Sanità privata: 5000 giorni senza rinnovo del contratto

Sono 13 anni che il contratto nazionale della sanità privata è fermo. Circa 300mila lavoratori del settore hanno gli stipendi bloccati al 2007, quasi 5000 giorni. Anni in cui la crisi economica e un’inflazione complessiva superiore al 15% hanno eroso i bilanci familiari.

Ci riferiamo a un settore, secondo l’ultimo report di Mediobanca, da circa 40 miliardi di euro l’anno, pari quasi al 24% della spesa sanitaria nazionale totale, formato da grandi gruppi economici e finanziari, come Gruppo San Donato, Humanitas, Gvm, Kos, Ieo, Servisan, Multimedica, Giomi-Fingemi, Eurosanità, Raffaele Garofalo & Co. Un giro d’affari che consente l’accumulazione di lauti profitti, nonostante il 90% circa delle strutture sanitarie e delle prestazioni rientri nel servizio sanitario nazionale mediante il sistema dell’accreditamento. In altre parole, viene quasi interamente pagato dai bilanci regionali, in ultima analisi dalla fiscalità generale. Questi gruppi, assieme ad altre proprietà minori, sono organizzate in due associazioni datoriali, Aiop, collegata a Confindustria, e Aris, associazione cattolica.

Solo nell’ultimo anno sono stati proclamati scioperi e presidi in diverse regioni d’Italia, da parte di Cgil Cisl Uil, a cominciare dal Lazio fino alla Lombardia, tra le ultime ad essersi mobilitata. Le regioni citate, assieme a Veneto, Campania e Calabria sono tra quelle che vedono una presenza del privato più alta, attorno al 50% dell’offerta sanitaria territoriale.

In 13 anni non è stato proclamato nemmeno uno sciopero generale nazionale di tutta la categoria. O meglio, era stato proclamato il 20 settembre scorso ma due giorni prima è stato revocato (“sospeso”) di fronte alla semplice disponibilità padronale riprendere la trattativa.

Nel mese di novembre, dopo l’intervento del ministro Speranza, la Conferenza Stato Regioni, mediante il suo presidente, nonché presidente della Regione Emilia Romagna, Bonaccini, si è impegnata nei confronti di Aiop e Aris, sottoscrivendo un’intesa, a sovvenzionare attraverso il finanziamento regionale, il 50% del costo complessivo del rinnovo contrattuale attraverso un aumento del budget delle prestazioni. Tradotto, vuol dire che per aumentare (ma di quanto?) gli stipendi con 13 anni di ritardo a lavoratori e professionisti della sanità privata aumenterà la “produzione” a favore del privato, garantita da risorse pubbliche.

L’annullamento della giornata di sciopero nazionale ha indebolito ulteriormente i lavoratori del comparto. In questi anni nulla si è fatto, da parte sindacale, per unificare le vertenze, a partire da quelle dei lavoratori della sanità pubblica e privata. Una volta di più è sotto i nostri occhi la più lampante delle verità: senza lotta non c’è nulla di buono per i lavoratori, per il servizio pubblico e per il diritto alla salute, ed è dalla lotta che si deve ripartire.

Tra i lavoratori c’è un misto di rassegnazione, di chi non ci crede più, e di (tanta) rabbia di chi, giustamente, vuole che questo rinnovo contrattuale ridia tutto ciò che si è perso in questi anni. È con questo spirito che ne andrà valutato l’esito da parte di chi, come noi, non intende accettare passivamente un rinnovo a perdere per i lavoratori.

Articoli correlati

Sindacato

Da dove ripartire – Sulla crisi dell’area di opposizione in Cgil

Venerdì 13 maggio, abbiamo appreso, con un post su Facebook, che il portavoce dell’area Il sindacato è un’altra cosa, Sergio Bellavita, e le compagne Maria Pia Zanni (direttivo nazionale Cgil) e Stefania Fantauzzi (Rsa Fiom-Cgil Fiat Termoli) dell’esecutivo nazionale, hanno annunciato l’uscita dalla Cgil.

Sindacato

Il sindacato e l’obbligo vaccinale

Siamo decisamente lontani da una posizione che esprima la necessità della massima diffusione della campagna vaccinale, lottando per l’abolizione dei brevetti e una ricerca totalmente pubblica, della prevenzione e delle cure, a partire da un drastico aumento dei finanziamenti alla sanità pubblica, opponendosi a qualsiasi forma di discriminazione di lavoratrici e lavoratori, siano essi l’accesso alla mensa, ai trasporti o al diritto al lavoro.

Sindacato

Sul Coordinamento Nazionale del Sindacato è un’altra cosa del 14 Giugno

Il 14 Giugno si è tenuta la prima riunione del Coordinamento nazionale del Sindacato è un’altra Cosa dopo l’uscita dell’ex portavoce e di altri compagni dall’Area. Al Coordinamento, dopo una

Lotte e Sindacato

Scala mobile dei salari – Una rivendicazione chiave contro l’inflazione

Dopo decenni di prezzi stabili, l’inflazione esplode in Italia e nel mondo. L’Istat stima per il 2022 un aumento dei prezzi del 4,8: una previsione ottimistica che la guerra in Ucraina ha già seppellito. I prezzi stanno semplicemente esplodendo. Si pone il problema urgente di difendere salari e stipendi da questa catastrofe. Per capire come, è necessario vedere come in passato la classe operaia ha lottato contro il carovita.

Sindacato

Tim: vincere è possibile!

Pubblichiamo il volantino che il Sindacato è un’altra cosa – Opposizione in Cgil diffonderà domani allo sciopero dei lavoratori Tim.

Sindacato

Governo e padroni alzano il tiro: quando risponde la Cgil?

Giovedì 18 settembre i lavoratori dei Beni culturali di Roma del Colosseo e altri siti si sono riuniti in assemblea sindacale per discutere di mesi di straordinari non pagati e della carenza cronica di personale.