San Camillo di Roma – Sì al concorso, no all’obiezione di coscienza

Ieri il Presidente della regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha annunciato l’assunzione di due medici non obiettori di coscienza presso l’Ospedale San Camillo di Roma. Questi medici hanno partecipato a un concorso indetto nel 2015 solo per medici non obiettori: Verranno assegnati al settore del Day Hospital e Day Surgery per l’applicazione della legge 194 come si legge nell’articolo 12 del bando. Il bando è stato pubblicato con questa caratteristica per garantire un servizio sanitario, cioè l’applicazione dell’interruzione di gravidanza prevista dalla legge 194, il cui accesso in molti ospedali italiani è ostacolato dal diffuso ricorso all’obiezione di coscienza.

Si sono subito scatenate le polemiche. Dal Ministro della salute Lorenzin ai cardinali e i vescovi, passando per la stampa di destra, tutti hanno espresso la massima indignazione. Il Ministro ha già dichiarato che non c’è una legge che prevede un concorso con questo tipo di selezione e il Presidente della Corte Costituzionale ha già messo in dubbio la validità del bando. La Cei parla addirittura di “grave discriminazione” nei confronti dei medici obiettori. Per questi ipocriti reazionari, tutti uniti in questa nuova crociata, il mondo è proprio capovolto!

Nel Lazio i medici obiettori hanno raggiunto una percentuale pari all’80,7%. Nella maggior parte degli ospedali romani e nazionali non c’è possibilità di applicare interruzione di gravidanza a causa della totale mancanza di medici non obiettori. Questo ha portato a un aumento del numero di aborti clandestini e dal 2008 ad oggi si registrano 20mila casi di interruzione di gravidanza illegali. La discriminazione esiste, dunque, ma verso le donne alle quali da decenni viene negato un diritto sancito da una legge!

L’obiezione di coscienza è uno strumento usato dal personale medico per fare carriera nei siti ospedalieri e non rimanere marginalizzati nei piccoli reparti, visto che nella maggior parte dei casi i medici che sono obiettori di coscienza negli ospedali pubblici diventano “non obiettori” quando si trovano nelle loro cliniche private e a pagamento svolgono interruzioni di gravidanza.

Accogliamo in maniera positiva l’iniziativa del bando della regione Lazio ma la nostra lotta è per la completa abolizione dell’obiezione di coscienza  per i medici e tutto il personale paramedico. Solo in questo modo la 194 può essere applicata in toto! Bisogna continuare a difendere la 194 e il diritto delle donne di poter scegliere come gestire la propria vita e il proprio corpo.
Ribadiamo a voce alta il nostro no all’obiezione di coscienza dentro gli ospedali e dentro i consultori.

Articoli correlati

Donne

Contro la violenza sulle donne, per un’alternativa rivoluzionaria!

L’8 marzo 2017 non sarà un 8 marzo come tutti gli altri. Viviamo in un sistema che non è più in grado nemmeno di far finta di garantire condizioni di vita decenti alla maggioranza della popolazione e questo si riflette in modo particolarmente odioso soprattutto sulle donne, ma da qualche mese a questa parte in decine di paesi in tutto il mondo abbiamo visto centinaia di migliaia di donne esprimere tutta la loro rabbia contro il sistema, scendendo in piazza per lottare per la difesa dei propri diritti.

Donne

La realtà delle lavoratrici della ristorazione: il piatto piange

L’8 marzo è alle porte, peccato che le donne non abbiano proprio nulla da festeggiare. A tal proposito proprio un settore particolarmente a rischio è quello della ristorazione/mense collettive di cui l’80% della manodopera è femminile.

Lotta al precariato

Per essere belle chi deve soffrire? – Una testimonianza sullo sfruttamento delle lavoratrici nel settore cosmetico

Dopo la crisi del 2008, il cremasco, zona settentrionale della provincia di Cremona, ha assistito al boom dell’industria cosmetica: dalla produzione, al packaging; dal riempimento, al confezionamento. Sul territorio coesistono tanto la grande multinazionale cosmetica che si occupa di tutti i vari processi produttivi, quanto la piccola azienda a gestione familiare che si occupa principalmente di confezionamento in conto terzi.

Donne

Marxista-femminista?

È davvero necessario definirmi femminista per rendere chiaro il mio impegno rispetto all’emancipazione della donna, così come rispetto all’emancipazione della mia classe?

Donne

23 novembre – Donne ancora in piazza!

Il 23 novembre scenderemo nuovamente in piazza a Roma per la manifestazione nazionale “Siamo rivolta”, contro la violenza di genere. Che ci sia la necessità di mobilitarsi contro l’oppressione e le discriminazioni contro le donne ce lo ricorda ogni giorno la cronaca, in Italia e nel mondo.

Studenti

Lottare contro gli abusi anche nella scuola!

Ci sono persone che sostengono che, vivendo nel 21esimo secolo, non ci sia più bisogno di lottare; queste persone, che sono chiaramente scollegate dalla realtà che hanno intorno, usano esempi