24 Marzo 2022 In defence of marxism

Russia: il Komsomol espelle chi si oppone alla guerra in Ucraina

Abbiamo ricevuto un breve rapporto sulla battaglia politica che si svolge nell’organizzazione moscovita del Komsomol (l’organizzazione giovanile del Partito Comunista della Federazione Russa) sulla questione della guerra in Ucraina. Come risultato della loro opposizione alla linea ufficiale e sciovinista della direzione del partito, i sostenitori della Tendenza Marxista e altri iscritti sono stati espulsi.

Il 24 febbraio, il Partito Comunista della Federazione Russa, rappresentato dalla sua leadership, ha votato per il riconoscimento delle Repubbliche Popolari di Donetsk e Lugansk (DPR/LPR), e ha sostenuto la decisione del presidente Vladimir Putin di iniziare una cosiddetta “operazione militare speciale”, cioè l’invasione dell’Ucraina.

Come previsto, hanno cominciato ad apparire nel “principale partito di opposizione del paese”, il Partito Comunista della Federazione Russa (PCFR) gruppi che non sono d’accordo con la “linea ufficiale”. Le discussioni su questo tema nel partito sono state scoraggiate dalla leadership. In alcuni casi, le persone che esprimevano la loro opinione sono state etichettate come “fascisti” e “traditori della nazione”.

Nella sezione moscovita del Komsomol (organizzazione giovanile del PCFR) si sono levate molte voci contro la posizione ufficiale della direzione. Quest’ultima, all’inizio, ha fatto delle concessioni, per cui il Komsomol ha pubblicato una dichiarazione che conteneva una posizione leggermente meno sciovinista rispetto a quella del PCFR nel suo complesso, ma alla fine la dichiarazione è stata cancellata.

Formalmente, la direzione del Komsomol di Mosca ha deciso di tenere una discussione per sviluppare una posizione sulla situazione. Tuttavia, i rappresentanti dell'”opposizione”, compresi i sostenitori della Tendenza Marxista, deliberatamente, non ne sono stati né informati né invitati.

Il 16 marzo, si è tenuta una riunione organizzativa per preparare la Conferenza organizzativa ed elettorale del Komsomol di Mosca, in cui la questione della posizione del partito non era all’ordine del giorno. Tuttavia, dietro le quinte si è tenuta una discussione tra i membri del bureau (organo direttivo dell’organizzazione), la cui conclusione è stata quella di espellere i membri del Komsomol che sono sostenitori della Tendenza Marxista.

Questa decisione è stata annunciata solo il 19 marzo, la sera prima della Conferenza organizzativa ed elettorale. I membri della direzione della sezione di Mosca, cioè Bagina Daria, Guselnikov Ivan e Petukhov Maxim, hanno impedito personalmente ai “delegati esclusi” di partecipare alla conferenza. Come ha detto l’ex presidente della commissione di controllo e revisione, la decisione di espellerli è stata completamente contro le regole.

Dopo questa mossa oltraggiosa, i membri della Tendenza Marxista e parte dei membri del Komsomol della Federazione Russa hanno abbandonato la riunione in protesta contro le azioni della direzione, dopo avere già espresso le loro posizioni.

Articoli correlati

Russia

Tesi sulla guerra in Ucraina (Tendenza marxista, Ucraina)

Le seguenti brevi tesi sono state prodotte dai sostenitori della TMI in Ucraina, tradotte in italiano, trattano le origini della guerra in corso, e l’effetto reazionario che ha avuto sul paese. Per una soluzione internazionalista della guerra in Ucraina, e di tutte le guerre! Per la rivoluzione socialista!

Ucraina

Il massacro di Odessa – Noi non dimentichiamo!

Il 2 maggio 2014 gruppi paramilitari fascisti e nazisti assaltarono la Casa dei Sindacati di Odessa, in Ucraina, dandole fuoco. Nell’incendio e sotto i colpi di bastone e di arma da fuoco, perirono 42 giovani e lavoratori, militanti di organizzazioni comuniste e antifasciste.

Ucraina

In difesa di Lenin – Putin e la questione ucraina

Putin, nel suo discorso alla nazione di ieri, ha spiegato che “L’Ucraina è stata creata da Lenin”. La verità è che la Rivoluzione d’Ottobre ha avuto il grande merito di liberare le nazionalità oppresse dalla Russia zarista, quella Russia che Lenin definiva una “prigione dei popoli” e negava ogni diritto alle minoranze etniche.
Rendiamo disponibile ai nostri lettori questa lettera di Lenin, scritta nel 1919, che sviluppa in poche pagine la posizione del marxismo sulla questione della nazionalità. Lasciamo parlare Lenin!

Russia

Lo scontro Usa-Russia

Il conflitto tra Usa e Russia rappresenta una delle principali contraddizioni della politica mondiale. Nonostante durante la campagna elettorale del 2016 Donald Trump avesse dichiarato la sua intenzione di normalizzare i rapporti con la Russia, assistiamo oggi a una nuova escalation di sanzioni economiche e guerra diplomatica e propagandistica

Russia

La Russia “barbarica” e l’Occidente “civilizzato”

La libertà di parola, e per estensione, la libertà di stampa, è sempre considerata come una delle pietre miliari della democrazia. È ciò che si dice che separa i fieri cittadini del mondo occidentale da tutte le altre nazioni meno fortunate. Si suppone che sia la linea rossa che distingue la civiltà dalla barbarie. Soprattutto, nel momento attuale della storia mondiale, si dice che distingua noi popoli del mondo occidentale civili, democratici e amanti della libertà dalla barbarie russa dispotica.

Ucraina

La guerra in Ucraina: una posizione internazionalista di classe – La dichiarazione della TMI

La prima vittima della guerra è la verità. Questo è vero anche per ciò che riguarda ‘intervento militare russo in Ucraina. I marxisti devono essere in grado di aprirsi un varco nella nebbia delle menzogne e della propaganda di guerra e analizzare le vere ragioni dietro il conflitto, cosa lo ha causato e i veri interessi che stanno dietro le spiegazioni e le giustificazioni delle diverse parti coinvolte. Soprattutto, dobbiamo farlo dal punto di vista degli interessi della classe operaia internazionale.