Salento: ancora repressione contro i No-Tap

Dopo il successo delle ultime azioni da parte degli attivisti No-Tap, le istituzioni salentine hanno sentito il bisogno di riaffermare il loro servilismo nei confronti delle multinazionali che stanno saccheggiando il territorio.
52 giovani attivisti sono stati fermati mentre erano nelle vicinanze della zona rossa di San Basilio, dove si trova il cantiere per la costruzione della Trans-Adriatic Pipeline. Ammanettati e portati in questura a Lecce, per lungo tempo non hanno potuto comunicare con l’esterno ed è stato negato l’accesso anche ai loro legali. Un’azione repressiva di tale portata non sarebbe giustificata da nessuna azione violenta o aggressiva: agli arrestati, a quanto si apprende in queste ore, sarebbero contestate solo multe per manifestazione non autorizzata o lancio di fumogeni.
È evidente che questo provvedimento si inserisce totalmente nella volontà, da parte delle istituzioni, di annichilire il dissenso montante che si è espresso chiaramente negli ultimi giorni.
Dopo lo sciopero nel comune di Melendugno di Mercoledì scorso e dopo la grande manifestazione per le strade di Lecce dell’8 Dicembre (in contemporanea con le iniziative in Val Susa) i tutori dell’ordine hanno lanciato un segnale nei confronti dei padroni di Tap, facendo capire di essere disposti ad andare fino in fondo con la repressione e la violenza pur di non bloccare i flussi di capitale che sorreggono questa ennesima opera inutile.

Dietro a questa apparente prova di forza da parte delle istituzioni si nasconde tutta la loro debolezza e la loro paura che un movimento generalizzato e di massa possa da un momento all’altro far crollare la loro torre d’avorio.

Estendere la mobilitazione coinvolgendo il movimento operaio organizzato e portando le ragioni No-Tap in tutti i comuni della provincia è la risposta migliore che si possa contrapporre alla violenza poliziesca.

p.s. Intanto il PD, dietro al suo anti-fascismo di facciata, continua a sostenere una repressione degna di un regime autoritario.

Articoli correlati

Ambiente

Acqua alta e sopravvivenza di Venezia – Il capitale non guarda in faccia a nessuno!

Quelli appena trascorsi sono stati giorni difficili per la città di Venezia e per i suoi abitanti, data la straordinaria violenza con cui le maree del 12 novembre e quelle successive hanno piegato la città. Questo è il segno che i cambiamenti climatici causati dallo sfruttamento incontrollato delle risorse ambientali e dall’inquinamento scellerato da parte delle grandi industrie ha compromesso il già fragile ecosistema della laguna veneta.

Giovani

Non un passo avanti – Un bilancio della seconda assemblea nazionale di Fridays for Future

Il 5 e 6 ottobre si è tenuta a Napoli la seconda assemblea nazionale di Friday for Future (FFF). Il primo giorno si sono svolti in contemporanea tre workshop (giustizia climatica, struttura interna, comunicazione e pratiche), il secondo l’assemblea plenaria.

Ambiente

Solidarietà al Movimento No Tav dal Congresso di Sinistra classe rivoluzione

Il congresso di Sinistra Classe Rivoluzione sezione italiana della TMI riunito a Milano nei giorni 7-8-9 Dicembre conferma il proprio supporto alla lotta del Movimento No TAV.

Meridione

De Luca alla guerra del Coronavirus

Da quando è iniziata la pandemia, il presidente della Campania Vincenzo De Luca imperversa sugli schermi televisivi, dei computer e dei cellulari di mezza Italia. In De Luca, però, non c’è solo mania di protagonismo.

Ambiente

No Triv – Vota SÌ e lotta contro Renzi e i petrolieri

Votiamo Sì al referendum del 17 Aprile. Ma non fermiamoci qui, il referendum è solo un inizio: senza lotte, senza pressione dal basso, il governo è pronto a rimangiarsi quanto “concesso”, e con gli interessi.

Ambiente

15 marzo, Global climate strike – 23 marzo, corteo contro le grandi opere: il nostro volantino

Venerdì 15 marzo è la volta anche in Italia del “global climate strike”, lo sciopero generale per il clima. Già decine di migliaia gli studenti sono scesi in piazza in