Rilascio immediato degli attivisti socialisti pakistani! Firma la petizione!

All’Ambasciata del Pakistan in Italia, Via della Camilluccia 632, Roma

Al Primo Ministro del Pakistan, Shahid Khaqan Abbasi, presso l’Ufficio del Primo Ministro a Islamabad ([email protected])

All’Ufficio di Polizia Nazionale del Pakistan (http://www.npb.gov.pk/index.php/play-part/)

 

 

Sette attivisti sindacali e giovanili risultano scomparsi dopo essere stati sequestrati a Karachi dall’Esercito e dai Sindh Rangers, una struttura paramilitare di Stato tristemente celebre per le esecuzioni extragiudiziali. Nessuno ha ricevuto comunicazioni riguardo a dove siano detenuti i sette fermati e non è stata registrata alcuna imputazione contro di loro.

Questi attivisti, tutti componenti dell’organizzazione Lal Salaam (affiliata alla Tendenza marxista internazionale) sono stati arrestati per essersi uniti alla protesta in solidarietà con il Movimento di protezione Pashtun (Ptm, Pashtun Tahafuz Movement) di fronte alla sede del circolo della stampa di Karachi.

Esigiamo il rilascio immediato di questi sette attivisti della Tmi seguestrati dall’Esercito pakistano. Il loro unico crimine è di avere espresso le proprie opinioni sullo Stato pakistano e di avere dato sostegno al Ptm nella manifestazione di oggi. Esigiamo anche che le rivendicazioni del Ptm vengano accettate immediatamente e che lo Stato ponga fine alle atrocità commesse nelle aree tribali e cessi il suo sostegno al fondamentalismo islamico.

I firmatari richiedono il rilascio immediato di questi attivisti e la fine della repressione contro il Ptm.

Al momento risultanto arrestati:

 

1) Karim Parhar, rappresentante del PTM e del Red Workers’ Front (RWF) Quetta

2) Attaullah Afridi, responsabile della Progressive Youth Alliance (PYA) Karachi

3) Aftab Ashraf, responsabile nazionale del RWF

4) Umer Riaz, responsabile della PYA Islamabad

5) Zain ul Abideen responsabile nazionale PYA

6) Gulbaz, responsabile del RWF Kashmir

7) Bilawal Baloch, vicesegretario della PYA

 

22 aprile 2018

 

 

Per adesioni:

https://www.change.org/p/prime-minister-of-pakistan-release-the-disappeared-socialist-activists-in-pakistan-immediately

e/o mail a [email protected]

 

 

Prime sottoscrizioni (in Italia):

 

Claudio Bellotti (portavoce lista “Per una Sinistra Rivoluzionaria”)

Mario Iavazzi (Direttivo nazionale Cgil)

Alessandro Giardiello (Esecutivo nazionale Sinistra Classe Rivoluzione)

Alessio Marconi (Esecutivo Nazionale Sinistra Classe Rivoluzione)

Paolo Brini (Comitato Centrale Fiom-Cgil)

Gianplacido Ottaviano (Comitato centrale Fiom-Cgil Rsu Bonfiglioli Bologna)

Domenico Loffredo (Fca Pomigliano D’Arco – Fiom Napoli)

Paolo Grassi (Dir. Naz Nidil-Cgil)

Margherita Colella (Direttivo nazionale Flc-Cgil)

Sonia Previato (direttrice Rivoluzione)

Serena Capodicasa (redazione Falcemartello)

Franco Bavila (direttivo Lombardia Fisac-Cgil)

Daniele Prampolini (Dir.Fiom Modena)

Piero Ficiarà (Dir.Fiom-Cgil Modena)

Luca Paltrinieri (Rsu Netscout dirtettivo Fiom-Cgil Modena)

Giuseppe Violante (Rsu Fiom-Cgil Maserati Modena)

Matteo Parlati (Rsu Fiom-Cgil Ferrari Modena)

Giuseppe Faillace (Rsu Motovario direttivo Fiom-Cgil Modena)

Luca Acquarico (Dir. Fiom-Cgil Modena)

Francesco Favalli (Coordinamento studentesco Sempre in Lotta)

Davide Bacchelli (delegato Ima direttivo Fiom-Cgil Bologna)

Gian Pietro Montanari (Rsu Toyota Fiom-Cgil Bologna)

Gianluca Sita (Rsu Fiom-Cgil Ima Bologna)

Domenico Minadeo (Rsu Fiom Metaltarghe Bologna)

Massimo Pieri (Rsu Tas spa Casalecchio di Reno direttivo Fiom-Cgil Bologna)

Beatrice Bonaldo (Gsm Università degli Studi di Milano)

Luca Ibattici (Rsu Spal Reggio Emilia direttivo Regionale Fiom Emilia Romagna)

