10 Dicembre 2017

Salento: ancora repressione contro i No-Tap

Dopo il successo delle ultime azioni da parte degli attivisti No-Tap, le istituzioni salentine hanno sentito il bisogno di riaffermare il loro servilismo nei confronti delle multinazionali che stanno saccheggiando il territorio.
52 giovani attivisti sono stati fermati mentre erano nelle vicinanze della zona rossa di San Basilio, dove si trova il cantiere per la costruzione della Trans-Adriatic Pipeline. Ammanettati e portati in questura a Lecce, per lungo tempo non hanno potuto comunicare con l’esterno ed è stato negato l’accesso anche ai loro legali. Un’azione repressiva di tale portata non sarebbe giustificata da nessuna azione violenta o aggressiva: agli arrestati, a quanto si apprende in queste ore, sarebbero contestate solo multe per manifestazione non autorizzata o lancio di fumogeni.
È evidente che questo provvedimento si inserisce totalmente nella volontà, da parte delle istituzioni, di annichilire il dissenso montante che si è espresso chiaramente negli ultimi giorni.
Dopo lo sciopero nel comune di Melendugno di Mercoledì scorso e dopo la grande manifestazione per le strade di Lecce dell’8 Dicembre (in contemporanea con le iniziative in Val Susa) i tutori dell’ordine hanno lanciato un segnale nei confronti dei padroni di Tap, facendo capire di essere disposti ad andare fino in fondo con la repressione e la violenza pur di non bloccare i flussi di capitale che sorreggono questa ennesima opera inutile.

Dietro a questa apparente prova di forza da parte delle istituzioni si nasconde tutta la loro debolezza e la loro paura che un movimento generalizzato e di massa possa da un momento all’altro far crollare la loro torre d’avorio.

Estendere la mobilitazione coinvolgendo il movimento operaio organizzato e portando le ragioni No-Tap in tutti i comuni della provincia è la risposta migliore che si possa contrapporre alla violenza poliziesca.

p.s. Intanto il PD, dietro al suo anti-fascismo di facciata, continua a sostenere una repressione degna di un regime autoritario.

Articoli correlati

Lotta contro la TAP: vincere è possibile!

Continua nel Salento la lotta contro la TAP (Trans Adriatic Pipeline), mega-gasdotto che, attraversando la Grecia, dovrebbe portare il combustibile dall’Azerbaigian fino alle coste salentine, per proseguire poi fino in Nord Europa. Centinaia di attivisti stanno in questi giorni portando avanti iniziative pacifiche ma decise per cercare di impedire i lavori di realizzazione di questa grande opera inutile.

NO TRIV, NO OMBRINA – La lotta non va in ferie

Il Governo continua ad andare a testa bassa con lo “Sblocca Italia” che porterà grandi vantaggi al potere economico e capitalistico ma che arrecherà notevoli danni all’ambiente e conseguentemente alla

Non un passo indietro. I lavoratori di Gela in lotta!

Lunedì 18 gennaio circa 2500 lavoratori, tra indotto e diretto, hanno proclamato lo sciopero ad oltranza bloccando tutti gli accessi alla raffineria e alla città. Una città che di fatto vive grazie al lavoro della raffineria e che ora progressivamente sta morendo. Ai lavoratori in protesta si sono uniti familiari, negozianti e artigiani, fino al corteo di oggi 26 gennaio, in quella che non è più solo una vertenza aziendale ma è una lotta di tutta la città.

Il capitalismo sta uccidendo il pianeta… Abbiamo bisogno di una rivoluzione!

“L’oceano si sta sollevando, e lo siamo facendo anche noi.” era quello che si leggeva su un cartellone al recente corteo #YouthStrike4Climate a Londra. I giovani di tutto il mondo stanno scendendo in piazza per affrontare il problema scottante della nostra epoca: la catastrofe climatica imminente.
La dichiarazione della Tendenza marxista internazionale

No Triv – Vota SÌ e lotta contro Renzi e i petrolieri

Votiamo Sì al referendum del 17 Aprile. Ma non fermiamoci qui, il referendum è solo un inizio: senza lotte, senza pressione dal basso, il governo è pronto a rimangiarsi quanto “concesso”, e con gli interessi.

“Siamo l’oceano che si solleva contro il sistema!”

La giornata del 15 marzo ha visto decine di città italiane invase decine e decine di migliaia di manifestanti, il cui settore principale era una marea di studenti delle superiori. Abbiamo preso parte e contribuito a promuovere manifestazioni come da tempo non se ne vedevano, per numeri, spontaneità e partecipazione attiva.