Saldi estivi: raddoppia la tassa del Conservatorio!

Il Conservatorio G. Verdi di Milano ha deciso di raddoppiare la prima rata della tassa d’iscrizione, passando da 600 euro a 1200 euro. Tutto questo senza spiegare le ragioni di questo spropositato aumento.

Gli studenti hanno ricevuto dall’oggi al domani, solo un mese prima della scadenza di pagamento, questa notizia. Nulla aveva fatto presagire ciò. Anche perché già negli anni precedenti vi erano stati aumenti del 100% della prima rata, si è passati dal 2014 in cui la rata era di 300 euro al 2015 in cui la rata è raddoppiata. Un aumento esponenziale negli ultimi 4 anni che ha dell’incredibile!!

Gli studenti che hanno già difficoltà a permettersi gli studi, in cui vanno inclusi la manutenzione o l’acquisto di strumenti adatti allo studio che hanno costi elevati, si trovano oggi il peso di una rata da 1200 euro, uno stipendio medio mensile. Si badi bene che si parla solo della prima rata, che è esclusa dal calcolo ISEE. Ancor di più saranno penalizzati gli studenti fuori sede, che oltre a tasse e strumentazione devono pagarsi un affitto e trovare i mezzi per vivere tutti i giorni, ed in un conservatorio, proprio per la sua particolarità non sono pochi.

Le esenzioni previste sono molto limitate, chi ha un reddito ISEE sotto i 13000 euro ed è in corso con gli studi ha l’esonero totale della prima rata, chi sotto i 30000 euro avrà uno sconto: sono davvero pochi gli studenti che hanno tali requisiti, la maggior parte fa ancora parte del nucleo famigliare di provenienza, dove facilmente sono superati i 30000 euro ISEE.

Questo provvedimento è in linea col progetto che i vari governi succedutisi negli anni portano avanti verso i Conservatori, la loro riduzione di numero! La riduzione degli studenti facilita l’accorpamento degli istituti!

Questa è la politica dettata dai tagli al welfare, una politica di classe in cui solo gli studenti di famiglie abbienti possono permettersi di completare tutto il percorso di studi.

Per contrastare questa scelta, per non subire nuovi attacchi al nostro diritto allo studio e alla cultura organizziamoci!

Assemblea pubblica Mercoledì 19 Luglio alle 14.00

via Conservatorio 12 piazza antistante i tornelli

Per info: Edoardo 3293370479

Articoli correlati

Studenti

Milano – La scuola borghese offre corsi di sopravvivenza: in classe coi secchi.

Due gocce d’acqua son state sufficienti a rendere lo scorso lunedì [29 ottobre] un vero e proprio incubo in una miriade di scuole italiane. Negli ultimi giorni è diventato virale il video del crollo del controsoffitto di un’aula del Politecnico di Milano, con sede a Bovisa.

Studenti

Università – Costi, caos, svendita ai privati: la misura è colma

Il nostro volantino sulla situazione nell’università italiana. Leggilo e diffondilo nel tuo ateneo!

Studenti

“Dio lo vuole” la crociata della preside del Selmi

“Deus vult!”(Dio lo vuole): queste sono state le parole di Luciana Contri, preside dell’istituto modenese “F. Selmi”, quando ha tentato di impedire che i rappresentanti dell’Arcigay, invitati dagli studenti, potessero

Studenti

Alziamo la testa! Nasce il coordinamento 2 maggio

Sabato scorso si è riunita l’assemblea online lanciata con il questionario “La didattica ai tempi del Coronavirus”. Hanno partecipato 93 studenti da tutta Italia. Al termine dell’assemblea è stato lanciato il Coordinamento 2 maggio.
Pubblichiamo il testo dell’appello finale, che raccoglie la discussione dell’assemblea e lancia la costruzione di collettivi verso la prossima assemblea nazionale del 6 giugno. Invitiamo i nostri lettori a farlo circolare a studenti, collettivi e realtà studentesche.

Studenti

Grande successo della Conferenza di Sempre in lotta

Non possiamo che fare questo bilancio della nostra Conferenza nazionale, che si è tenuta a Milano dal 2 al 4 aprile. Il dibattito si è aperto con una discussione sul

Lotta al precariato

La mobilitazione dei dottorandi dell’Università La Sapienza – Non far pagare ai precari le conseguenze dell’emergenza

La pandemia di Coronavirus ha fortemente impattato su molteplici ambiti del mondo del lavoro e della società italiana. Andando spesso ad aggravare contraddizioni già esistenti ed a colpire duramente i soggetti più deboli e più precari. Quello che è accaduto nel mondo dell’università e della ricerca pubblica non sfugge a questo contesto generale.