25 Ottobre 2017

Rinnovo contratto merci e logistica – Fermiamo l’attacco padronale!

Il volantino che i militanti di Sinistra classe rivoluzione diffonderanno il 30 e 31 ottobre nei presidi e nei cortei dei lavoratori del settore Merci e Logistica, in sciopero per il rinnovo del contratto!

Scaricalo in pdf

 

Articoli correlati

Trasporto pubblico – Gli scioperi che spaventano padroni e governo

Il 16 giugno i lavoratori si sono mobilitati in difesa dei loro diritti con uno sciopero nazionale promosso da Cub, Sgb, Orsa, Cobas lavoro privato e Usb; l’adesione maggiore è stata a Roma dove da anni le condizioni di lavoro degli addetti ATAC e TPL sono insostenibili.

Dove vanno trovate le colpe del disastro ferroviario in Puglia?

A seguito del disastro ferroviario avvenuto il 13 luglio tra Andria e Corato, in una intervista all’amministratore delegato delle Ferrovie dello Stato (Renato Mazzoncini), su IL SOLE 24 ORE del

Logistica – Lo sciopero è stato un successo: ora la parola ai lavoratori!

Che lo sciopero di Cgil, Cisl e Uil del 30 e 31 ottobre per il rinnovo del contratto merci e logistica sia andato bene lo si capisce anche dalle dichiarazioni delle associazioni padronali che la sera del 31 ottobre hanno fatto sapere di “essere disponibili a riaprire il confronto per trovare al più presto un accordo”. Considerando l’arroganza precedente è evidente che hanno subìto il colpo.

Il volantino di Sinistra classe rivoluzione al corteo di Piacenza

Domani, 17 settembre, Sinistra classe rivoluzione sarà presente al corteo di protesta contro l’omicisio di Abd Elsalam, il facchino dell Gls in lotta per difendere i propri diritti e quelli dei suoi compagni.

UPS – USA: Sosteniamo il NO! all’accordo sindacale

Pubblichiamo il volantino delle Rappresentanze sindacali dei lavoratori diretti ed indiretti di UPS Italia sull’importante vertenza dei lavoratori UPS negli Stati uniti.

Trasporto merci e logistica: è il momento dell’offensiva!

Il primo dicembre parte il cosiddetto picco di natale. I lavoratori del trasporto merci e della logistica, magazzinieri, autisti, impiegati e call center, saranno per tre settimane sottoposti a carichi di lavoro ancora più insostenibili.