Saeco: “Resistere un minuto in più della Philips”

Sono migliaia i delegati, funzionari e dirigenti cgil che hanno ascoltato con attenzione l’intervento di Raffaele Falzoni rsu Fiom Saeco. In prima fila nella platea dell’attivo Cgil dell’Emilia Romagna, svoltosi al Paladozza di Bologna, i massimi dirigenti del sindacato, con Susanna Camusso a fianco di Maurizio Landini. Emozionato ma determinato Raffaele ha raccontato gli sviluppi di una lotta esemplare, 50 giorni di presidio che negli ultimi giorni hanno visto un inasprimento del padrone Philips. E la risposta dei lavoratori è stata lo sciopero.

Proprio in questi giorni prima Philips ha dirottato le forniture verso lo stabilimento Saeco in Romania, a cui è seguita una serrata. Riaperti i cancelli, subito i lavoratori hanno incrocio le braccia e svuotato la fabbrica, raccogliendosi successivamente tutti al presidio. Tutti questi passaggi sono stati descritti da Raffaele nell’intervento e sono stati sottolineati da forti applausi alla tenacia dei lavoratori Saeco.

Raffaele, sciarpa al collo LA SAECO NON SI TOCCA, ha chiuso con la parola d’ordine della lotta “Resistere un minuto di più della Philips” che tutto il palazzetto dello sport di Bologna ha salutato con una ovazione. E l’abbraccio della Camusso e di Landini a Raffaele deve essere il segnale di un impegno da parte dei vertici sindacali a non fare alcun passo indietro nella difesa di tutti i posti di lavoro dello stabilimento di Gaggio Montano.

Articoli correlati

Corrispondenze Operaie

Accordo Amazon – La lotta non è in saldo!

Dopo il primo grande ciclo di lotte messo in atto dai lavoratori Amazon del sito di Piacenza, che li aveva visti scioperare anche durante il Black Friday (il giorno dei grandi sconti) e a Natale, il 22 maggio è stato siglato un accordo tra i sindacati confederali e l’azienda.

Corrispondenze Operaie

Vertenza MA.CA. : vince il protagonismo dei lavoratori!

Reintegrati tutti gli operai licenziati da MA.CA nella ex RMC ed ex RMB!

Corrispondenze Operaie

Modena, vertenza Italpizza: in lotta contro un sistema schiavista!

Nella lotta della Italpizza stiamo rivedendo un film già visto alla Castelfrigo negli scorsi anni. Un sistema di ipersfruttamento ad opera di aziende con giri d’affari esorbitanti che, approfittando della Legge Biagi, macinano profitti sulla pelle di lavoratori per lo più stranieri sottoposti a condizioni disumane tramite il gioco delle finte cooperative e della intermediazione di manodopera.

Corrispondenze Operaie

Nella battaglia contro il virus non siamo tutti sulla stessa barca

Se c’è una cosa che l’emergenza sanitaria sta dimostrando è che al governo e ai padroni della salute dei lavoratori interessa ben poco, bisogna fermare l’epidemia, ma nello stesso tempo garantire la continuità produttiva. “Giù le mani dalle aziende!”, come dice Bauli, presidente di Confindustria Verona.

Meridione

Non un passo indietro. I lavoratori di Gela in lotta!

Lunedì 18 gennaio circa 2500 lavoratori, tra indotto e diretto, hanno proclamato lo sciopero ad oltranza bloccando tutti gli accessi alla raffineria e alla città. Una città che di fatto vive grazie al lavoro della raffineria e che ora progressivamente sta morendo. Ai lavoratori in protesta si sono uniti familiari, negozianti e artigiani, fino al corteo di oggi 26 gennaio, in quella che non è più solo una vertenza aziendale ma è una lotta di tutta la città.

Corrispondenze Operaie

Accordo Saeco – Era l’unica soluzione possibile?

Il 9 febbraio si è chiusa la vertenza contro i 243 licenziamenti alla Saeco annunciati dalla proprietà Philips. Dopo 73 giorni di presidio e di blocco delle merci ai cancelli della fabbrica, le lavoratrici e i lavoratori protagonisti della lotta hanno approvato l’accordo raggiunto il 5 febbraio.