Davide Ledda (Rsu Cft direttivo Fiom-Cgil Parma)

Arianna Mancini (Usb Asl Roma)

Diego Sabelli (Rsu Elt direttivo Fiom-Cgil Roma)

Vincenzo Chianese (Rsu Ergom Caserta direttivo Fiom-Cgil Campania)

Marco Mussini (Dir. Fiom-Cgil Reggio Emilia)

Emilio Di Lorenzo (Gsm Napoli)

Angelo Raimondi (delegato Esselunga Corbetta-Milano direttivo regionale Lombardia Filcams-Cgil)

Davide Longo (Collettivo Varese Rossa)

Antonio Forlano (Rsu Ups direttivo Filt-Cgil Lombardia)

Laura Parozzi (Rsu Ups Vimodrone Milano direttivo Filt-Cgil)

Cinzia Crespi (Rsu Ups Vimodrone Milano direttivo Filt-Cgil)

Barbara Lietti (Rsu Ospedale Sacco Milano direttivo Lombardia Funzione pubblica-Cgil)

Antonio Esposito (delegato Slc-Cgil Almaviva Napoli)

Fulvio Beato (Usb Lavoro Privato Caserta)

Simona Leri (Rsu Coop Alleanza 3.0 direttivo Filcams-Cgil Modena)

Joan Valdiviezo (delegato Filt-Cgil Italgroup cantiere​ Ups Milano)

Jeisson Zuniga (delegato Filt-Cgil Planet Cantiere Ups Milano)

Luca Pezza (Rsu Michelin direttivo Filctem-Cgil Milano)

Fiammetta Fossati (Rsu Fiom-Cgil Etipak Milano)

Davide Tognioni (Rsu FP-Cgil Comune di Rolo Reggio Emilia)

Ilic Vezzosi (Dir. Cgil Reggio Emilia)

Marco Paterlini (delegato FP-Cgil Olmo Reggio Emilia)

Alessio Sammartino (Dir. Filcams-Cgil Roma)

Lidia Luzzaro (Dir. Nidil-Cgil Cosenza)

Serenella Ricci (direttivo Lombardia Fisac-Cgil)

Lorenzo Esposito (Rsa Banca D’Italia Milano)

Sergio Schneider (Rsu Flc-Cgil Milano).

 

Leggi anche:

Articoli correlati

Pakistan

Kashmir: una valle in rivolta

Il Kashmir occupato dall’India è in rivolta dal’8 luglio, il giorno dell’omicidio di Burhani Wani, un comandante del gruppo Hizbul Mujahideen, da parte delle truppe indiane. L’omicidio ha scatenato un movimento di protesta di massa in tutta la valle del Kashmir. Lo stato indiano ha risposto in maniera brutale, imponendo un coprifuoco draconiano, uccidendo più di 80 persone e ferendone migliaia. Pubblichiamo un commento sulla situazione attuale di Yasir Irshad, un marxista della TMI nel Kashmir occupato dal Pakistan.

Pakistan

Libertà per Rawal Asad – Un appello

La Pakistan Trade Union Solidarity (Campagna di solidarietà con i sindacati del Pakistan) fa appello a studenti, lavoratori e le loro organizzazioni affinchè esprimano la loro solidarietà a Rawal Asad e ne chiedano l’immediato rilascio.

Pakistan

Pakistan – Quando il terrorismo diventa una risorsa strategica!

Nella sera di domenica 28 marzo, un attentatore suicida si è fatto esplodere in un parco giochi a Lahore. Fino ad ora sono almeno 72 i morti accertati e più di 250 i feriti.

Pakistan

Pakistan – Lavoratori della sanità arrestati e torturati dalla polizia per aver richiesto dei dispositivi di protezione

Oggi, (ieri, 6 aprile, ndt) decine di lavoratori della sanità sono stati arrestati e torturati a Quetta, in Pakistan. Sono stati colpiti dalla repressione governativa mentre protestavano per la fornitura di dispositivi di protezione individuale fuori dell’ufficio del primo ministro della provincia del Belucistan, in Pakistan. Anche un compagno del Red Workers’ Front è stato arrestato.

Pakistan

Pakistan – Amar Fayaz è stato liberato!

Abbiamo appena ricevuto una bellissima notizia: Amar Fayaz è stato rilasciato oggi. I servizi di sicurezza dello stato lo hanno riportato al suo villaggio. Il rilascio di Amar è possibile

Pakistan

Il Pakistan sprofonda nella crisi – Le forze del marxismo si rafforzano!

Nel fine settimana del 30 e 31 marzo, a Lahore, si è tenuto il congresso della sezione pakistana della Tmi. La Bakthiar Labour Hall, sede del sindacato dei lavoratori dell’azienda idroelettrica nazionale Wapda, è stata gremita da oltre 260 compagni e compagne.