Sanità privata: 5000 giorni senza rinnovo del contratto

Sono 13 anni che il contratto nazionale della sanità privata è fermo. Circa 300mila lavoratori del settore hanno gli stipendi bloccati al 2007, quasi 5000 giorni. Anni in cui la crisi economica e un’inflazione complessiva superiore al 15% hanno eroso i bilanci familiari.

Ci riferiamo a un settore, secondo l’ultimo report di Mediobanca, da circa 40 miliardi di euro l’anno, pari quasi al 24% della spesa sanitaria nazionale totale, formato da grandi gruppi economici e finanziari, come Gruppo San Donato, Humanitas, Gvm, Kos, Ieo, Servisan, Multimedica, Giomi-Fingemi, Eurosanità, Raffaele Garofalo & Co. Un giro d’affari che consente l’accumulazione di lauti profitti, nonostante il 90% circa delle strutture sanitarie e delle prestazioni rientri nel servizio sanitario nazionale mediante il sistema dell’accreditamento. In altre parole, viene quasi interamente pagato dai bilanci regionali, in ultima analisi dalla fiscalità generale. Questi gruppi, assieme ad altre proprietà minori, sono organizzate in due associazioni datoriali, Aiop, collegata a Confindustria, e Aris, associazione cattolica.

Solo nell’ultimo anno sono stati proclamati scioperi e presidi in diverse regioni d’Italia, da parte di Cgil Cisl Uil, a cominciare dal Lazio fino alla Lombardia, tra le ultime ad essersi mobilitata. Le regioni citate, assieme a Veneto, Campania e Calabria sono tra quelle che vedono una presenza del privato più alta, attorno al 50% dell’offerta sanitaria territoriale.

In 13 anni non è stato proclamato nemmeno uno sciopero generale nazionale di tutta la categoria. O meglio, era stato proclamato il 20 settembre scorso ma due giorni prima è stato revocato (“sospeso”) di fronte alla semplice disponibilità padronale riprendere la trattativa.

Nel mese di novembre, dopo l’intervento del ministro Speranza, la Conferenza Stato Regioni, mediante il suo presidente, nonché presidente della Regione Emilia Romagna, Bonaccini, si è impegnata nei confronti di Aiop e Aris, sottoscrivendo un’intesa, a sovvenzionare attraverso il finanziamento regionale, il 50% del costo complessivo del rinnovo contrattuale attraverso un aumento del budget delle prestazioni. Tradotto, vuol dire che per aumentare (ma di quanto?) gli stipendi con 13 anni di ritardo a lavoratori e professionisti della sanità privata aumenterà la “produzione” a favore del privato, garantita da risorse pubbliche.

L’annullamento della giornata di sciopero nazionale ha indebolito ulteriormente i lavoratori del comparto. In questi anni nulla si è fatto, da parte sindacale, per unificare le vertenze, a partire da quelle dei lavoratori della sanità pubblica e privata. Una volta di più è sotto i nostri occhi la più lampante delle verità: senza lotta non c’è nulla di buono per i lavoratori, per il servizio pubblico e per il diritto alla salute, ed è dalla lotta che si deve ripartire.

Tra i lavoratori c’è un misto di rassegnazione, di chi non ci crede più, e di (tanta) rabbia di chi, giustamente, vuole che questo rinnovo contrattuale ridia tutto ciò che si è perso in questi anni. È con questo spirito che ne andrà valutato l’esito da parte di chi, come noi, non intende accettare passivamente un rinnovo a perdere per i lavoratori.

Articoli correlati

Sindacato

Un terremoto politico di cui non si traggono le conseguenze – Intervento di Mario Iavazzi al direttivo nazionale Cgil

La Cgil ha solo un compito che possa contribuire a ricostruire una sinistra, una sinistra di classe. Non c’è sinistra senza conflitto di classe. In Europa sono nati, o comunque si sono sviluppate, forze di sinistra di massa solo dopo lo sviluppo di grandi movimenti, di lotte generali e unificanti. Lo abbiamo visto in Spagna, in Francia, in Grecia anni fa, prima del tradimento della stessa sinistra.

Sindacato

Grande successo della prima conferenza nazionale dei lavoratori di Sinistra classe rivoluzione

Preceduta da una ventina di conferenze locali, alla presenza di un centinaio di delegati provenienti da tutta Italia, si è svolta a Reggio Emilia il 13 e 14 febbraio la prima conferenza nazionale dei lavoratori di Sinistra Classe Rivoluzione.

Sindacato

Arianna Mancini: le ragioni della mia uscita dall’USB

Con questa lettera mi rivolgo ai tanti delegati e lavoratori che in questi anni ho avuto modo di incrociare nel mio percorso, con i quali ho collaborato e che considero onesti politicamente, a loro intendo spiegare i motivi per i quali ritengo conclusa la mia esperienza nell’Unione Sindacale di Base nella speranza che condividano l’analisi e le conclusioni che ne traggo e che vogliano sottoscrivere il presente comunicato, per dare un segnale ad una dirigenza autoritaria e incapace di svolgere il suo ruolo di direzione di un sindacato di classe.

Lotte e Sindacato

Castelfrigo – Lezioni di tre mesi di lotta

E’ notizia di queste ore che finalmente la Cgil, dopo l’ennesima provocazione del padrone di Castelfrigo ha deciso di fare quello che noi da mesi abbiamo suggerito e scritto, ovvero alzare il livello dello scontro e bloccare le merci. Questo ennesimo episodio di arroganza padronale, la scelta conseguente della Cgil e la velleità degli accordi regionali e delle “commissioni antimafia” confermano in pieno quanto sostenuto nell’articolo che stiamo pubblicando e che è stato scritto non più tardi di dieci giorni fa.

Sindacato

Mario Iavazzi – Il disorientamento della Cgil

Pubblichiamo l’intervento di Mario Iavazzi al Direttivo nazionale della Cgil del 23 luglio scorso.

Lotte e Sindacato

Svizzera – La gioventù del sindacato Unia appoggia l’appello “I lavoratori non sono carne da macello”!

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera di appoggio alla nostra campagna proveniente dai giovani di uno dei principali sindacati svizzeri.