotto lo slogan: ¡Unión Hermanos Proletarios! ¡Todos Juntos Hasta Vencer!

Articoli correlati

Spagna

Due Spagne‭ ‬allo scontro

Le elezioni del‭ ‬20‭ ‬dicembre cadranno nel periodo più turbolento della storia spagnola sin dalla fine della Transizione‭ (‬1978‭)‬.‭ ‬Il governo di destra di Rajoy è il più antioperaio e corrotto da decenni.

Spagna

Il colpo di stato della Spagna contro la democrazia in Catalogna

Sabato 21 ottobre a Barcellona 450mila persone sono scese in corteo mentre altre decine di migliaia l’hanno fatto in diverse altre città, grandi e piccole, in tutta la Catalogna, per chiedere la libertà per i due Jordi e respingere il colpo di stato avvenuto tramite l’applicazione dell’articolo 155 annunciata dal presidente spagnolo Rajoy il mattino del 21 ottobre.

Spagna

Catalogna – Libertà per i prigionieri politici! Respingiamo il 155! Sciopero generale!

Pubblichiamo la traduzione del volantino che i compagni di Revolució, il giornale catalano della Tendenza marxista internazionale, stanno distribuendo in queste ore nelle proteste di massa contro l’arresto di otto ministri del governo catalano.

Spagna

Catalogna – Liberazione nazionale e lotta di classe: intervista a Vidal Aragonés

Intervistiamo Vidal Aragonés, consigliere comunale di Cornellà de Llobregat (città operaia dell’hinterland di Barcellona. NdT) per Cornellà en Comù-Crida per Cornellà, avvocato del lavoro che collabora con differenti sindacati di classe tra i più combattivi, in particolare i portuali; professore di diritto del lavoro alla UAB (Università autonoma di Barcellona), uno dei difensori più conseguenti dell’indipendenza catalana da un punto di vista marxista.

Spagna

Elezioni catalane: un forte voto indipendentista non raggiunge per poco la maggioranza assoluta

Sulla base di un’affluenza decisamente in crescita, pari al 77% (10 punti in più del 2012) le elezioni catalane hanno fornito una maggioranza di seggi ai partiti favorevoli all’indipendenza i quali, tuttavia, non hanno raggiunto una maggioranza assoluta di voti.

Spagna

Alcune note sulle elezioni catalane

1- Mas voleva una maggioranza assoluta e non ce l’ha, assieme i due partiti catalani raccolgono 62 seggi contro i 71 che CiU e ERC avevano raccolto presentandosi separatamente nel 2012.