14 gennaio 2016

Saeco: “Resistere un minuto in più della Philips”

Sono migliaia i delegati, funzionari e dirigenti cgil che hanno ascoltato con attenzione l’intervento di Raffaele Falzoni rsu Fiom Saeco. In prima fila nella platea dell’attivo Cgil dell’Emilia Romagna, svoltosi al Paladozza di Bologna, i massimi dirigenti del sindacato, con Susanna Camusso a fianco di Maurizio Landini. Emozionato ma determinato Raffaele ha raccontato gli sviluppi di una lotta esemplare, 50 giorni di presidio che negli ultimi giorni hanno visto un inasprimento del padrone Philips. E la risposta dei lavoratori è stata lo sciopero.

Proprio in questi giorni prima Philips ha dirottato le forniture verso lo stabilimento Saeco in Romania, a cui è seguita una serrata. Riaperti i cancelli, subito i lavoratori hanno incrocio le braccia e svuotato la fabbrica, raccogliendosi successivamente tutti al presidio. Tutti questi passaggi sono stati descritti da Raffaele nell’intervento e sono stati sottolineati da forti applausi alla tenacia dei lavoratori Saeco.

Raffaele, sciarpa al collo LA SAECO NON SI TOCCA, ha chiuso con la parola d’ordine della lotta “Resistere un minuto di più della Philips” che tutto il palazzetto dello sport di Bologna ha salutato con una ovazione. E l’abbraccio della Camusso e di Landini a Raffaele deve essere il segnale di un impegno da parte dei vertici sindacali a non fare alcun passo indietro nella difesa di tutti i posti di lavoro dello stabilimento di Gaggio Montano.

Articoli correlati

Bormioli – Contro la repressione, allargare il fronte della lotta!

La repressione poliziesca contro i facchini Bormioli va contrastata allargando il fronte della lotta. Da ogni sindacato e da ogni attivista sindacale sul territorio dovrebbe esserci la condanna di atti repressivi.

Castelfrigo, una vittoria di… Pirro

È bastata una semplice comunicazione da parte della Regione per porre fine al blocco delle merci che da 4 giorni e notti i lavoratori e la CGIL avevano organizzato davanti ai cancelli della Castelfrigo. Quale bilancio si può fare al termine di queste quattro giornate?

ATM – La dignità non ha prezzo

Se le “opere” previste per Expo sono in ritardo, l’organizzazione del lavoro di tutto il personale che dovrà operare per il funzionamento stesso dell’evento è, se possibile, ancora più indietro.

Bormioli – Difendiamo la lotta dei facchini, la lotta di tutti i lavoratori

La manifestazione e lo sciopero organizzati da alcuni funzionari Cgil a Fidenza contro la lotta dei facchini sono cose che mai avremmo voluto vedere.

Poclain (Modena): gli operai alzano la testa!

Da oltre una settimana, alla Poclain di Gaggio in Piano, nella provincia di Modena, gli oltre cento lavoratori sono in lotta per il rinnovo del contratto aziendale, scaduto da tre anni nei quali è stato valido un ormai lunghissimo accordo ‘ponte’.

Almaviva: riprendiamo la lotta contro i licenziamenti!

Il 5 ottobre, la direzione aziendale di Almaviva ha comunicato la volontà di riaprire le procedure di licenziamento per 2511 lavoratori (1666 a Roma e 845 a Napoli) con conseguente chiusura delle sedi di Napoli e Roma.